#UKRAINERUSSIAWAR. Sta per nascere un controllore USA per le armi ucraine

127

Dietro le quinte delle forniture di armi all’Ucraina ci sono tentativi di controllo da parte dei paesi donatori. Il principale organo di vigilanza in materia è la Commissione di vigilanza sul controllo degli armamenti ad interim (VNK), che attualmente sta lavorando a pieno regime. Il 17 agosto, i suoi membri hanno riferito delle loro attività agli addetti militari britannici, canadesi, italiani, tedeschi, baltici e polacchi a Kiev. Il VNK è stato creato a fine luglio su iniziativa di Andriy Yermak, il capo dell’amministrazione presidenziale, per cercare di dissipare le preoccupazioni degli Stati Uniti sul controllo sulla spedizione di equipaggiamenti militari in Ucraina. I membri democratici del Congresso hanno proposto di modificare il bilancio 2022 del Dipartimento di Stato per includere le richieste di un migliore controllo dei fondi forniti a Kiev.

Le autorità ucraine, nonostante la riluttanza iniziale, hanno riferito sulle proprie spese e sull’uso dell’equipaggiamento militare consegnato. Washington, dal canto suo, continua a fornire supporto e il 25 agosto è stata annunciata una nuova assistenza militare per un valore di 3 miliardi di dollari. Kiev insiste sul fatto che le forniture occidentali non solo non si stanno riducendo, ma stanno aumentando. L’ufficio del presidente desidera mostrare ai suoi partner che sta facendo il miglior uso delle armi fornite in questo momento cruciale della guerra, poiché Kiev pianifica controffensive che dipendono dalla continua fornitura di armi.

Un altro disegno di legge, presentato il 15 giugno da un gruppo di politici repubblicani guidati da Robert Wittman e ancora davanti al Congresso, cerca di creare un sistema di controllo indipendente delle ispezioni e delle indagini sull’uso di questi fondi. Se il disegno di legge verrà adottato, sarà nominato un ispettore speciale, un ispettore generale speciale dell’assistenza militare, economica e umanitaria all’Ucraina. L’ispettore generale, sotto il segretario di Stato e il segretario alla Difesa, guiderà un ufficio da cui supervisionerà l’audit e coordinerà le indagini sull’uso dei fondi.

Il VNK per il controllo degli armamenti era guidato dal vice capo della missione permanente dell’Ucraina presso l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (APCE), Rustem Umerov. È stato a lungo vicino all’attuale ministro della Difesa Alexei Reznikov, quando quest’ultimo era ministro per la Reintegrazione dei Territori Occupati.

Il VNK è composto da deputati della Verkhovna Rada e ha ampi poteri. Può richiedere l’accesso a tutti i documenti ufficiali e, in teoria, può ispezionare qualsiasi istituzione, indipendentemente dal suo livello di segretezza o dal suo posto nell’amministrazione.

I suoi membri possono richiedere il supporto delle forze dell’ordine nelle loro indagini. Ha un mandato di un anno e dovrebbe rendere pubblici i risultati del suo lavoro dopo che saranno stati esaminati dal Parlamento.

Questo tipo di commissione è comunemente utilizzato in Ucraina per ispezionare le imprese statali, come l’operatore ferroviario Ukrzaliznytsia, o per attuare piani d’azione nazionali. Kiev potrebbe creare un organismo per controllare i trasferimenti di armi sotto gli auspici di una potente amministrazione presidenziale, sulla falsariga di una commissione per le sanzioni internazionali o di un’architettura di sicurezza europea. Ma secondo quanto riferito è stato deciso che una commissione parlamentare avrebbe più probabilità di soddisfare i criteri di trasparenza di Washington.

Anna Lotti