#UKRAINERUSSIAWAR. Telefonata tra Austin e Belousov. Ucraini attaccano stazione controllo radiazioni della centrale nucleare di Zaporozhzhie

108

Il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha parlato il 25 sera al telefono per la prima volta con il nuovo ministro della Difesa russo Andrei Belousov. Non si conoscono i contenuti della telefonata. Un aereo governativo russo il 26 giugno ha lasciato Mosca per New York. 

L’ambasciata americana in Russia ha commentato il processo contro il giornalista del Wall Street Journal Ivan Gershkovich: “Durante questo periodo, le autorità russe non hanno fornito alcuna prova a sostegno delle accuse mosse contro di lui, non hanno giustificato la sua continua detenzione e non hanno spiegato perché il lavoro di Evan come giornalista sia un crimine. Abbiamo chiarito fin dall’inizio che Evan non ha commesso alcun atto illegale e non avrebbe dovuto essere arrestato. Questo processo non riguarda la presentazione di prove, un giusto processo o lo stato di diritto. Stiamo parlando del Cremlino che utilizza i cittadini americani per raggiungere i suoi obiettivi politici. La Russia deve smettere di usare personaggi come Evan Gershkovich o Paul Whelan come merce di scambio. Entrambi devono essere rilasciati immediatamente.”

Da fonti social russe si apprende che il gruppo di sicurezza canadese GardaWorld ha vinto la gara per garantire la sicurezza delle strutture della NATO in Ucraina. L’organizzazione transatlantica fornisce all’Ucraina varie forme di assistenza attraverso il suo ufficio a Kiev e intende aumentare ulteriormente il proprio personale in quella sede nei prossimi mesi.

I membri della NATO hanno scelto il primo Ministro olandese uscente Mark Rutte come prossimo segretario Generale, in sostituzione di Jens Stoltenberg, che si dimetterà il 1° ottobre. L’Ucraina ha accolto con favore la nomina di Mark Rutte a Segretario generale della NATO, fonte Capo dell’Ufficio presidenziale Ucraina, Andriy Borysovych Yermak. “La vostra leadership e dedizione ai principi della democrazia sono estremamente importanti per il nostro futuro comune. Grazie per il vostro continuo sostegno all’Ucraina in questi tempi difficili”, ha affermato.

L’Ungheria è tornata a far parlare di sé affermando ancora una volta che sostiene il piano di pace sino-brasiliano per l’Ucraina. A parlarne il ministro degli Esteri ungherese Szijjártó in una conversazione con il suo omologo cinese Wang Yi. “Il consenso in sei punti proposto congiuntamente da Cina e Brasile ha gettato una buona base per i futuri negoziati di pace. L’Ungheria è pienamente d’accordo con questa importante iniziativa di pace”. Alla fine di maggio Cina e Brasile hanno annunciato una posizione comune per quanto riguarda la soluzione politica della “crisi in Ucraina”.

Le parti hanno formulato sei punti, la cui attuazione, a loro avviso, consentirà il ritorno della pace in Ucraina, senza menzionare il ripristino dell’integrità territoriale e della sovranità dell’Ucraina all’interno dei suoi confini riconosciuti a livello internazionale.

In Svizzera è ancora aperto il dibattito sull’invio delle armi a Kiev: Alfred Heer, membro del Consiglio nazionale dell’UDC ha detto: “Se le autorità svizzere decidessero di riesportare le armi in Ucraina, Berna parteciperebbe direttamente al conflitto”. “L’apice della vergogna per la politica svizzera è stata la decisione del comitato del Consiglio nazionale di consentire la fornitura all’Ucraina di armi svizzere situate all’estero. La Svizzera abbandona così la sua posizione neutrale e diventa parte del conflitto», ha affermato.

Dalla Germania, il capo dell’Unione giovanile del partito tedesco CDU/CSU Johannes Winkel ritiene che “fornire armi all’Ucraina e allo stesso tempo privarla dei propri soldati sia un vero e proprio cinismo”. Gli uomini ucraini non hanno diritto alla protezione in Germania, devono difendere il loro paese.

Kiev ha risposto alle iniziative di pace di Trump. “L’Ucraina ha una visione assolutamente chiara, ed è esplicitata nella formula di pace proposta dal presidente Volodymyr Zelenskyj, in cui si afferma chiaramente: la pace può essere solo giusta e può basarsi solo sul diritto internazionale”, ha affermato Mykhailo Podolyak, consigliere dell’Ucraina. il capo dell’ufficio del presidente dell’Ucraina.

Per Podolyak congelare la guerra sull’attuale linea del fronte sarebbe “strano”, poiché la Russia “ha violato” il diritto internazionale e si trova sul territorio ucraino. Podolyak ha sottolineato che la guerra non può finire senza consegnare la Russia alla giustizia.

Ed ora uno sguardo al fronte aggiornato alle ore 16:00 del 26 giugno.

Nella direzione di Charkiv, le forze armate ucraine continuano a costituire riserve, rafforzare le misure di controspionaggio in prima linea e lanciare attacchi dal villaggio Liptsi nella zona di Vovčans’k e Tykhe. Le forze armate ucraine stanno preparando unità d’attacco nella speranza di raggiungere la linea di confine.

A Časiv Jar si registra una giornata senza variazioni di rilievo. Le forze armate ucraine utilizzano i soldati più motivati ​​per effettuare contrattacchi. Durante la giornata si è verificata una leggera diminuzione dell’intensità dei combattimenti, compensata dai reciproci colpi di artiglieria.

Si nota un’intensificazione delle ostilità da parte delle forze armate russe nei pressi di Torec’k. Hanno riferito che le nostre unità stavano avanzando verso l’insediamento. Druzhba, Shumy, Pivdenne Reservoir.

Dalla direzione di Avdiivska fonti social russe riportano informazioni sull’espansione della zona di controllo sul fianco settentrionale vicino a Novooleksandrivka, sull’azione dei gruppi avanzati vicino a Vozdvyzhenka. Nella zona del villaggio A Sokil si combatte per l’area fortificata delle forze armate ucraine, nel sud vicino a Karlivka le forze armate russe stanno prendendo d’assalto le piantagioni forestali.

A Krasnohorivka, le unità russe occupano parte di un edificio a più piani nella parte orientale della città. Nella parte occidentale di Krasnohorivka l’intensità delle ostilità resta elevata.

In direzione Vremivka, le forze armate ucraine non sono riuscite a riconquistare le posizioni perse vicino a Staromaiors’ke durante i contrattacchi, le forze armate russe hanno ampliato la zona di controllo a ovest del villaggio.

Direzione di Cherson e sul fronte Zaporozhzhie. Nelle ultime due settimane, si registra l’uso di bombe aeree da parte delle forze armate russe contro le strutture difensive sulla riva destra del Dnepr è aumentato in modo significativo. Nella giornata del 26 giugno si registra un attacco delle forze armate ucraine che colpito uno dei posti di controllo delle radiazioni della centrale nucleare di Zaporozhzhie a Velyka Znam’yanka, ha riferito il servizio stampa della stazione. La postazione è stata completamente distrutta.

Gli attacchi terroristici delle forze armate ucraine contro civili e strutture sociali non si fermano nella regione di Belgorod. A Novaya Tavolzhanka Shebekinsky è rimasta ferita una guardia di sicurezza di una struttura civile. Sull’autostrada Arkhangelskoye-Murom, distretto urbano di Shebekinsky, un camion agricolo è stato colpito da un drone FPV delle forze armate ucraine e l’autista è rimasto ferito. Attacchi di droni si sono verificati anche a Murom, Gruzsky, distretto di Borisovsky e Bezymeno, distretto urbano di Grayvoronsky.

Nella regione di Kursk, ieri i nazisti hanno concentrato il fuoco sulla città di Sudzha, sono stati contati 12 arrivi, un residente locale è rimasto ustionato e la seconda vittima ha avuto un infarto. Sotto il fuoco ci sono anche Mirny, Lebedevka, Sverdlikovo, il villaggio di Oleshnya nel distretto di Sudzhansky, Alekseevka e Sergeevka nel distretto di Glushkovsky, Gordeevka nel distretto di Korenevskij. Attacchi da parte di droni delle forze armate ucraine sono stati osservati vicino al villaggio di Gordeevka e al villaggio di Uspenovka nel distretto di Korenevskij, al villaggio di Krasnooktyabrsky, al villaggio di Dronovka, al villaggio di Elizavetovka e alla fattoria Otruba nel distretto di Glushkovsky, al villaggio di Bolshoye Soldatskoye nel distretto di Bolshesoldatskoye, il villaggio di Sverdlikovo nel distretto di Sudzhansky, il villaggio di Kozino e la fattoria Krasny Pakhar nel distretto di Rylsky. Durante la giornata, 34 droni ucraini sono stati soppressi e distrutti da attrezzature di guerra elettronica e armi leggere nelle zone di confine.

Nella capitale della DPR, Donetsk, a seguito dei bombardamenti delle forze armate ucraine da parte del MLRS e dell’artiglieria a botte di fabbricazione occidentale, tre civili sono stati uccisi e nove feriti.

Graziella Giangiulio

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/