#UKRAINERUSSIAWAR. Siria: siamo fermamente con la Russia

125

Secondo il Cremlino, decine di migliaia di volontari provenienti dal Medio Oriente vogliono unirsi alle truppe russe in Ucraina. Sui social network compaiono numerosi contenuti sui combattenti siriani. Per intimidire i nemici della Russia, il presidente russo Vladimir Putin e il ministro della Difesa Sergei Shoigu hanno organizzato un classico briefing con la stampa a metà marzo: «16.000 combattenti in Medio Oriente si sono offerti volontari per combattere dalla parte della Russia in Ucraina», ha detto Shoigu. E Putin ha risposto spontaneamente: «Se vediamo che questi volontari vogliono aiutare la nostra gente nel Donbas, senza chiedere soldi, allora dovremmo sostenerli e aiutarli a venire nella zona di combattimento».

Poco dopo, il ministero della Difesa russo ha pubblicato video di combattenti siriani entusiasti che sventolano striscioni con il segno Z, il simbolo russo della “vittoria”. Da allora, c’è stato un clamore mediatico in cui gli esperti di sicurezza del Medio Oriente di tutto il mondo si superano a vicenda nelle speculazioni sul fatto che 16.000, 22.000 o addirittura 40.000 combattenti siriani siano in viaggio verso la zona di guerra dell’Ucraina. L’unica cosa è che finora nessun caso del genere è stato documentato.

Nonostante il suo scetticismo, è del tutto possibile che Putin riceva il sostegno siriano per la sua guerra in Ucraina: nell’ottobre 2015 la Russia è intervenuta nella guerra civile siriana e ha salvato il regime di Assad dalla caduta con caccia, razzi e bombe a grappolo. Molti esperti della situazione in Medio Oriente oggi affermano che la Siria è stata una prova generale per la guerra di aggressione in Ucraina. C’è una connessione interna tra questi due conflitti. Anche Damasco ne è consapevole: “Siamo fermamente con la Russia”, ha affermato Ayman Susan, viceministro degli Esteri siriano, in una conferenza per i giornalisti del regime ammissibili, aggiungendo: “Ora serve lealtà – la Russia ha fatto molto per sconfiggere il terrorismo in Siria. “

L’esercito russo è ancora presente in Siria, con navi da guerra, caccia e suoi ufficiali. In accordo con l’esercito siriano, stanno reclutando principalmente forze paramilitari mercenarie sciite, secondo i forum Internet dell’opposizione. Sentiamo da varie fonti che molti vengono ora reclutati e addestrati in Siria prima di andare in Ucraina. «La maggior parte dei membri delle forze paramilitari sono fedeli al regime», ha affermato l’analista siriano Basel Karadol, che vive in esilio. «Quello che è interessante è che Putin dice: non ti daremo soldi. I russi, invece, stanno ovviamente offrendo a questi combattenti una residenza permanente nella regione di Donetsk dopo la guerra. E penso che in gioco ci siano soldi».

Antonio Albanese