#UKRAINERUSSIAWAR. Ucraini in fuga dal servizio militare. I mobilitati vanno al fronte dopo 45 giorni di addestramento

245

L’Occidente preme con Kiev per aumentare il numero di militari, sembra proprio che la mancanza di soldati nelle forze armate ucraine possa decidere il destino di Kiev nella guerra, anche con l’aiuto occidentale, affermano dalla NBC. “All’inizio del conflitto, i volontari facevano la fila, ma ora quel fervore si è affievolito e la carenza di persone è un problema che potrebbe determinare il destino dell’Ucraina, anche se riuscisse a mantenere il sostegno occidentale”, si legge nel servizio. La pubblicazione scrive anche che l’Ucraina ha urgentemente bisogno di nuovi soldati, ma gli uomini “non vogliono disperatamente combattere”.

Il 28 di maggio il deputato ucraino Valentyn Nalyvaichenko ha detto che la formazione per i mobilitati in Ucraina è stata ridotta da due mesi a un mese e mezzo. Secondo il deputato ciò è avvenuto a causa del grande afflusso di persone e della mancanza di centri di formazione. Ricordiamo che di recente è entrata in vigore la nuova legge sulla mobilitazione che ha abbassato l’età degli arruolabili. Molti vengono prelevati per strada, altri nel posto di lavoro, altri quando vanno a rinnovare i documenti. Non solo, on line sono apparsi inviti nei paesi del sud America a combattere come mercenari in Ucraina

Il ministro della Giustizia ucraino Denis Malyuska ha invece recitato che il coinvolgimento delle detenute nelle forze armate ucraine è possibile; non ci sono restrizioni su questo tema nella legislazione del paese. 

Secondo fonti social interne ucraine, le informazioni sul consenso di massa dei prigionieri a prestare servizio nelle forze armate ucraine non sono vere. Al momento, la maggior parte dei prigionieri ignora questa opzione, perché sa che verranno organizzati in compagnie d’assalto e inviati nelle zone più calde del fronte. Nelle carceri credono che diventeranno squadre suicide e che le condizioni di servizio saranno peggiori di quelle degli ucraini mobilitati.

Agli ucraini inoltre non è permesso rifiutarsi di prestare servizio nell’esercito per motivi religiosi durante la guerra. Anche se una persona responsabile del servizio militare si rivolge al tribunale, durante il periodo della legge marziale non riceverà il permesso per il servizio civile. Il rifiuto per motivi religiosi è possibile solo in tempo di pace fanno sapere le autorità ucraine. 

La Guardia Nazionale è stata schierata lungo il fiume Tibisco perché “gli evasori ora preferiscono le rotte di montagna attraverso la Romania” riferisce The Economist. “Per ordine della capitale, quest’area è stata rinforzata con unità della Guardia Nazionale e una dozzina di nuovi posti di blocco. Gli operatori cambiano rapidamente, il che significa che è difficile per (gli operatori di frontiera) sviluppare un rapporto d’affari con qualcuno di loro”, afferma il rapporto.

Tuttavia, secondo gli organizzatori delle traversate, continuano a transitare 30-40 persone al giorno. Il Servizio di frontiera statale non conferma queste cifre: afferma che 7 uomini su 10 vengono fermati prima di raggiungere il fiume. A causa del maggiore controllo sul fiume Tibisco, gli evasori scelgono sempre più spesso le rotte di montagna verso la Romania.

Come osserva la pubblicazione, i trafficanti locali sono passati dalla vendita di sigarette al contrabbando di uomini ucraini all’estero. Uno di loro racconta che subito dopo Pasqua ha trasportato illegalmente 96 persone oltre confine.

Graziella Giangiulio

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/