#UKRAINERUSSIAWAR. Si ferma l’avanzata Ucraina, in atto preparativo di prendere la Centrale nucleare

278

La Crimea resta in allarme giallo: il livello “giallo” di minaccia terroristica sul territorio di Sebastopoli è stato prorogato fino al 28 settembre. Non solo, oggi, 15 settembre a Samarcanda durante la riunione del CSO a latere vi saranno i colloqui tra Putin e Xi Jinping sulla situazione in Ucraina.

Ventiduemila persone hanno lasciato le loro case a Kharkiv in direzione Russia dopo i bombardamenti e gli attacchi ucraini che arrivano su: Balakleya, Kupyansk, Izyum, Volchansk. A partire dal 14 settembre, le forze armate ucraine hanno chiuso il confine con la regione di Belgorod – ora nessuno può passare.

L’avanzata ucraina al sesto giorno si è fermata. Dopo aver preso 500 km di steppa. I militari ucraini si sono fermati di fronte alle prime roccaforti russe. Le forze russe, si apprende dalla social sfera alle 14.37 del 14 settembre, inoltre stanno inviando un convoglio di attrezzature militari verso Krasny Liman. Sulla social sfera gli analisti, russi e ucraini sostengono che la guerra, vera, comincia ora. Eppure si segnalano ingenti perdite umane nelle fila dell’esercito ucraino che è in mobilitazione generale, ovvero al massimo delle sue capacità, mentre non lo è l’esercito russo, anche se qualcuno i Russia chiede la mobilitazione generale.

Tra gli obiettivi ucraini resta elevata la priorità della centrale nucleare. All’inizio di settembre, una forza di sbarco ucraina ha fatto un tentativo di sbarcare sulla riva opposta del fiume Dniepr, vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, per riprendere il controllo del sito.

Il fallimento e le decine di militari ucraini uccisi hanno leggermente raffreddato l’ardore delle forze ucraine. Tuttavia, i recenti eventi nella regione di Kharkiv e l’arresto dell’ultima unità della centrale nucleare l’11 settembre hanno rimesso in agenda il ritorno della centrale. Fino a un battaglione di unità ucraine è stato dislocato sulla linea Nikopol-Marpanets-Ilyinka. I soldati ucraini stanno stabilendo le comunicazioni e la ricognizione dell’area.

Equipaggi di veicoli aerei senza pilota stanno pattugliando il fiume Dniepr per valutare la situazione. Alla periferia nord di Nikopol sono state schierate diverse postazioni di artiglieria a cannone e a razzo per fornire supporto di fuoco alle truppe di sbarco.

Non c’è dubbio che il comando ucraino stia seriamente considerando un tentativo di assalto alla centrale nucleare di Zaporizhzhya. La minaccia di massicce interruzioni di corrente è reale per il Paese. A quanto pare le perdite di vite umane per l’esercito ucraino non sono importanti. Il successo politico è più significativo.

Sulla direttrice Nikolaevsko-Krivoy Rog alle 14:30 del 14 settembre 2022 la linea del fronte rimane invariata. L’AFU ha compiuto il 13 settembre un altro tentativo offensivo fallito contro le posizioni russe. Nel settore Andriivsky, il comando ucraino sta evacuando i feriti e raggruppando le forze e i mezzi dopo l’assalto fallito alle posizioni dell’AF russa vicino a Bruskinskoye.

Le unità del 46° Corpo d’Armata ucraino hanno ritirato le loro forze subordinate dalla zona di Bilohorka verso posizioni di riserva sulla riva opposta del fiume Ingulets per ripristinare la prontezza di combattimento. I militari del 35° corpo d’armata ucraino mantengono le posizioni nelle vicinanze di Andriivka. Sotto la copertura del fuoco dell’artiglieria, armi, munizioni e forniture mediche vengono consegnate alle roccaforti.

Nel settore Posad-Pokrovsky, unità della 59ª Brigata di fanteria e della 24ª Brigata dell’AFU hanno assunto posizioni difensive dopo il fallimento dell’offensiva su Terny Pody. Il personale ucraino della 59ª brigata viene ruotato sulla linea Novohryhorivka-Mirnoye. Un UAV ucraino sta operando nelle vicinanze di Maksymivka. Inoltre, nel pomeriggio del 13 settembre, unità ucraine di 60 uomini, quattro BMP e tre carri armati hanno tentato di trincerarsi vicino a Davydov Brod. Durante un breve ingaggio, l’assalto è stato respinto e le forze ucraine si sono ritirate con perdite.

Il settore di Snigirev secondo fonti locali è tranquillo: le forze ucraine non fanno tentativi offensivi.

Nel settore di Olginskiy, le forze ucraine con una compagnia del 60° OTR e due plotoni di carri armati della 17° Brigata hanno tentato di assaltare Kostyrka. I militari del 3° battaglione composito del 60° battaglione di fanteria sono avanzati su Myrolyubivka – Osokorivka con il supporto di un ERG nelle vicinanze di Novopetrivka. In precedenza, l’aviazione e l’artiglieria ucraina hanno bombardato le posizioni russe a Novopetrivka, Arkhangelskoye, Novoznesenskoye e Veremievka.

Le forze russe hanno effettuato attacchi massicci contro le forze di Kiev in avanzata. Le forze ucraine hanno subito perdite e si sono ritirate nella zona di Potemkino. Le attrezzature danneggiate sono state evacuate alla Malaya Kostromka.

Secondo un’altra fonte più sintetica, la situazione sul fronte alle 14.30 del 14 settembre era la seguente: “Vicino a Davidov Brod e vicino a Posad-Pokrovsky non ci sono cambiamenti. La parte anteriore è stabile”.

Su Oskol, anche la parte anteriore è stabile. Le parti si stanno preparando per le prossime battaglie. Yampol e Krasny Liman sono tenuti dai russi. Sviatogorsk si trova in realtà nella zona contesa.

Su Belogorovka è stato riferito che gli ucraini non sono riuscito ad occuparla ieri, sebbene sia avanzato nella sua direzione. Il 14 settembre si registrano bombardamenti. Il governatore della regione di Belgorod, Vyacheslav Gladkov: “Dall’Ucraina, il territorio del villaggio di Krasny Khutor viene bombardato. C’è distruzione. Il capo della regione di Belgorod sta portando i residenti a distanza di sicurezza”.

Non ci sono cambiamenti significativi nella direzione di Donetsk. Nella direzione di Bachmut, le PMC continuano a costruire il loro successo dopo la presa di Kodema.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here