#UKRAINERUSSIAWAR. Severodonetsk nel calderone, per gli ucraini c’è solo la resa o la morte

142

La giornata del 12 giugno è stata caratterizzata da celebrazioni su larga scala della Giornata della Russia nella LPR e nella DPR e nei territori delle regioni di Kherson e Zaporozhye.

I militari ucraini hanno attaccato al mattino in una sottostazione di trasformazione a Berdyansk e alla sera a Melitopol nei pressi dell’edificio del ministero dell’Interno della città. Quello che è successo a Berdyansk è stato inizialmente qualificato come un cortocircuito, ma l’indagine ha scoperto che le esplosioni erano intenzionali. Di conseguenza, una parte dei distretti di Berdyansk era senza elettricità e due passanti sono rimasti feriti a Melitopol.

Fronte di Kharkiv

Scontri di posizione nell’area di Tsupovka e del Velikiye Prokhody, la situazione è generalmente stabile.

Fronte Izyum-Slavyansk

Secondo quanto riferito, le forze armate ucraine stanno ammassando forze per una controffensiva: intendono respingere Balakleya e tagliare le comunicazioni del raggruppamento russo a Izyum. A causa dell’artiglieria, ci sono incendi nelle foreste circostanti. Ci sono informazioni sulla presa di Bogorodichnoye. Viene stabilito l’attraversamento nei pressi di Sviatogorsk. Ci sono aree di scontri per Sydorove. Tre Su-25 ucraini sono stati abbattuti vicino a Raigorodka, Cherkassky e Dolgenky. Il 13 giugno l’artiglieria russa ha distrutto le postazioni delle Forze armate ucraine vicino a Slavyansk. Dopo la presa di Bogorodichny e Sydorove, secondo fonti russe, le unità russe hanno aperto la linea del fronte vicino alla città di Slavyansk. Al momento, si stanno combattendo battaglie per Krasnopolye. In particolare, c’è stato un attacco di fianco da parte delle truppe russe in direzione di Bogorodichnoye al fine di accerchiare e sconfiggere le unità delle forze armate ucraine che vi si trovano. Allo stesso tempo, si stanno combattendo battaglie in direzione di Krestishche, per prendere il controllo dell’autostrada Izyum-Slavyansk (M-03).

Fronte di Lugansk

A Severodonetsk hanno fatto saltare l’ultimo ponte sul fiume, che poteva essere usato dagli ucraini per fuggire a Lysychansk. Entrambe le parti si sono incolpate a vicenda, ma in realtà, gli ucraini in città sono tagliati fuori dalle vie di fuga e rinchiusi ad Azot, tenendo ancora in ostaggio i civili. Progressi sono stati registrati dai russi a Vrubovka, una delle roccaforti ucraine sarebbe stata presa. L’artiglieria del NM della LPR ha colpito le forze armate ucraine in ritirata a Lisichansk. Su Severodonesk, il 13 giugno, è intervenuto il leader del LPR Basurin: «I militari ucraini hanno perso l’opportunità di lasciare Severodonetsk e potrebbero arrendersi. Severodonetsk è effettivamente bloccata dopo che ieri hanno fatto saltare in aria l’ultimo ponte che collegava con Lysichansk. Quelle unità militari ucraine che sono di stanza lì rimarranno lì per sempre. Hanno due opzioni: o seguire l’esempio dei loro colleghi e arrendersi, o morire», ha detto Eduard Basurin, vice capo dell’UNM del DPR. L’anello attorno alle forze ucraine nella LPR si sta stringendo sempre di più. Le tattiche delle piccole caldaie portano gli ucraini-russi a vincere. Nei combattimenti a Severodonestk è morto un militante britannico. A confermare la sua morte il ministero degli Esteri del Regno Unito, si tratterebbe di un mercenario della Legione straniera delle forze armate ucraine Jordan Gatley. Il messaggio è apparso sul sito web del dipartimento. Il ministero degli Esteri ha osservato che avrebbero sostenuto “la famiglia di un britannico morto in Ucraina”. La morte del britannico è stata segnalata per la prima volta da suo padre, Dean Gatley, sui social media. La famiglia ha appreso della morte del figlio il 10 giugno. Secondo suo padre, Jordan ha lasciato l’esercito nel marzo di quest’anno per continuare il suo servizio “altrove”. Dopo molte riflessioni, l’uomo è andato in Ucraina. In precedenza, la tedesca Bild ha riferito che un mercenario tedesco, soprannominato “Tank”, era stato ucciso in Ucraina. Inoltre, durante i combattimenti nella regione di Kharkiv, sono morti altri quattro combattenti della legione straniera dell’Ucraina. Sempre il 13 giugno nel briefing del ministero per la Difesa si affermava che le forze armate russe hanno distrutto il dispiegamento temporaneo di mercenari stranieri nella regione di Fedorovka nella LPR e due batterie MLRS nella regione di Kharkov e nella LPR. Sulla social sfera si afferma che Zolote sia completamente circondato dalle forze russe-ucraine.

Fronte di Donetsk

Nei pressi di Bakhmut: Vozrozhdeniye e Mednaya Ruda sono passate sotto il controllo russo e sono in corso i combattimenti per Roty. Si dice che qui operino gli uomini della Wagner. Oggi c’è stato un incendio nella centrale termoelettrica di Uglegorsk, ancora controllata dai militanti – gli oppositori si sono incolpati a vicenda. Il sindaco di Svyatogorsk, Vladimir Bandura, paese recentemente passato sotto il controllo russo, ha tenuto un incontro con il capo della DPR, Denis Pushilin. In Ucraina sono già riusciti a dichiarare traditore il sindaco di Svyatogorsk, Bandura ha affermato che la città è completamente preparata per l’integrazione nella Repubblica popolare di Donetsk.

Fronte Sud

Gli Ucraini affermano di aver catturato il villaggio di Tavriyskoye ed erano marcia su Cherson. I russi smentiscono categoricamente. Nella giornata del 13 giugno i russi affermano di aver preso Rubizhne e di aver spinto gli ucraini verso Stary Saltov. Con la presa di Rubezhnoye nella regione di Kharkov è stata creata una testa di ponte sulla sponda occidentale dei Seversky Donets. I russi avrebbero preso il 13 giugno anche Izbitskoye. Gli ucraini il 13 giugno hanno dichiarato che: «Le truppe russe si sono trincerate alla periferia di Stary Saltov». A dirlo il portavoce del ministero della Difesa della giunta di Kiev Oleksandr Motuzyanyk, sottolineando che le forze armate russe hanno un serio vantaggio nell’artiglieria. Il ministero della Difesa ucraino ha confermato la perdita del controllo sul centro di Severodonetsk.

Il sistema di difesa aerea della regione di Belgorod, in Russia, è fuori uso colpito dai bombardamenti ucraini.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here