#UKRAINERUSSIAWAR, Severodonetsk prossima a cadere in mano ai russi

212

Il 20 maggio Shoigu ha riferito a Putin del completamento dell’operazione e della liberazione totale di Azovstal e della città di Mariupol dai militanti ucraini, ha affermato il ministero della Difesa russo in un comunicato. Le strutture sotterranee dell’impianto sono già passate sotto il pieno controllo delle forze armate russe, si leggeva nel comunicato. In totale si sarebbero arresi 2.349 tra militari dell’esercito regolare e miliziani del Battaglione Azov.

Il 22 maggio si è anche appreso che nella regione di Kamyshevakhi nella LPR, un famoso ufficiale della 24a brigata ucraina, del battaglione nazionale “Donbass”, Yuri Zakopets famoso col nome di battaglia di “Kalina”, si è arreso volontariamente. Zakopets in un video afferma che: «La maggior parte degli ufficiali regolari è morta, praticamente non ci sono nemmeno soldati esperti in prima linea, il 70-75% del personale tiene in mano una mitragliatrice per la prima volta nella sua vita. Allo stesso tempo, il comando si trova nelle retrovie e nel quartier generale».

Il 23 maggio si apprende che la 1a brigata slava dell’esercito della DPR è entrata in Avdiivka. E si registrano scontri nell’area urbana.

Ed ora vediamo la situazione su tutta la linea del fronte tra il 22 e il 23 maggio: le unità del NM DPR stanno cercando di raggiungere l’insediamento dalla parte di Novobakhmutovka e Novoselovka-2: i distaccamenti avanzati del Donbass sono stati avvistati in prossimità dell’autostrada sulla linea Kamenka-Veseloye. L’offensiva passa attraverso un’area fortificata con campi minati e fortini, quindi il ritmo di avanzamento è relativamente lento.

Le Forze armate ucraine stanno bombardando gli insediamenti vicino alla linea di contatto: sono stati effettuati attacchi contro le aree residenziali di Donetsk, Yasinovataya e Volnovakha. I combattimenti continuano intorno all’agglomerato Lisichansko-Severdonetsk. Nella giornata del 23 maggio sempre più in difficoltà i militari ucraini a Severodonetsk accerchiati.

Le forze russe hanno preso il piccolo distretto di Shchedrishchevo a nord di Severodonetsk. La posizione del raggruppamento di truppe ucraine nella città è stata complicata a causa dell’esplosione del ponte per Lysichansk il 21 maggio, fatto che complica notevolmente il rifornimento e il ritiro in caso di sfondamento della difesa da parte dei russi.

Non ci sono grandi cambiamenti al fronte vicino a Popasna: Le forze armate russe hanno ampliato la zona di sicurezza ad ovest di Kamyshevakhi: l’insediamento è stato preso. In direzione Liman nella giornata del 22 maggio si sono registrati combattimenti a Vrubovka e Kamyshevakh. Il 23 maggio l’MLRS delle forze armate della Federazione Russa ha colpito le posizioni delle forze armate ucraine vicino alla città di Liman. Nel centro di Kamyshevakhi l’artiglieria ucraina ha colpito un convoglio di supporto logistico delle forze armate russe, dirigendosi verso l’area della stazione ferroviaria. Il NM DPR ha ufficialmente confermato la cattura di Drobyshevo e degli insediamenti a nord. Il raggruppamento dell’APU nel triangolo Gorskoe-Zolotoe-Kamyshevakha continua a resistere e cercare di sbloccare l’accerchiamento. A ovest di Vladimirovka, le unità delle Forze Aviotrasportate russe, insieme ai gruppi d’assalto Wagner PMC, hanno occupato le alture dominanti a nord dell’insediamento di Stryapovka. A sud-ovest di Popasnaya, Vyskriva è in mano agli ucraini. Nella giornata del 23 maggio le forze armate ucraine hanno riconosciuto la perdita di Vladimirovka (i marines sono entrati 2 giorni fa).

Nella giornata del 23 maggio si registra attacco missilistico delle forze armate russe sulla concentrazione delle forze armate ucraine nel centro di Bakhmut.

Dal briefing mattutino del ministero della Difesa russo si apprende che le forze armate di Mosca hanno distrutto le armi e l’equipaggiamento militare della 10a brigata d’assalto da montagna delle forze armate ucraine trasferite nel Donbass nella regione di Zhytomyr; colpito quattro posti di comando e un centro di comunicazione del gruppo operativo-tattico Sever nel DPR con missili a lancio d’aria ad alta precisione; colpite 48 aree di concentrazione di uomini ed equipaggiamento militare e sei depositi di munizioni nella LPR con missili ad alta precisione; colpite 39 aree di addestramento e magazzini di munizioni.

Nel frattempo si apprende dai media ucraini che, il tribunale ha condannato all’ergastolo il 21enne militare russo Vadim Shishimarin con l’accusa di aver ucciso un civile.

Il capo del DPR Denis Pushilin ha dichiarato che tutti i prigionieri di Azovstal sono detenuti nel DPR, e saranno giudicati da un tribunale nel territorio della repubblica separatista.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here