Un miliardo di dollari all’Egitto dall’Arabia Saudita

63

L’Arabia Saudita ha trasferito 1 miliardo di dollari alla banca centrale d’Egitto. Questo è quanto ha fatto sapere un Ministro egiziano.

E l’azione è da considerarsi, sempre secondo il Ministro, come un aiuto al Cairo per ottenere un prestito di 3,2 miliardi dollari dal FMI. L’Egitto, infatti, ha chiesto al Fondo Monetario Internazionale (FMI) e agli altri interlocutori internazionali un prestito per sollevare il deficit della bilancia dei pagamenti aggravata dalla confusione politica ed economica degli ultimi 15 mesi. La rivolta dello scorso anno ha allontanato turisti e gli investitori stranieri, due delle principali fonti guadagno per l’Egitto e gli economisti sostengono che il paese avrà bisogno di un minimo di 11 miliardi di euro nel prossimo anno per evitare una crisi della bilancia dei pagamenti e una svalutazione potenziale della sua moneta. In una dichiarazione, il ministro per la Pianificazione e la cooperazione internazionale eFayza Abouelnaga ha detto che i fondi sauditi erano stati depositati per otto anni presso la banca centrale e che «il coordinamento è in corso» con l’Arabia Saudita sugli elementi rimanenti: un pacchetto di 2,7 miliardi dollari di primo soccorso che Riyadh ha concesso un anno fa. Il pacchetto di aiuti comprende anche l’Arabia Saudita dia 500 milioni di dollari a sostegno di progetti per lo sviluppo, 250 milioni di dollari per finanziare gli acquisti di prodotti petroliferi e 200 milioni di dollari a sostegno delle piccole e medie imprese.