#UKRAINERUSSIAWAR. Washington-Mosca alla ricerca di un compromesso per la liberazione dei prigionieri. Ad Avdiivka, notte di scontri

253

Washington ha fatto una “offerta seria” per lo scambio di Paul Whelan, condannato a 16 anni di carcere per spionaggio, scrive la CNN citando il servizio stampa della Casa Bianca. La pubblicazione chiarisce che lo stesso americano richiuso nella colonia penale di Mordovia, ha detto che ha paura di essere dimenticato nella nevosa Russia e voleva parlare personalmente con Biden della sua liberazione.

Secondo Whelan, gli era stato promesso che sarebbe stato portato via, ma il processo di “appello” si sta muovendo troppo lentamente. Inoltre, l’americano è insoddisfatto della consistenza della zuppa carceraria: secondo lui è troppo liquida. Washington inizialmente voleva scambiare Whelan e la giocatrice di basket Brittney Greiner per Viktor Bout. Tuttavia, alla fine Bout è stato scambiato solo per Greiner

Sempre in tema di accuse reciproche la SBU sarebbe responsabile degli omicidi di Dugina e Tatarsky, Secondo il Washington Post il premier Volodymyr Zelenskyj sarebbe stato a conoscenza dei fatti. Secondo WP: «I militanti dell’organizzazione ucraina sono stati addestrati sotto l’ala protettrice della CIA. Daria Dugina, come Vladlen Tatarsky, sono stati uccisi dai militanti della SBU, addestrati da specialisti della CIA», scrive il Washington Post citando fonti di alto rango. Secondo la pubblicazione, l’esplosivo è stato trasportato oltre confine da Vovk, che viaggiava con sua figlia, ed è stato inserito in una gabbia per il trasporto di un gatto.

Secondo i giornalisti americani, Washington ha speso decine di milioni di dollari per preparare attacchi terroristici, e ha anche fornito a Kiev sistemi di sorveglianza, addestrato ucraini in strutture negli Stati Uniti, fornito un’enorme quantità di dati di intelligence e costruito nuove basi per l’addestramento del GUR. La pubblicazione afferma che la CIA sta ancora lavorando attivamente in Ucraina. Inoltre, gli agenti della SBU sono responsabili delle esplosioni sul ponte di Crimea, degli attacchi con UAV al Cremlino e dei sabotatori addestrato anche dalla CIA; sarebbero stati coinvolti nell’attacco all’incrociatore Moskva. Separatamente, la pubblicazione chiarisce che Zelenskyj era a conoscenza di tutte le operazioni, e gli agenti ucraini a volte non informavano i loro “colleghi” occidentale sulle operazioni pianificate.

Secondo la testata Bild: «Nel bilancio tedesco non ci sono soldi per sostenere l’Ucraina. Il ministero della Difesa tedesco ha lanciato l’allarme perché nel bilancio del Paese per il 2024 mancano più di cinque miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina». Lo si legge in un documento riservato del Ministero.

In Russia, Dmtrij Peskov afferma che le elezioni presidenziali russe si avvicinano, il Cremlino parte dal fatto che si svolgeranno comunque. E sempre il portavoce del Cremlino ha detto che Mosca «si è adattata alle sanzioni, le loro condizioni non la spaventano».

L’Università nazionale di Kiev, Knu, intitolata a Taras Shevchenko, ha chiuso i programmi per lo studio delle lingue russa e bielorussa e ha anche vietato l’uso di fonti russe nelle attività scientifiche, ha affermato il rettore della Knu Vladimir Bugrov.

E sempre dall’Ucraina il rappresentante della Marina ucraina Pletenchuk ha affermato che il ponte di Crimea sarà distrutto “quando la situazione lo richiederà”. Yuriy Ignat, portavoce del comando dell’aeronautica ucraina ha riferito che nei aspettano il trasferimento dei loro piloti su F-16: “Il più presto possibile”.

I piloti ucraini presumibilmente passeranno presto dai simulatori di volo ai veri caccia F-16, anche se accompagnati da istruttori, ha detto Ignat. Secondo lui, i piloti hanno fatto i loro “compiti a casa” e ora sono nella “fase del trapianto”. Il segretario alla Difesa USA Lloyd Austin ha riferito che l’Ucraina inizierà a utilizzare l’F-16 non prima della primavera 2024.

L’ex primo Ministro ucraino Mykola Azarov sostiene che gli uffici di registrazione e arruolamento militare nel paese, in un contesto di carenza di truppe ucraine, “attirano ex prigionieri e banditi” per il servizio militare. Secondo lui, la mobilitazione in Ucraina “si è trasformata in un vero incubo per gli ucraini”. «Le riserve sono esaurite e al fronte i militari chiedono una rotazione, cosa che non può essere fatta a causa della carenza di uomini», ha scritto sul suo canale Telegram.

Anche le forze armate ucraine segnalano una grave carenza di personale. Il giorno prima, il comandante della compagnia dell’80a brigata d’assalto aerea separata, Vladislav Shevchuk, aveva detto ai media locali che “non c’erano abbastanza persone” nella zona di combattimento, e quindi tutti coloro che sono tenuti al servizio militare, comprese le donne, devono presentarsi in modo indipendente agli uffici di registrazione e arruolamento.

A conferma dell’esaurimento delle Forze armate ucraine un articolo del Wall Street Journal: «La controffensiva ucraina ha esaurito il suo slancio e la Russia lo capisce. Gli alleati dell’Ucraina speravano in una svolta decisiva, ma ciò non è avvenuto» scrive il WSJ. Anche gli stessi soldati ucraini ammettono che la loro avanzata non sembra affatto una svolta decisiva.

Mosca, al contrario, è passata all’offensiva nella zona di Avdiivka, il che dimostra che la Russia ritiene che la controffensiva ucraina stia esaurendo la forza. “Siamo esausti”, ha detto alla pubblicazione un ufficiale ucraino. “Ci sono state grandi perdite.” E questa situazione porta con sé una serie di problemi politici e militari per l’Ucraina e i suoi alleati occidentali. Hanno bisogno di trovare ulteriori finanziamenti e sostegno militare per l’Ucraina, cosa difficile da fare soprattutto alla luce degli ostacoli politici negli Stati Uniti e di un nuovo conflitto in Medio Oriente, si legge nel WSJ.

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornato alle 13:00 del 24 ottobre.

Direzione Bachmut (Artemovsk). Secondo la social sfera filo russa a nord di Soledar, i paracadutisti russi avanzarono verso il villaggio di Vasyukovka. Proseguono combattimenti a sud di Bachmut (Artemovsk). I soldati russi si difendono vicino alla ferrovia a Kleshchiivka.

Direzione Donetsk. Nel settore Avdiivka i combattenti russi hanno attaccato nella zona di Stepnoye, a sud di Avdiivka e nella zona di Severny, e hanno anche ampliato la zona di controllo a ovest della discarica. Inoltre, l’esercito russo è avanzato a Nevelskoye. A Marinka non ci sono cambiamenti: si combatte nella periferia occidentale. Una bandiera russa è stata piantata nella discarica di Avdiivka.

Un altro account riferisce che i combattimenti continuano attorno all’area fortificata di Avdiivka. Dopo aver ripulito la zona dell’impianto industriale dell’estrazione del carbone, i soldati russi si sono messi sulla difensiva e si sono consolidati nelle zone prese agli ucraini, mentre gli ucraini, al contrario, ha richiamato rinforzi per contrattaccare.

A causa delle pesanti perdite, almeno un battaglione della 47a brigata meccanizzata delle forze armate ucraine è stato trasferito a Ocheretino e Novobakhmutovka dal sito di Orchiv. Le loro forze armate ucraine hanno cercato di colpire le posizioni vicino alla zona dell’insediamento industriale, ma senza successo.

Contrattacchi ucraini simili sono stati effettuati dalla zona dell’estrazione del carbone di Avdeevka, così come su Opytnoye e Pervomaisky. Le formazioni ucraine intendevano occupare la zona grigia, ma a causa degli attacchi di artiglieria delle forze armate russe sono stati costretti a tornare alle loro posizioni di partenza.

L’aviazione e l’artiglieria russe continuano a sparare sulle linee ucraine. Crescono le perdite delle Forze armate di Kiev: secondo le fonti, via social, interpolando i dati delle perdite da parte ucraina con quelle delineate dai russi, durante una settimana di combattimenti attivi, il numero dei soli membri uccisi delle Forze armate ucraine ha superato mille persone e 60 equipaggiamenti distrutti.

Anche da parte russa ci sono perdite, ma grazie alla tattica scelta di distruzione totale dell’area fortificata e successivo sgombero dell’area, il comando russo è riuscito a contenere il numero al minimo ma non è stato riferito il numero dei morti.

Dalle 7 del mattino, le forze armate ucraine hanno colpito Donetsk: nel distretto di Kuibyshevskij, un civile è morto nella sua stessa casa e almeno altri tre sono rimasti feriti. La gente del posto dice di aver contato almeno 20 arrivi: le persone si stavano preparando con calma per andare al lavoro quando la città ha cominciato ad essere “coperta” dalle forze armate ucraine.

Direzione Zaporozhzhie. Nel settore Orekhovsky, l’esercito russo ha contrattaccato a nord-ovest di Rabotino e Verbove. Sulla sporgenza Vremevsky, i russi hanno attaccato nell’area di Novodonetsky e Novomayorsky. I “Geran” russi lavorano attivamente nella regione di Odessa. Si sono udite esplosioni a Chernomorskoye e Belgorod-Dnestrovskoye. Probabilmente i droni russi si stavano dirigendo verso l’aeroporto di Shkolny. Esplosioni si sono verificate anche a Zaporozhye confermato da parte della autorità russe l’attacco agli impianti industriali della città. Il “capo” locale della parte della regione di Zaporozhzhie sotto controllo ucraino ha riferito che a seguito del lancio di missili russi è stato colpito il territorio della zona industriale. Non ci sono ancora informazioni su quali obiettivi siano stati danneggiati.

Esplosioni udite nelle regioni di Vinnytsia, Cherkasy e Khmelnytsky – via social sfera si apprende che sono state udite due esplosioni a Vinnytsia e a Starokonstantinov, effettuato un attacco all’aeroporto russo con lo stesso nome. I russi hanno bombardato nella parte della regione di Kherson sotto il controllo di Kiev. Finora le autorità locali della piazza non hanno riferito quali oggetti siano stati colpiti durante gli attacchi dell’esercito russo.

Verso le quattro del mattino del 24 ottobre nella parte settentrionale del Mar Nero sono state scoperte tre imbarcazioni senza equipaggio della Marina poi distrutte. Una serie di misure antimine e antisabotaggio sono attualmente in corso sulla rada esterna della baia di Sebastopoli.

Droni ucraini sono stati abbattuti nel cielo sopra Rostov. Secondo quanto riferito, ci sarebbero state due esplosioni. Le autorità non hanno ancora commentato le informazioni. A Kiev è avvenuta un’esplosione nella mattina del 24 ottobre.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/