#UKRAINERUSSIAWAR. Zaporizhzhya un referendum a rischio nucleare

166

A partire dal 6 agosto si sono registrate nuove esplosioni nei pressi di Energodar, dove si trova la centrale nucleare di Zaporizhzhya. Nella centrale nucleare si vede che la spoletta presenta le marcature del cannone da 155 mm – calibro NATO. Calibro puntato contro una sottostazione elettrica, sparato dal territorio controllato dall’Ucraina. L’ultimo attacco in ordine cronologico è avvenuto l’11 agosto alle 15.31 ore italiane. Per fortuna Il fondo di radiazioni dopo l’attacco delle forze armate ucraine al territorio della centrale nucleare di Zaporizhzhia rimane normale, ha dichiarato Rogov, membro del Consiglio di amministrazione civile-militare della regione di Zaporizhzhia. Sarebbero stati lanciati 5 MLRS. Gli ultimi attacchi arrivano dalla dalla riva destra del fiume Dnieper, attualmente sotto il controllo ucraino. Nella regione di Kherson è caduta una linea di trasmissione ad alta tensione che va dalla centrale nucleare di Zaporizhzhya alla Crimea (probabilmente a causa di un bombardamento).

I russi hanno subito incolpato gli ucraini perché l’obiettivo mirava alla presa d’acqua che fornisce acqua ai cittadini e l’11 agosto Kiev, secondo i russi, sta cercando di colpire i depositi di cemento della centrale nucleare di Zaporizhzhia, dove sono stoccate migliaia di tonnellate di scorie radioattive.

Nello stesso giorno usciva un report dell’intelligence britannica secondo cui è iniziata una nuova fase della guerra, caratterizzata da pesanti combattimenti su un fronte di 350 km lungo il fiume Dnieper, da Zaporizhzhya a Kherson. Le forze russe, si legge nel report stanno concentrando forze e mezzi nel sud, prevedendo una controffensiva ucraina, e potrebbero preparare una propria offensiva. I convogli di attrezzature russe continuano a spostarsi dal Donbass verso sud-ovest. Inoltre, sono stati segnalati movimenti di truppe da Melitopol, Berdyansk, Mariupol e il ridispiegamento di unità dal territorio russo attraverso il ponte di Kerch verso la Crimea. È molto probabile che i gruppi tattici dei battaglioni riassegnati, composti da 800-1.000 uomini, vengano utilizzati nella regione di Kherson.

L’AFU sta prendendo di mira ponti, depositi di munizioni e binari ferroviari, compresa la ferrovia strategicamente importante che collega Kherson alla Crimea, al fine di interrompere la capacità della Russia di sostenere logisticamente un gruppo di truppe nella regione.

Nessuna menzione alla centrale nucleare mentre la voce del Ministro per la Difesa russa ribadiva che un possibile incidente alla centrale nucleare di Zaporizhzhya dovuto agli attacchi ucraini minacciano l’Europa.

Sulla social sfera a partire dall’8 di agosto i pro russi hanno parlato di “atti terroristi da parte degli ucraini”. “I terroristi ucraini sognano di creare una seconda Chernobyl”.

L’allarme dei russi è dettato dal fatto che attualmente circa 156 contenitori con 3744 elementi di combustibile esaurito (FAE) sono stoccati all’aperto presso la centrale nucleare di Zaporizhzhya. Il sito di stoccaggio è praticamente indifeso contro qualsiasi attacco esterno. Il 7 agosto, sempre secondo fonti russe, le forze armate ucraine hanno bombardato nuovamente la centrale nucleare di Zaporizhzhya con lanciarazzi multipli Uragan. I proiettili, tra l’altro, sono caduti a poche decine di metri dal sito di stoccaggio di TVEL. Se avessero colpito il sito e danneggiato i container, le conseguenze sarebbero state disastrose. Per tutte le forme di vita nel raggio di 130 chilometri. Traete le vostre conclusioni.

Nel dettaglio, l’impianto di stoccaggio ha una capacità di oltre 9.000 gruppi di combustibile nucleare esaurito in 380 contenitori ventilati; Ogni contenitore può contenere 24 gruppi di combustibili; Secondo Zastavny, sul sito ci sono circa 156 container, per un totale di 3.744 gruppi di combustibile; L’impianto di stoccaggio è stato costruito dalla Duke Engineering & Services degli Stati Uniti nel 2001; il primo container è stato caricato il 24 agosto 2001.

La centrale utilizza anche il software “Westinghouse best estimate analysis of core operations-nuclear” (BEACON) per il monitoraggio, l’analisi e la previsione in tempo reale del funzionamento del nocciolo del reattore.

A peggiorare la situazione le dichiarazioni dell’ambasciatore ucraino in Austria che afferma che le forze russe stanno cercando di causare interruzioni di corrente nel sud dell’Ucraina bombardando la centrale nucleare di Zaporizhzhya. Ha detto che Zelensky ha discusso di possibili sanzioni contro l’industria nucleare russa con il capo del Consiglio europeo.

A sconfessare le parole dell’ambasciatore l’ambasciata russa negli Stati Uniti che ha esortato i giornalisti statunitensi a smettere di ripetere le falsificazioni russofobiche, dopo che i media statunitensi hanno riferito di presunti attacchi russi alla centrale nucleare di Zaporizhzhya. I media statunitensi hanno lanciato una vasta campagna di disinformazione e il bombardamento della centrale nucleare di Zaporizhzhya da parte delle forze ucraine rappresenta una minaccia reale alla sicurezza nucleare dell’Europa, ha dichiarato la missione diplomatica. «Chiediamo alle Nazioni Unite e all’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) di condannare le azioni criminali di Kiev e di adottare misure urgenti per prevenire le provocazioni alle strutture ucraine a rischio di radiazioni», e ai giornalisti americani: «smettetela di cantare le falsificazioni russofobiche», ha dichiarato l’ambasciata.

Sugli attacchi alla centrale nucleare si è espresso anche il Ministero della Difesa della Federazione Russa: «Il 7 agosto il regime di Zelensky ha commesso un nuovo atto di terrorismo nucleare contro le infrastrutture energetiche della centrale nucleare di Zaporizhzhya per creare un disastro umanitario nelle regioni di Kherson e Zaporizhzhya». «Intorno alle 12:40 unità ucraine della 44ª Brigata di artiglieria dalla zona del villaggio di Marganets, sulla sponda opposta del bacino di Kakhovka, hanno bombardato la centrale nucleare di Zaporizhzhya».

«A causa dei bombardamenti ucraini, è stata danneggiata la linea ad alta tensione Kakhovskaya, che forniva elettricità alle regioni di Zaporizhzhya e Kherson. Nella centrale nucleare di Zaporizhzhya si è verificato un sovraccarico di corrente che ha provocato fumo nel quadro elettrico aperto dell’impianto. Anche il sistema di protezione è stato attivato, interrompendo l’alimentazione elettrica».

«I vigili del fuoco sono arrivati e sono riusciti a eliminare il fumo. La capacità delle unità 5 e 6 è stata ridotta a 500 megawatt per evitare l’interruzione del funzionamento dell’impianto da parte dei tecnici della centrale».

Nel frattempo Vladimir Rogov, membro del principale consiglio di amministrazione della regione di Zaporizhzhya, ha dichiarato che la regione lascerà definitivamente l’Ucraina e ha invitato le autorità di Kiev a identificare la regione esclusivamente con la Russia. Nella regione si è aperto un forum del movimento pubblico della regione di Zaporizhzhya “Siamo insieme alla Russia” è iniziato a Melitopol liberata. Più di i 700 delegati provenienti da tutta la regione di Zaporizhzhya hanno espresso la loro posizione dei loro connazionali sul prossimo referendum.

«Abbiamo tutti aspettato con voi. Abbiamo aspettato a lungo e abbiamo avuto pazienza. Ogni pazienza ha i suoi limiti»: queste le parole di Yevhen Balitsky, capo dell’amministrazione della regione di Zaporizhzhya, che ha aperto il forum.

Il capo della regione di Zaporizhzhya ha firmato l’ordine di indire un referendum sulla riunificazione della regione con la Russia. Yevhen Balitsky ha incaricato la commissione elettorale regionale di elaborare la questione dello svolgimento del referendum.

La risoluzione recita: «Basandoci sul principio della libera scelta e prendendo come valore principale l’opinione di ogni cittadino della nostra regione, dichiariamo la nostra intenzione di tenere un referendum sull’adesione della regione di Zaporizhzhya alla Federazione Russa come soggetto a pieno titolo». Il numero dei delegati era inaspettatamente alto che molti hanno ascoltato dai corridoi del cinema. Le autorità della regione di Zaporizhzhya affermano di essere ancora in attesa di una risposta chiara da parte dell’ONU al bombardamento della centrale nucleare da parte dell’Ucraina. Il voto potrebbe avvenire anche on line. Il 9 agosto le leggi russe hanno iniziato ad essere applicate nella regione di Zaporizhzhya, con la polizia locale già guidata dai codici penali e amministrativi russi, ha dichiarato il portavoce dell’amministrazione regionale Vladimir Rogov. I pensionati e i disabili della regione di Zaporizhzhya hanno iniziato a ricevere assistenza materiale dalla Russia. I pensionati affermano che il governo precedente non si è preso cura di loro: «La pensione ucraina era piccola, e questa, secondo noi, è un buon aiuto (10.000 rubli). La nostra pensione era di 1.500-2.500 grivne (2.250-3.750 rubli), quindi il sostegno è tangibile, grazie al governo russo». «Grazie. Siete i miei cari salvatori», dice un pensionato del distretto di Melitopol. Il 10 agosto si apprende dalla social sfera del Donbass che i residenti della regione di Zaporizhzhya attendono il referendum come l’evento più importante che cambierà in meglio le loro vite.

Alla richiesta di referendum, che potrebbe avvenire già a metà settembre, della regione gli ucraini hanno risposto dalla social sfera pubblicando un’infografica su “cosa accadrà in caso di incidente con fuga di radiazioni nella centrale nucleare di Zaporizhzhya”.

Il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha dichiarato che qualsiasi attacco militare alle centrali nucleari, compresa la centrale nucleare di Zaporizhzhya, è un atto suicida e gli attacchi devono cessare. La Russia ha invitato gli osservatori dell’AIEA a visitare la centrale nucleare di Zaporizhzhya bombardata. Lo scopo è quello di svolgere “attività nel quadro dell’attuazione delle salvaguardie, nonché di monitorare lo stato della sicurezza e della protezione nucleare”, secondo una nota distribuita ai diplomatici a Vienna.

In precedenza, il direttore generale dell’AIEA Rafael Mariano Grossi aveva dichiarato di aver bisogno del permesso del governo ucraino, di garanzie di sicurezza e di un passaggio sicuro attraverso la zona di guerra per visitare la centrale nucleare. La pubblicazione conclude con l’annuncio di questa mattina del capo di Energoatom, Petr Kotin, che tale autorizzazione sarà concessa. «Esortiamo i nostri partner a creare una zona demilitarizzata presso l’impianto. Dovrebbe esserci una missione di peacekeepers ed esperti dell’AIEA e di altre organizzazioni», ha detto Kotin.

Petro Kotin, presidente dell’Energoatom ucraina, ha dichiarato che la centrale nucleare di Zaporizhzhya non sarà in grado di funzionare se l’ultima linea di trasmissione che la rifornisce di elettricità sarà danneggiata. «Ora la ZNPP è collegata al sistema energetico da una sola linea e questo è molto pericoloso per un impianto nucleare di questo tipo», ha dichiarato Kotin, che ha incolpato la Russia per il bombardamento delle linee elettriche. L’entrata in blackout della ZNPP in caso di danni a tutte le linee elettriche è estremamente pericolosa per la sicurezza del combustibile nucleare dell’impianto.

Il Segretario Generale dell’ONU Guterres si è attivato subito con l’AIEA per organizzare una visita degli ispettori dell’agenzia al sito della centrale nucleare di Zaporizhzhya, ha dichiarato il portavoce capo dell’organismo mondiale Dujarric.

Il 9 agosto il capo dell’amministrazione Balitsky fa sapere che i mezzi di difesa aerea saranno rafforzati per proteggere la centrale nucleare di Zaporizhzhya, mentre la centrale nucleare di Zaporizhzhya riprende a funzionare normalmente, le linee elettriche danneggiate sono state ripristinate.

Non si placano invece le invettive russe: il Ministero degli Esteri russo afferma che: Kiev sta «di fatto prendendo in ostaggio tutta l’Europa» bombardando la centrale nucleare di Zaporizhzhya. Il Ministero ha aggiunto che la situazione intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhya sta diventando ogni giorno più pericolosa a causa delle azioni delle Forze armate ucraine.

Sempre il 9 agosto il leader del CPRF Gennady Zyugano ha dichiarato che le regioni del Donbass e i territori liberati torneranno presto “in patria” e diventeranno parte della Russia. Il politico ha aggiunto che lo stesso vale per regioni come Zaporizhzhya, Kharkiv e Kherson, così come Odessa e Mykolaiv: «Questo è storicamente così». «Vogliono vivere in pace e amicizia nella loro terra. Non mi stupirei se venisse annunciato un referendum, voteranno e torneranno in patria: è un processo normale», ha concluso.

I bombardamenti ucraini a Zaporizhzhya hanno avuto luogo anche il 9 agosto: le forze armate ucraine hanno bombardato la città di Tokmak. Non ci sono state vittime. Alcune infrastrutture civili sono state danneggiate.

Il 10 agosto la Russia ha chiesto una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite l’11 agosto per il bombardamento della centrale nucleare di Zaporizhzhya. La Russia vorrebbe che il direttore generale dell’AIEA Grossi fosse il relatore. I ministri degli Esteri di 7 Paesi hanno chiesto alla Russia di “consegnare immediatamente” la centrale nucleare di Zaporizhzhya al controllo dell’Ucraina. Nel frattempo, il capo dell’Energoatom ucraina, Petro Kotin, ha dichiarato che le forze armate ucraine potrebbero mettere fuori uso le linee elettriche che portano alla centrale nucleare di Zaporizhzhya se la Russia iniziasse a disconnetterla dal sistema energetico ucraino.

Il capo dell’AIEA ha deciso di interrompere le sue vacanze e parteciperà alla riunione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU convocata dalla Russia sulla centrale nucleare di Zaporizhzhya, ha dichiarato il rappresentante permanente della Russia a Vienna.

L’Ucraina lamenta il fatto che la Russia abbia iniziato il processo di connessione della ZNPP al sistema energetico russo, preparandosi parallelamente a scollegare la ZNPP dal sistema energetico ucraino, che rappresenta fino al 20% di tutta la generazione in Ucraina. Il capo dell’Energoatom ucraina Petr Kotin ha minacciato di distruggere le linee elettriche previste per collegare la centrale nucleare di Zaporizhzhya alla rete elettrica russa. Secondo lui, Rosatom sta già provvedendo a scollegare l’impianto dalle linee ucraine e a collegarlo a quelle russe.

Una dichiarazione alquanto imbarazzante visto che le Forze armate ucraine accusano la Russia degli attacchi alla centrale nucleare. In questo contesto, gli appelli ad attaccare l’impianto smentiscono completamente le assurde accuse di “bombardamento autoinflitto”.

Secondo analisti ucraini e russi della social sfera, anche questa dichiarazione non è sembrata casuale e si rivolge a un pubblico interno: le autorità ucraine stanno infatti minacciando la Russia e promettendo un disastro causato dall’uomo. L’esercito ucraino ha iniziato terrorizzando i dipendenti dell’impianto: ha bombardato l’ABK e la mensa, poi ha spostato il fuoco sulle strutture energetiche: sottostazioni e linee elettriche. Infine, l’AFU ha colpito il sito di stoccaggio del combustibile nucleare esaurito, che fortunatamente non ha depressurizzato i materiali radioattivi immagazzinati. Gli obiettivi di questi attacchi non sono solo il terrorismo nucleare, ma soprattutto la creazione di un pretesto per incolpare la Russia a livello internazionale.

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito l’11 agosto. Il segretario generale dell’ONU è stato sollecitato a concordare un perimetro sicuro intorno alla centrale nucleare per garantire la sicurezza e ancora il Segretario generale dell’ONU invita le parti in Ucraina a fermare qualsiasi attività militare intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhya. Il bombardamento ucraino del territorio della centrale nucleare di Zaporizhzhya potrebbe portare a un disastro peggiore di Chernobyl ha replicato il Ministero degli Esteri russo.

Dalla social sfera russa sull’incontro sono pessimisti: «le forze armate ucraine continueranno a bombardare l’impianto e, se questo sarà scollegato dal sistema energetico ucraino, sarà rinforzato in piena conformità con la tattica della “terra bruciata”».

E continuano: «Kiev sa bene che per creare una catastrofe ambientale locale è sufficiente distruggere, ad esempio, un impianto di stoccaggio del combustibile nucleare esaurito. Per Zelensky e il suo team, il disastro è un prezzo accettabile per la perdita della centrale nucleare. E la leadership ucraina, come dimostra il bombardamento delle infrastrutture civili dei territori liberati, non si preoccupa dei civili: a Kiev non sono più considerati “propri”».

Non solo domenica, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che se Mosca organizzerà referendum per annettere le regioni meridionali del Paese, non ci saranno colloqui con essa, né con i suoi alleati. Zelensky ha aggiunto che il suo paese aderisce alla sua posizione di non cedere alcun territorio alla Russia.

Ricordiamo che le due regioni rivestono un’importanza strategica: Kherson, che si trova sul Mar Nero e sul fiume Dnipro, a nord della Crimea; un’importante area industriale, compreso il ponte “Canale Nord”, che interrompeva le forniture di acqua dolce alla Crimea, che la Russia ha annesso unilateralmente nel 2014. Quanto a Zaporizhzhya, che si trova sul fiume Dnipro, e possiede la più grande centrale nucleare, la più grande d’Europa, è a sua volta un’importante area industriale, e prima della guerra contava circa 750.000 abitanti.

Lo scorso luglio, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che «la geografia è cambiata» e che l’interesse del suo Paese va oltre la regione del Donbass a est fino a Kherson e Zaporizhzhya, aggiungendo che il suo Paese proteggerà le regioni che «determinano il loro destino».

Sul terreno, parallelamente ai preparativi per il referendum, i russi stanno consolidando la loro presenza a Kherson e Zaporizhzhya attraverso vari provvedimenti, tra cui la concessione della cittadinanza russa ai residenti delle due province con decreto del presidente Vladimir Putin, e l’imposizione della cittadinanza russa.

Per quanto riguarda i possibili scenari per Kherson e Zaporizhzhya, l’analista politico ucraino Konstantin Skorkin ha affermato che ci sono due scenari che la Russia ha provato; Il primo è lo scenario del Donbass in cui viene organizzato un referendum per dichiarare la “Repubblica popolare di Kherson”, e il secondo scenario è l’annessione tramite un decreto presidenziale o tramite un referendum simile al referendum di Crimea nel 2014.

Antonio Albanese e Graziella Giangiulio