UNGHERIA. Nuovi accordi energetici con Mosca

179

L’Ungheria ha firmato a Mosca nuovi accordi in materia di energia per garantire la fornitura ininterrotta di gas e greggio russo a Budapest e per modificare il finanziamento dell’espansione della centrale nucleare di Paks, ha dichiarato il Ministro degli Affari Esteri e del Commercio Peter Szijjarto dopo i colloqui tenutisi a Mosca l’11 aprile.

I nuovi accordi sono ancora una volta in contrasto con gli sforzi di altri Stati dell’Ue e della Nato per ridurre la loro dipendenza dall’energia russa ed evitare contatti diretti con il regime del Presidente russo Vladimir Putin.

Il diplomatico ungherese ha discusso della sicurezza del gasdotto TurkStream con il vice primo Ministro russo Alexander Novak, responsabile delle questioni energetiche.

Ai colloqui hanno partecipato anche rappresentanti del ministero delle Finanze, del ministero dell’Energia, di Rosatom e di Transneft.

L’Ungheria riceve il petrolio russo attraverso l’oleodotto Druzhba e il gas attraverso il TurkStream, passando per la Bulgaria e la Serbia, in base a un accordo di 15 anni con Gazprom firmato alla fine del 2021. L’accordo prevede la spedizione annuale di 4,5 miliardi di metri cubi di gas, ma l’anno scorso l’Ungheria si è assicurata altri 700 milioni di metri cubi. L’anno scorso ha importato 4,8 miliardi di metri cubi di gas dalla Russia.

Szijjarto ha annunciato che è stato raggiunto un accordo sull’estensione di un’opzione per l’Ungheria di acquistare gas oltre il volume stipulato nel suo contratto di acquisto a lungo termine, se necessario. Ha sottolineato che l’80-85% del gas ungherese proviene dalla Russia e che la sua fornitura continua e ininterrotta è di “importanza critica”.

«La Russia è sempre stata un fornitore affidabile di risorse energetiche, in futuro siamo pronti a fornire forniture affidabili anche all’Ungheria», ha dichiarato Novak.

È stato inoltre raggiunto un accordo che consente all’Ungheria di differire i pagamenti del gas oltre la soglia di 150 euro per prepararsi a “situazioni estreme”, secondo Szijjarto.

Nonostante le sanzioni, la parte russa ha assicurato che tutta la tecnologia, il know-how e i pezzi di ricambio sono a sua disposizione per garantire la manutenzione del gasdotto TurkStream, attraverso il quale l’Ungheria ottiene la maggior parte del suo gas.

Le parti hanno concordato la continuazione della fornitura di greggio russo alla MOL ungherese attraverso l’oleodotto Druzhba che attraversa l’Ucraina. L’azienda ungherese del petrolio e del gas negozierà le tariffe di transito diretto con gli operatori ucraini del gasdotto, ha aggiunto.

L’Ungheria è uno dei Paesi più dipendenti dall’energia russa. Il governo Orban è stato criticato per non aver accelerato il processo di riduzione della dipendenza da Mosca.

«Il governo ungherese non è disposto a rinunciare alla sicurezza dell’approvvigionamento energetico per nessuna ragione politica», ha dichiarato Szijjarto durante una conferenza sull’energia tenutasi in Bosnia il mese scorso, aggiungendo che Budapest conta sul gas russo per almeno altri 5-8 anni.

Mentre altri Paesi europei hanno trovato con successo alternative alla fornitura di gas russo, l’Ungheria sta pianificando la costruzione di tre turbine a gas a ciclo combinato in un paio d’anni con una capacità totale fino a 1.650 MW per soddisfare il fabbisogno energetico di nuovi impianti industriali, riporta BneIntelliNews.

È stato raggiunto un accordo per modificare il contratto per la costruzione e il finanziamento dell’espansione di Paks 2, ha dichiarato Szijjarto, aggiungendo che i due nuovi blocchi da 1.200 MW dovrebbero essere costruiti il prima possibile.

«Abbiamo affrontato una lunga trattativa, ma oggi abbiamo raggiunto un accordo su tutte le questioni necessarie a garantire che l’investimento possa andare avanti», ha aggiunto.

«Speriamo che la Commissione europea non voglia mettere a rischio la sicurezza a lungo termine dell’approvvigionamento energetico dell’Ungheria, che può essere garantita dalla costruzione dei nuovi blocchi a Paks», ha aggiunto.

Il settore nucleare russo è stato risparmiato dalle sanzioni dell’Ue, ma la Polonia e la Lituania stanno spingendo per imporre sanzioni all’industria dell’energia nucleare del Paese come parte dell’11° round di sanzioni. Secondo i rapporti, l’Ungheria, che dipende in larga misura dalla Russia per la fornitura di barre di combustibile, riceverebbe delle esenzioni.

Nelle ultime settimane, i funzionari ungheresi hanno ammesso apertamente che il governo sta rivedendo l’espansione da 12,5 miliardi di euro dell’unico impianto nucleare del Paese, un progetto guidato da Rosatom e finanziato da un prestito statale russo da 10 miliardi di euro, in quanto il progetto ha subito ritardi e in seguito al blocco da parte del governo tedesco delle autorizzazioni alla Siemens per la consegna delle apparecchiature di controllo dei nuovi reattori. Il gigante industriale tedesco ha un contratto per la consegna delle apparecchiature insieme a Framatome, il produttore di reattori nucleari di proprietà statale francese.

Alla Francia è stato offerto un ruolo più importante, ma Budapest non intende abbandonare il progetto guidato da Rosatom e sostituire il principale reattore russo con altri, poiché ciò comporterebbe una nuova procedura di autorizzazione con l’UE e l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, nonché con l’autorità nucleare locale, un processo che potrebbe trascinarsi per anni. Il più grande investimento greenfield è in ritardo di almeno 5-7 anni e anche se tutto dovesse andare secondo i piani, i due nuovi blocchi non entreranno in funzione prima del 2030.

Sulla sua pagina Facebook prima del viaggio, Szijjarto ha ricordato un rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia, che ha messo in guardia sull’aumento del fabbisogno energetico globale a causa della crescita della domanda in Cina e ha affermato che l’Europa potrebbe avere difficoltà di approvvigionamento a causa del lento sviluppo delle infrastrutture energetiche.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/