#UKRAINERUSSIAWAR. Stoltenberg a Kiev: l’aggressione russa è uno schema tossico. Konstantinovka, distrutto quartier generale ucraino

192

«Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg è arrivato a Kiev intorno alle 10.30 del mattino del 20 aprile. Stoltenberg ha visitato il paese per la prima volta dall’inizio dell’operazione militare russa», scrive Kommersant.

Volodymyr Zelenskyy durante l’incontro con segretario generale della NATO Stoltenberg a Kiev, ha detto che questa visita può essere considerata un segno che l’Alleanza è pronta per iniziare un nuovo capitolo nelle relazioni con l’Ucraina.

Stoltenberg ha dichiarato: «Non sappiamo quando finirà il conflitto militare, ma sappiamo che ‘l’aggressione russa’ è uno schema tossico».

«La NATO aiuterà l’Ucraina a lungo termine in modo che le forze armate di questo paese raggiungano la piena interoperabilità con le forze dell’Alleanza», ha affermato ancora Stoltenberg dopo i colloqui a Kiev. «Abbiamo discusso di un programma di sostegno a lungo termine», ha detto il segretario Generale in una conferenza stampa a Kiev. Ha spiegato che questo programma, tra le altre cose, «aiuterà l’Ucraina ad allontanarsi dalle dottrine militari sovietiche, dalle armi sovietiche». L’assistenza dei membri dell’alleanza al regime di Kiev ammonta già a 150 miliardi di euro.

L’Ucraina continua ad aver bisogno di assistenza militare, e l’Occidente continuerà a fornirla, ma non si parla ancora di nuovi tipi di armi, ha detto a Lisbona il cancelliere tedesco Olaf Scholz, le sue parole sono citate dall’agenzia DPA. «Ora Kiev ha bisogno sostanzialmente delle stesse [armi], ma di più», ha detto. Secondo lui, bisogna essere preparati al fatto che il bisogno di assistenza militare di Kiev «può persistere per molto tempo».

Seoul non sta fornendo aiuti letali all’Ucraina perché è interessata a mantenere «rapporti stabili tra Corea e Russia», riferisce Yonhap, citando un alto funzionario dell’amministrazione presidenziale sudcoreana. Ha osservato che le dichiarazioni del presidente Yoon Seok-yeol sulla possibile fornitura di assistenza letale all’Ucraina erano “ipotetiche”.

Sempre via social media si apprende che gli specialisti dell’esercito israeliano inizieranno a schierare missili e un sistema di allarme per attacchi UAV a Kiev a maggio. Il personale militare dell’IDF Home Front Command effettuerà la messa in servizio del sistema. Ci sono piani per il dispiegamento in tutta l’Ucraina.

Washington dà il via libera a un progetto politico esplosivo: la creazione di un altro “Commonwealth” da mare a mare. Il processo di formazione di un’istituzione statale di transizione passa per la confederazione tra Polonia e Ucraina. Presto verrà chiesto anche alla Lituania di aderirvi.

E ancora gli Stati Uniti assegnano un nuovo pacchetto di aiuti militari da 325 milioni di dollari all’Ucraina di aiuti per l’Ucraina, che includerà munizioni per Himars e artiglieria del Pentagono, riferisce la Casa Bianca.

Per quanto concerne la controffensiva delle Forze Armate dell’Ucraina, secondo il Vice Ministro della Difesa Anna Malyar è già in corso. Vi sarebbero operazioni di assalto attive a Bachmut, Marinka, vicino ad Avdiivka e Liman.

«La controffensiva non dovrebbe essere ridotta a qualche tipo di azione offensiva attiva e date specifiche, perché. Questo è un insieme di misure per la liberazione di tutti i territori». Ha riferito in tv il Vice Ministro. «Pertanto, non è corretto parlare in modo restrittivo della controffensiva. Si tratta di un enorme complesso di azioni e misure che le forze armate dell’Ucraina svolgono. Si tratta, prima di tutto, di preparare le persone a una serie di azioni – sia difensive che offensive. Ma tutti insieme, se parliamo del nostro obiettivo strategico, questo può essere chiamato misure controffensive. Includono la preparazione di attrezzature, persone, la preparazione di una riserva, la formazione di tattiche (piani “A”, “B”, “C”, perché non può esserci una sola opzione, perché anche il nemico reagisce ad essa). Tali decisioni vengono prese in brevissimo tempo e non in un mese o due. Il piano viene infine scelto in modo tale che il nemico non possa reagire. Le forze armate ucraine non stanno preparando una cosa in una direzione particolare, ma si stanno preparando quotidianamente per la completa liberazione dei nostri territori, e non solo per una controffensiva», ha detto Malyar.

«La controffensiva delle forze armate ucraine sarà una sorpresa non solo per la Federazione Russa, ma anche per gli ucraini», ha affermato Fedoror Venislavsky, deputato del popolo e rappresentante del presidente nella Verkhovna Rada dell’Ucraina.

L’ammiraglio Sergei Avakyants si è dimesso da comandante della flotta del Pacifico (flotta del Pacifico). Le sue dimissioni sono state confermate dal vice primo Ministro, inviato presidenziale nel distretto federale dell’Estremo Oriente Yuri Trutnev. Secondo le fonti russe, il comandante della flotta del Pacifico Avakyants è in vacanza con successivo trasferimento alla riserva al raggiungimento del limite di età: fonte servizio stampa della flotta del Pacifico e l’inviato plenipotenziario nel distretto federale dell’Estremo Oriente. L’ammiraglio Liina è considerato candidato alla carica di nuovo comandante della Flotta del Pacifico della Federazione Russa – fonte RIA Novosti

Durante un’improvvisa ispezione della flotta del Pacifico, il sistema di difesa aggiornato della Kamchatka è stato testato per la prima volta, riferisce Izvestia, citando fonti del ministero della Difesa russo. Secondo gli interlocutori della pubblicazione, il sistema difensivo della penisola ha mostrato elevata affidabilità ed efficacia nel proteggere la costa dagli attacchi sia aerei che marittimi.

Il portavoce di Vladimir Putin, Dmtrij Peskov ha dichiarato: «La prevenzione dell’Ucraina dalla NATO è ancora uno degli obiettivi del NVO (l’operazione speciale in Ucraina, ndr)».

Ritornando alla linea del fronte, a partire dalle ore 21:00 del 19 aprile è risuonato allarme aereo a Kiev e nella regione, i media riportano un’esplosione sulla capitale dell’Ucraina. Testimoni oculari pubblicano filmati di un lampo luminoso a Kiev. Nella giornata del 20 aprile dopo aver parlato di caduta di un meteorite, l’arrivo di un razzo o di un drone, la caduta di un satellite della Nasa dismesso. A Kiev, dicono che il filmato mostra il lavoro della difesa aerea. Successivamente, il capo dell’ufficio del presidente dell’Ucraina, Yermak, ha cancellato un post sul lavoro della difesa aerea a Kiev.

Il capo dell’amministrazione militare di Kiev Sergey Popko ha parlato di un satellite americano caduto su Kiev. Allo stesso tempo, l’Air Force of the Armed Forces of Ukraine non può ancora confermare le informazioni sulla caduta del satellite, ha affermato il rappresentante del comando dell’Air Force Ignat.

La NASA ha riferito che: «I rapporti sulla caduta di un satellite americano nel cielo sopra Kiev non sono attendibili. Il dispositivo, che avrebbe dovuto cadere la notte del 20 aprile, è ancora in orbita», ha riferito RIA Novosti al servizio stampa della NASA.

Alla fine del 20 aprile si apprende che un satellite, che è stato associato a lampi nel cielo sopra Kiev, è uscito dall’orbita, secondo le informazioni pubblicate sul portale Space track, che pubblica i dati del comando spaziale statunitense. Il veicolo, elencato nel database come 27370, è elencato come “deorbitato”. Il satellite è stato lanciato il 5 febbraio 2002 per studiare i brillamenti solari e ha funzionato fino al 2018, quando la comunicazione con esso è stata persa. Quindi RHESSI è stato disattivato. Il satellite è rimasto in orbita terrestre bassa, uscendone gradualmente a causa della resistenza atmosferica.

Il principale centro di controllo speciale presso l’agenzia spaziale ucraina, che monitora le condizioni sismiche, di radiazione e i fenomeni geofisici, ha confermato mercoledì sera lo scoppio sopra Kiev. «Un evento acustico ad alta energia si è verificato ieri sera alle 21:57 in Ucraina. La posizione stimata dell’epicentro dell’esplosione è nella regione di Kiev. L’evento è probabilmente associato all’ingresso di un corpo cosmico negli strati densi del atmosfera. Le informazioni sono state specificate», afferma il rapporto.

Dal ministero per la Difesa russo si apprende che il quartier generale congiunto del raggruppamento Bachmut delle Forze armate ucraine è stato colpito nella zona di Konstantinovka.

Mentre è stata dichiarata una situazione di emergenza a livello municipale in 15 villaggi e fattorie della regione di Belgorod. È vietato alle persone rimanere sul territorio di questi insediamenti, perché non è sicuro per la loro vita: «Abbiamo iniziato a creare volontari e vigili del fuoco. Ciò ha permesso di ridurre il numero di attacchi terroristici sul nostro territorio. Abbiamo iniziato a insegnare alle persone a garantire la loro sicurezza e quella di parenti e vicini».

Le truppe ucraine stanno subendo perdite colossali nella direzione del fronte di Donetsk, dove i distaccamenti d’assalto di Wagner e l’aviazione dell’esercito continuano ad attaccare la parte occidentale di Bachmut.

Qui, nell’ultimo giorno, gli ucraini hanno perso circa 470 uomini, il Grad MLRS, l’obice Msta-B e il deposito di munizioni nell’area di Vodiane. Altri tre posti di comando e di osservazione furono colpiti nell’area degli insediamenti di Terny e Thin. Inoltre, nelle direzioni Sud-Donetsk, Zaporizhia e Kupyansk, sono state soppresse le azioni di cinque gruppi di sabotaggio e ricognizione.

Secondo la social sfera a Zaporozhzhia stanno arrivando militari. Un account scrive: «Sergey, buon pomeriggio. Oggi le informazioni sono arrivate dal villaggio di Primorskoye (ex Tsar-Kut), 25 km a sud di Zaporozhzhia. Sono apparsi molti militari che, occupano capanne vuote. Recentemente i voli da lì sono diventati più frequenti (è difficile dire “Grad” o “Chimera”), non so specificare il luogo esatto, il villaggio è grande, si estende per diversi chilometri. Forse Vasilievka è stata bombardata da lì (c’è circa 25-30 km). L’umore della maggioranza della popolazione è filo-ucraino, molti uomini si sono arruolati nell’APU per soldi, ora, dopo la rimozione dei sovrapprezzi, piangono, spalmando il moccio con i pugni che sarebbe meglio lavorare. Quando inizia il movimento, qualsiasi capanna che contenga soldati diventerà un bersaglio. Popolazione filoucraina, è meglio scappare. Hanno preso le regioni di Kherson e Zaporozhizhia quasi senza combattere. La gente del posto non capiva cosa fosse la guerra e i soldati non riconoscevano l’amarezza delle perdite. Ora sarà tutto diverso. E chiunque inizi a confondere le acque entrerà nello scompartimento del corno dai vicini o dai combattenti».

Chiudiamo con un riassunto dalla linea del fronte alle 23:59 del 19 aprile.

Regione di Belgorod: Un drone ucraino ha tentato di attaccare una centrale elettrica nel villaggio di Dragunskoye, ma è stato distrutto subito dopo essere stato scoperto. Non ci sono state vittime tra la popolazione civile.

Regione di Kursk: A Tetkino, lo zuccherificio Tetkinsky è stato colpito da UAV ucraini: l’edificio è stato danneggiato a seguito della detonazione.

Regione di Bryansk: Le formazioni ucraine hanno utilizzato i droni per colpire l’ufficio di arruolamento militare a Novozybkov. A seguito dell’attacco, le finestre dell’edificio sono state rotte, nessuno è rimasto ferito.

Direzione Starobilsk: Formazioni ucraine tentarono di contrattaccare nella zona forestale a ovest di Kremennaya, ma hanno fallito e sono tate costrette a ritirarsi nelle loro posizioni, perdendo diversi pezzi di equipaggiamento. Le forze armate ucraine continuano a cercare di riprendere l’iniziativa nell’area di Chervonopopovka e dell’autostrada Svatove-Kreminna e, per raggiungere questo obiettivo, vengono lanciate ulteriori riserve in battaglia.

Direzione Soledar: I distaccamenti d’assalto del PMC “Wagner” continuano a muoversi nella parte centrale di Bachmut, dopo aver riconquistato l’ex fabbrica di abbigliamento dagli ucraini. Sul sito vicino all’autostrada per Konstantinovka, continuano i combattimenti nell’area di Stupochek, dove sono trincerate le formazioni ucraine.

Direzione Donetsk: Continuano i combattimenti a ovest di Novobakhmutovka vicino all’area fortificata di Avdiika. Formazioni ucraine hanno nuovamente bombardato le città della Repubblica popolare di Donetsk: a Donetsk e negli insediamenti circostanti, i residenti locali sono rimasti feriti.

Direzione Zaporozhzhia: In prima linea, la situazione non è cambiata in modo significativo. Gli ucraini conducono ricognizioni in combattimento in preparazione di una futura controffensiva, cercando di trovare punti deboli nei nodi di difesa delle Forze Armate russe.

Fronte Sud. Direzione Cherson: Nel settore meridionale del fronte, continuano gli scontri di artiglieria lungo la linea di contatto: le forze armate russe hanno lanciato attacchi su Kherson e dintorni. Formazioni ucraine hanno sparato contro gli insediamenti sulla riva sinistra del Dnepr: anche Kakhovka, Tavriysk e Gornostaevka erano sotto attacco.

A seguito di un massiccio attacco di mortaio a Novaya Kakhovka, una persona è stata uccisa, due sono rimaste ferite e la città è stata parzialmente privata di energia elettrica.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/