#UKRAINERUSSIAWAR. Vacanze al mare sul Caspio per i turisti russi

178

Il Kazakistan è un paese senza sbocco sul mare, ma quest’estate, gli operatori turistici russi e non solo stanno promuovendo viaggi in Kazakistan per i russi che non possono raggiungere le loro tradizionali destinazioni di vacanza a causa delle sanzioni e delle restrizioni di viaggio causate dalla guerra in Ucraina.

Il Kazakistan è destinato a diventare la nuova Turchia, secondo le entusiastiche proposte di vendita delle agenzie di viaggio russe. Il paese vicino meridionale della Russia non ha sbocchi sul mare, ma ha un mare: il Caspio, il più grande specchio d’acqua interno del mondo. E Aktau, città petrolifera sulle rive orientali del mare, offre soggiorni all-inclusive in un hotel a cinque stelle «in stile turco», reclamizza l’Ator, Associazione russa dei tour operator, ripresa da BneIntellinews.

«Le vacanze al mare in Kazakistan non sono state offerte dai tour operator fino a quest’anno. Ma la crisi geopolitica e le sanzioni dell’aviazione hanno portato a una grave carenza di opzioni per le vacanze al mare degli stranieri», ha detto Ator.

Ci sono molti voli che operano dalla Russia alla Turchia. Ma con nessun volo verso i paesi dell’Unione Europea e alcuni stati dell’Ue che non rilasciano visti per i russi, coloro che desiderano prendere il sole nelle tradizionali località estive del Mediterraneo hanno poche altre scelte.

Questo rende il Kazakistan un’opzione attraente nella visione ottimistica dell’Associazione turistica russa. Il tempo è caldo e soleggiato e c’è un volo diretto da Mosca ad Aktau sulla compagnia nazionale russa Aeroflot. La compagnia aerea ha rilanciato i voli per il Kazakistan in aprile dopo aver sospeso tutti i voli internazionali in marzo, tranne quelli per la Bielorussia, a causa delle sanzioni.

Il prezzo di una vacanza ad Aktau non è però competitivo per i russi. Una settimana di soggiorno all-inclusive a maggio per una coppia in un hotel a cinque stelle costa circa 180.000 rubli, cioè 2.500 dollari. Un pacchetto simile in Turchia costa circa in terzo di meno.

Il Kazakistan, quindi, può rivelarsi un’opzione attraente per i russi che temono di non ricevere un’accoglienza calorosa quando si dirigono all’estero per prendere il sole sulla spiaggia mentre imperversa la guerra in Ucraina.

Anna Lotti