UNGHERIA. Ecco come Orban pagherà in rubli il gas russo

298

L’Ungheria prevede di pagare il gas russo in euro attraverso Gazprombank, che convertirà il pagamento in rubli per soddisfare il nuovo requisito stabilito dal presidente Vladimir Putin. Lo ha detto il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto durante una pausa in una riunione dei ministri degli Esteri dell’Ue in Lussemburgo. Szijjarto ha riconosciuto “accesi dibattiti nei media” sulla questione del pagamento del gas russo in rubli.

Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen aveva detto giorni prima che pagare il gas russo in rubli avrebbe violato le sanzioni contro la Russia. L’UE ha cercato un fronte unito nell’opporsi alla richiesta di Mosca per il pagamento nella valuta russa.

Le osservazioni del ministro degli Esteri arrivano un giorno dopo che il portavoce del governo ungherese Zoltan Kovacs aveva detto che il pagamento in rubli per il gas russo non è una violazione delle sanzioni dell’Unione europea. Il primo ministro Viktor Orban in una conferenza stampa internazionale ha anche confermato che l’Ungheria è pronta a pagare con rubli per il gas russo, riporta BneIntellinews.

Orban ha detto che è impossibile per l’Ungheria non usare l’economico gas russo e comprare invece la costosa energia americana, aggiungendo che non è fattibile per l’Europa contare sul trasporto di volumi sufficienti di Gnl. Szijjarto ha spiegato in un post su Facebook il modo in cui l’Ungheria continuerebbe a pagare il gas russo.

La filiale CeEnergy della compagnia energetica statale Mvm sta creando due conti presso Gazprombank, che non è nella lista delle banche sanzionate, un conto in euro e uno in rubli. Paga euro a Gazprombank, che converte gli euro in rubli, e questi vanno a Gazprom Export.

«Così noi paghiamo in euro, gli euro vengono convertiti in rubli da Gazprombank e l’importo viene pagato a Gazprom Export. Questa soluzione non viola nessuna delle sanzioni che sono state imposte e allo stesso tempo rispetta le richieste del fornitore», ha spiegato Szijjarto.

Ha notato che il contratto a lungo termine firmato a settembre sulle forniture di gas dell’Ungheria dalla Russia permette che il pagamento sia effettuato in valute diverse dall’euro.

Alla riunione dei ministri degli esteri degli stati membri dell’Ue, non è stata presa alcuna decisione sull’imposizione di sanzioni sulle importazioni di petrolio e gas russo, anche se alcuni membri erano a favore di un divieto più ampio delle forniture di energia. La settimana scorsa i leader dell’Unione hanno approvato il quinto giro di sanzioni che include un divieto sulle importazioni di carbone russo nell’Ue.

«Non voteremo a favore delle sanzioni su petrolio e gas perché queste chiuderebbero effettivamente l’economia ungherese», ha detto Szijjarto.

L’Ungheria si è opposta all’estensione delle sanzioni contro la Russia al petrolio e al gas. Circa l’85% del suo gas e il 60% del suo fabbisogno di petrolio sono coperti dalle importazioni russe.

Lucia Giannini