#UKRAINERUSSIAWAR. Zelensky dimentica di vedere Lula da SIlva. A Belgorod prosegue la caccia ai guastatori ucraini

231

La pubblicazione militare Miliyary Watch ritiene che esperti stranieri potrebbero essere morti a seguito di un attacco russo al sistema di difesa aerea Patriot. Secondo la pubblicazione, il sistema di difesa aerea Patriot è un sistema d’arma molto complesso e avanzato e l’esercito ucraino non sarebbe in grado di usarlo. Le stesse batterie sono state schierate a Kiev nell’aprile di quest’anno con l’aiuto di specialisti stranieri; gli stessi specialisti avrebbero svolto un addestramento aggiuntivo per gli ucraini e avrebbero preso parte loro stessi alla repressione degli attacchi missilistici su Kiev.

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ha dichiarato di essere tornato da viaggi all’estero e di aver visitato la zona di guerra martedì. Non ha specificato in quale zona si trovasse. Ha anche dichiarato che: «Sarà creato in Ucraina il Corpo dei Marines. Kiev promette di fare di tutto per lo sviluppo di un ramo importante e forte delle forze armate. Dotare la fanteria di armi e attrezzature moderne e creare nuove brigate dei marines ucraini».

Il presidente del Brasile Luiz Inácio Lula da Silva ha affermato che il discorso di Zelenskyj al G7 non ha cambiato la sua posizione sull’Ucraina. «Ho ascoltato con attenzione il discorso di Zelenskyj all’incontro, senza dubbio ha ascoltato con attenzione il mio discorso all’incontro. E la mia posizione è rimasta la stessa», ha detto il presidente del Brasile, osservando che non riteneva giusto discutere la situazione in Ucraina nel formato G7. Non solo da Silva si è detto pronto a incontrare il presidente ucraino, ma “Zelensky non è venuto” all’ora stabilita. «Forse aveva un incontro più importante. Non lo so, ma resta il fatto: alle 15:15 del 21 maggio) avevamo appuntamento con lui proprio in questa sala», ha spiegato il presidente brasiliano. Secondo Lula da Silva, quello che è successo non lo ha turbato, ma era insoddisfatto.

Mosca si è detta pronta a fornire tutto il necessario ai paesi che desiderano organizzare la produzione di armi e attrezzature militari russe sul loro territorio, ha confermato il direttore del Servizio federale per la cooperazione tecnico-militare della Russia, Dmitry Shugaev. Come ha notato Shugaev, tradizionalmente la fornitura di prodotti finali a clienti stranieri prevale ancora nella quota delle esportazioni, ma ogni anno la crescita dell’interesse dei partner per la realizzazione di progetti comuni è più pronunciata. La Corte Suprema del DPR ha condannato all’ergastolo il militante di “Azov” per l’esecuzione di un prigioniero di guerra russo a Mariupol.

A Bachmut a dare il cambio alla Wagner sono già pronti i sette reggimenti ceceni comprese le Akmat di Kadirov. Secondo le prime indiscrezioni, i soldati delle forze armate ucraine hanno sparato a 10 dei loro soldati con l’accusa di tradimento per aver lasciato la loro posizione. Il numero di rifugiati evacuati da Bachmut, che i russi chiamano Artemiovsk, a Shakhtersk, dove si trovano i centri di accoglienza temporanea, supera le 3,5mila persone, ha detto il sindaco della città Alexander Shatov. Secondo il sindaco, il 21 maggio, 58 persone sono state portate al TAP di Shakhtersk e altre 60 arriveranno nel prossimo futuro.

Il comando delle forze armate ucraine ha trasferito le unità sopravvissute a Bachmut nelle direzioni di Kupyansk e Krasnolimansk nella zona dell’operazione militare speciale della Russia. Il loro compito principale dopo il loro ridispiegamento è “rafforzare altre unità delle formazioni armate dell’Ucraina che hanno esaurito la forza in queste direzioni”.

Il governatore della regione di Belgorod Gladkov ha dichiarato il 23 maggio: «La pulizia del territorio all’interno del CTO continua», «In effetti, i residenti di Grayvoron, Novostroevka, Gorky, Bezymeno, Wet Orlovka, Glotovo, Mount Podol, Zamostye, Spodaryusheno sono stati reinsediati. Inoltre, gli insediamenti del distretto urbano di Grayvoron Golovchino, Antonovka, Kozinka, Spodaryusheno, Mount Podol, Glotovo, Zamostye, Bezymeno, Zarechye, Grayvoron, Wet Orlovka, Novostroevka sono stati oggetto di numerosi colpi di mortaio e artiglieria. L’MLRS ha lavorato su edifici residenziali e civili, ordigni esplosivi sono stati sganciati da quadricotteri. Di conseguenza, ci sono 12 civili feriti, sono stati registrati danni a 29 case private e tre auto. Al momento non c’è elettricità in 14 insediamenti, inizieremo i lavori di ripristino quando la situazione operativa lo consentirà», ha affermato Gladkov.

Riferendosi alle attività a Belgorod, il portavoce del Cremlino, Dmitrj Peskov, alla domanda sui russi etnici che hanno attaccato la regione di Belgorod ha dichiarato: «Dobbiamo partire dal fatto che sono tutti militanti ucraini e questo è motivo di profonda preoccupazione e richiede molto impegno da parte nostra».

Dopo quanto accaduto a Belgorod è stato annunciato dalla Russia il piano “Edelweiss” per le forze di sicurezza (raccolta generale) anche nella regione di Bryansk. La Guardia Nazionale secondo fonti social si sta rafforzando nei distretti Sevsky, Suzemsky, Trubchevsky e Klimovsky della regione.

Le forze armate ucraine nell’ultimo giorno hanno bombardato circa 20 insediamenti nella regione di Belgorod, 12 civili sono rimasti feriti.

«La regione di Belgorod è stata bombardata 15 volte nell’ultimo giorno, la regione di Borisov è stata colpita dal fuoco tre volte, cinque proiettili sono stati sparati contro il villaggio di Stary Khutor, distretto di Valuysky. Il distretto urbano di Shebekinsky è stato colpito 25 volte, di cui 8 colpi di mortaio sono stati sparati contro il villaggio di Terezovka, non ci sono state vittime o distruzioni», ha aggiunto il governatore Gladkov.

Lo stesso Gladkov ha annunciato un attacco informatico senza precedenti dall’Ucraina e ha esortato i residenti a fidarsi solo delle informazioni ufficiali. Lo ha annunciato sul suo canale Telegram: «Ieri abbiamo affrontato un attacco senza precedenti, non abbiamo mai avuto nulla di simile prima. Carri armati nella regione di Belgorod, mia moglie in qualche aeroporto, un disastro nucleare, l’evacuazione di Shebekin e Belgorod, chiamate ai miei assistenti chiedendomi di fermare la mia attività a Grayvoron (…) Ancora una volta eravamo convinti che fosse in corso una vera guerra dell’informazione contro di noi per intimidire, così che il panico avvolgesse l’intera regione di Belgorod», ha detto.

«Nel pomeriggio del 23 maggio», secondo fonti social filo russe, «i sabotatori ucraini controllavano ancora le postazioni vicino al checkpoint di Graivoron nella regione di Belgorod». «La linea di fortificazioni passa davanti alla città di Grayvoron e dietro i villaggi di Kozinka, Glotovo e Gora-Podil. A causa del fatto che c’erano residenti locali, i militari non potevano iniziare a lavorare con forza e forza sul DRG. Dopo l’introduzione del regime CTO nella regione e l’evacuazione delle persone, la situazione è migliorata, ma potrebbero esserci ancora residenti locali a Kozinka e Glotovo».

È stato anche riferito che l’artiglieria sta lavorando dal territorio dell’Ucraina sulle posizioni delle forze armate russe nella regione di Belgorod. Combattenti della regione di Belgorod hanno riferito in un’intervista ad un canale militare: «Al momento il nemico è andato oltre lo 0. Ci stiamo avviando verso il posto di blocco, l’avanzata è complicata dal fatto che il nemico può rimanere nelle abitazioni private ed è impossibile utilizzare armi pesanti. Inoltre, questo pomeriggio sono stati effettuati attacchi aerei al posto di blocco, presumibilmente il corazzato da trasporto truppe con numero di riconoscimento 430 è stato distrutto al punto di ispezione, ma questa informazione non viene specificata».

“L’operazione antiterrorismo” spiegano da parte russa “continua”. Parte delle formazioni ucraine è rimasta nella zona di confine e le unità russe stanno rastrellando l’area. Il generale Lapin è incaricato dell’operazione di ripristino dei confini. Il controllo sull’insediamento di Kozinka da entrambe le parti è condizionato: le formazioni ucraine si sono trincerate vicino al valico di frontiera e alla periferia meridionale dell’insediamento, e controllano anche parzialmente la strada per Glotovo.

In un dispaccio fornito da militari sul posto si legge: «Dalle 11:00 gli aggressori hanno trasferito rinforzi da Bolshaya Pisarevka: tre gruppi del battaglione nazionale “Kraken” e unità di difesa territoriale sono entrati nel territorio della regione di Belgorod. Ci sono fino a 500 persone e attrezzature ucraine a Bolshaya Pisarevka, da cui gli UAV vengono costantemente lanciati a Grayvoron e Belgorod».

Allo stesso tempo, fanno sapere via social, c’è una concentrazione di diverse migliaia di combattenti mercenari ucraini lungo il confine con la regione di Belgorod. Uno dei gruppi ha tentato di fare una sortita a Gorky, la penetrazione non è stata consentita. Ma in un’altra zona, vicino a Shchetinovka, il DRG delle forze armate ucraine è riuscito a raggiungere il confine di stato, ne è seguita una battaglia, che è stata ascoltata a Shchetinovka e Bohun-Haradok.

Secondo il vice ministro della Difesa ucraina Malyar: «Il conflitto nel BPR (Repubblica popolare di Belgorod – come la chiamano gli ucraini) però è una prevedibile crisi interna russa che si stava preparando anche prima dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia», e ancora ha affermato che «l’opposizione sia andata a rovesciare il sanguinoso regime dell’apartheid, questo è un affare interno della Russia». Ricordiamo che il vice ministro Malyar è la stessa che due giorni prima che Bachmut cadesse ha affermato che l’Ucraina stava avanzando di 20 km a Bachmut.

Ed ora uno sguardo a tutta la linea del fronte e, ai bombardamenti da ambo le parti nella notte tra il 22 e il 23 maggio, che ricordiamo essere di oltre 1500 km. Un gruppo di sabotaggio-ricognizione ucraino ha attaccato il posto di blocco del confine di Grayvoron ed è entrato nel territorio della regione di Belgorod.

Gli ucraini supportati da mezzi corazzati, sono riusciti a sfondare la prima linea di difesa e a penetrare fino a 8 chilometri dal confine. Ulteriori unità sono state ridistribuite nel distretto urbano di Grayvoronsky per eliminare la loro presenza. Le unità ucraine sono state respinte al confine russo. Nella regione è stato imposto un regime di operazioni antiterrorismo.

Allo stesso tempo, le unità ucraine hanno lanciato massicci attacchi sui territori di confine della regione di Belgorod. Almeno sette insediamenti nei distretti urbani di Graivoronsky e Shebekinsky sono stati bombardati.

Nella regione di Bryansk, gli ucraini continuano ad attaccare il distretto di Klimovsky situato al confine. Le case residenziali e gli edifici civili a Khoromne e Solovyovka sono stati colpiti da colpi di mortaio.

Le forze russe hanno lanciato attacchi missilistici sulle concentrazioni di unità nemiche a Kharkiv e Tsyrkuny. Uno degli obiettivi colpiti era il quartier generale del battaglione della brigata di carri armati ucraini.

Nei pressi di Mar’inka, le forze di Kiev hanno tentato un assalto alle postazioni russe situate a nord del villaggio di Pobeda. L’offensiva è stata interrotta dal fuoco dell’artiglieria.

Le truppe russe hanno utilizzato UAV “Geran-2” e missili da crociera per colpire obiettivi ucraini in territorio ucraino. A Dnipropetrovsk si sono sentite circa 15 esplosioni nella periferia della città e precisamente nei pressi della stazione dei vigili del fuoco situata nelle vicinanze dell’aeroporto.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/