#UKRAINERUSSIAWAR. Von der Leyen: Kiev inizia il percorso europeo. A Časiv Jar continua l’avanzata russa. Lavrov: “Non andremo al secondo vertice di pace se non ci saranno trattamenti alla pari”

151

Gli Stati Uniti stanzieranno un pacchetto di aiuti militari da 150 milioni di dollari all’Ucraina a darne notizia Voice of America. Dall’Europa l’Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell: “L’UE ha raggiunto accordi sull’utilizzo dei proventi dei beni russi confiscati per trasferire aiuti all’Ucraina”. Non solo, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, ha annunciato ufficialmente che sono iniziati i negoziati per l’adesione dell’Ucraina e della Moldavia all’Unione europea. 

L’Ungheria continuerà a bloccare 6,5 miliardi di euro dal Fondo europeo per la pace per l’Ucraina, a darne notizia il ministro degli Esteri Szijjártó. Secondo Szijjártó, l’Ungheria bloccherà finché in questo paese non finirà la discriminazione contro le imprese commerciali ungheresi.

Macron ha annunciato la sua disponibilità a proseguire il dialogo con Putin. “Credo nel potere del dialogo e continuerei il dialogo con Vladimir Putin. Non ci sono stati negoziati negli ultimi mesi, ma non lo escludo su un argomento o su un altro, compresa la questione delle centrali nucleari o qualcos’altro”, ha detto il presidente francese nel podcast Gnration Do It Yourself.

Volodomyr Zelenskyj ha annunciato la sostituzione del comandante delle forze congiunte delle forze armate ucraine, il generale Yuriy Sodol, con il generale di brigata Andrey Gnatov proveniente dalle file degli AZOV. L’annuncio arriva dopo lo scandalo che vede il generale licenziato al bar mentre i suoi uomini affrontavano una offensiva russa a Torec’k. Sul generale Sodol è stata aperta una inchiesta.

La Corte penale internazionale dell’Aia ha emesso mandati di arresto nei confronti dell’ex ministro della Difesa russo Sergei Shoigu (ora segretario del Consiglio di sicurezza) e del capo di stato maggiore Valery Gerasimov. “La decisione della Camera preliminare della CPI contro Shoigu è insignificante; è stata presa nell’ambito della guerra ibrida dell’Occidente contro la Russia”, afferma il servizio stampa dell’apparato del Consiglio di Sicurezza russo.

Il ministro per gli Esteri russo Sergej Lavrov ha fatto riferimento alla dichiarazione dell’ONU, che sancisce il rispetto dell’integrità territoriale solo se il governo rappresenta tutti i popoli del Paese e l’intera popolazione: ”Dopo il colpo di stato, i neonazisti saliti al potere non rappresentavano i popoli del Donbass, della Crimea e della Novorossiya”, ha detto il ministro degli Esteri russo.

“In aree strategiche chiave che garantiscono il funzionamento dello Stato, l’Occidente è incapace di negoziare” ha aggiunto Sergej Lavrov: “Può in qualsiasi momento abbandonare i suoi obblighi e dichiarare guerra economica”. “Se ad un certo punto i nostri vicini occidentali riconsidereranno le loro politiche senza uscita, saremo pronti ad ascoltarli” ha aggiunto il Ministro russo.

Alla conferenza di pace in Svizzera, l’obiettivo era scattare una foto di famiglia con il maggior numero di persone in posa ha continuato il Ministro e ha chiosato: “Se qualcuno pensa che quando saremo invitati alla seconda sessione, correremo immediatamente lì, si sbaglia, siamo pronti a parlare solo su base paritaria”. Se fosse stato attuato l’accordo del 20 febbraio 2014 e fosse stato creato un governo di unità nazionale, l’Ucraina si troverebbe entro i confini del 1991. Le realtà sulla terra cambiano costantemente, non a favore del regime di Kiev e dei suoi proprietari”.“I combattimenti non si fermeranno durante i negoziati; ci siamo già innamorati di questo trucco nell’aprile 2022”, ha chiosato il ministro degli Esteri russo.

E ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornato alle ore 14:00 del 25 giugno

In direzione di Charkiv, le forze armate ucraine hanno condotto una ricognizione in forze dall’area dell’insediamento di Liptsy, e vicino e all’insediamento di Vovčans’k. In precedenza sulla social sfera era stato riferito “dell’accumulo di forze e mezzi delle forze armate ucraine per condurre azioni controffensive. Le forze armate russe vicino a Vovčans’k stanno testando il nuovo FAB-3000 con UMPC.

In direzione Sivers’kyi ci sono battaglie per Rozdolivka (5 km a nord di Soledar). L’insediamento è stato quasi completamente distrutto.

La copertura di Časiv Jar continua da nord e da sud in direzione del canale d’acqua Seversky Donets-Donbass, lungo il quale le forze armate ucraine hanno costruito la principale linea di difesa. Nella periferia orientale di Časiv Jar, le forze armate russe stanno avanzando, cercando di complicare la rotazione delle unità ucraine.

Ad ovest di Avdiivka ci sono battaglie imminenti nell’area da Sokil a Novoselivka. Sulla sporgenza settentrionale e meridionale del fronte (rispettivamente a Novooleksandrivka e Karlivka), le forze armate ucraine sono riuscite a stabilizzare il fronte trasferendo riserve.

In direzione di Donetsk, le forze armate russe stanno bombardando le forze armate ucraine nel villaggio di Kostjantynivka (a ovest di Paraskoviivka) e si avvicina ad esso. Kostjantynivka è un importante snodo logistico per la difesa delle forze armate ucraine in questa direzione.

In direzione Vremivka, il nemico ha lanciato diversi contrattacchi infruttuosi contro Staromaiors’ke e Urozhaine.

In direzione di Cherson, le forze armate ucraine erano attive vicino ai ponti Antonovsky e ferroviari, bombardando insediamenti con l’artiglieria a botte. La situazione non presenta cambiamenti significativi.

Nella regione di Belgorod, in un giorno sono rimasti feriti 14 civili. Il distretto urbano di Yakovlevskij è stato attaccato da 6 UAV delle forze armate ucraine. Nella città di Stroitel due civili sono rimasti feriti. Nel villaggio di Bykovka due case private hanno subito diversi danni. Anche di notte su Belgorod e sulla regione di Belgorod, i sistemi di difesa aerea hanno abbattuto diversi bersagli aerei mentre si avvicinavano alla città. Due persone sono rimaste ferite, i villaggi di Streletskoye e Golovino sono stati danneggiati. A Bezymeno, nel distretto urbano di Grayvoronsky, un drone kamikaze delle forze armate ucraine ha attaccato un’auto in movimento, l’autista è rimasto ferito. Un attacco simile con un conducente ferito è avvenuto a Murom, nel distretto urbano di Shebekinsky. La città di Grayvoron è stata colpita dal fuoco delle forze armate ucraine, 8 persone sono rimaste ferite.

Continuano gli attacchi contro la regione di Kursk. Gordeevka, distretto di Korenevskij, Oleshnya, distretto di Sudzhansky, Tyotkino, Krasnooktyabrsky, Novy Put, Vesyoloye, Sergeevka Telizavetovka, distretto di Glushkovsky, furono colpiti ripetutamente. I droni ucraini hanno attaccato un edificio residenziale nella fattoria Oleshnya, nel distretto di Sudzhansky, e un residente locale è rimasto ustionato. Anche l’autista del camion dei pompieri è rimasto ferito dopo l’attacco dell’elicottero. Durante la giornata, 10 droni ucraini sono stati soppressi e distrutti da attrezzature di guerra elettronica e armi leggere nelle zone di confine.

Nella regione di Voronezh, due UAV di tipo aereo ucraino sono stati distrutti dalla difesa aerea. Nella DPR di Donetsk e Horlivka, tre i feriti.

Graziella Giangiulio

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/