#UKRAINERUSSIAWAR. Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev, Viktor Medvedchuk in Russia

130

Il 22 settembre Russia e Ucraina hanno tenuto uno scambio di prigionieri. La Russia ha estradato 215 ucraini, tra cui i comandanti del battaglione Azov, Denis Prokopenko, Svyatoslav Palamar, fatto prigioniero all’Azovstal di Mariupol, in qualità di agente. Il comandante della 36a brigata marina Sergey Volynsky, il cecchino Ekaterina Polishchuk. Secondo un accordo con Erdogan, rimarranno in Turchia fino alla fine delle ostilità in Ucraina “sotto il protettorato personale” del presidente turco.

56 prigionieri di guerra e politici sono stati consegnati dagli ucraini ai russi, tra questi 50 militari russi, 5 del Donbass e Viktor Medvedchuk.

Il ministro della Difesa della Polonia ha riferito che: «La quinta divisione della Polonia in fase di creazione sarà schierata nel Voivodato di Podlasie, nell’est del Paese». «Questa sarà una divisione situata tra la 16a e la 18a divisione. Sarà composta da quattro brigate» ha aggiunto Blaschczak. Attualmente ci sono più di 15.000 militari polacchi al confine con la Bielorussia. E la 18a Divisione sta conducendo un’importante esercitazione NATO: “Bear-22” vicino ai confini russi.

Sempre via social media sono state riportate le dichiarazioni di Dmitry Medvedev, commenti sulle decisioni del comandante in capo supremo del 21 settembre. Anche lui si è espresso in favore dei referendum dicendo «le repubbliche del Donbass e altri territori saranno accettati in Russia». Ha aggiunto che: «La difesa di tutti i territori uniti sarà notevolmente rafforzata dalle forze armate russe. La Russia ha annunciato che non solo le capacità di mobilitazione, ma anche qualsiasi arma russa, compreso il nucleare strategico e le armi basate su nuovi principi, possono essere utilizzate per tale protezione». «Pertanto, vari idioti in pensione con le strisce da generali non hanno bisogno di spaventarci parlando di un attacco della NATO in Crimea. Hypersound è garantito per essere in grado di raggiungere obiettivi in ​​Europa e negli Stati Uniti molto più velocemente«, sottolinea Medvedev. E infine chiosa: «Ma l’establishment occidentale, in generale, tutti i cittadini dei paesi della NATO, devono capire che la Russia ha scelto la propria strada. Non si può tornare indietro».

Ed ora veniamo alla situazione al fronte.

Direzione Zaporozhya dalle ore 16.00 del 21 settembre 2022. Nella direzione di Zaporozhya, le forze armate ucraine stanno schierando forze per condurre una controffensiva. L’obiettivo principale è interrompere lo svolgimento di un referendum sull’adesione della regione alla Russia. Il comando delle truppe è svolto dal raggruppamento “Khortitsa”.

Nell’assalto alle posizioni russe saranno coinvolte unità separate della 65a brigata, 128a brigata, 102a brigata della difesa, 9° reggimento della Guardia nazionale, 15a brigata e 44a brigata delle Forze armate dell’Ucraina. Inoltre, almeno un battaglione della 1a brigata dovrebbe essere schierato in questa direzione. È in corso il concentramento delle principali forze ucraine a Orekhovo e Gulyaipole, da dove sono previsti i principali attacchi per sfondare la difesa delle forze armate russe. Unità di ingegneri della 65a brigata delle forze armate ucraine stanno equipaggiando roccaforti di riserva a Kirovo, Pavlovka e Komsomolskoye. La comunicazione tra le unità ucraine è in corso di definizione. Gli equipaggi di artiglieria della 44a brigata hanno aumentato l’attività di impatto del fuoco sulle posizioni russe lungo l’intera linea di contatto, utilizzando obici M777 da 155 mm e obici semoventi Krab. La designazione del bersaglio è fornita dagli equipaggi degli UAV RQ-20 Puma e Bayraktar TB2, nonché dai cannonieri avanzati a Novoandreevka, Novodanilovka e Novoselovka. Dopo il successo nella regione di Kharkiv, il comando ucraino intende condurre una controffensiva ai confini meridionali, soprattutto sullo sfondo dei prossimi referendum nelle regioni DPR, LPR, Kherson e Zaporozhya.

Nella mattina del 22 settembre le truppe russe hanno lanciato attacchi missilistici su Zaporozhya, colpendo una sottostazione elettrica e un hotel nel centro della città.

Direzione Liman alle ore 13.00 del 22 settembre 2022. Le unità delle forze armate ucraine hanno cercato ancora una volta di prendere d’assalto a Liman gli insediamenti di Dibrov e Shchurovo. Le truppe russe hanno respinto con successo l’offensiva, le forze armate dell’Ucraina hanno subito perdite e si ritirarono nei Seversky Donets.

Nelle vicinanze di Drobyshevo, continuano i combattimenti per l’insediamento. Il comando ucraino intende ridistribuire riserve aggiuntive per stabilire il pieno controllo su Drobyshevo e la successiva uscita verso l’insediamento del quartier generale e tagliare le vie di avvicinamento a Liman da nord. Ulteriori forze delle forze armate ucraine, così come diverse installazioni MLRS, sono state dispiegate nell’area di Yarovaya. Il personale militare della 103a Brigata Terodefense è arrivato nelle vicinanze di Yampol.

Direzione Bachmut. Le forze armate ucraine sembra che si stiano ritirando dalla parte orientale di Bachmut, la notizia si apprende dalla chat room di Bachmut dove si stanno diffondendo informazioni sulla distruzione del ponte Nikolaevsky da parte delle Forze armate ucraine, che si trova a 1 chilometro dalla fabbrica di spumante di Bachmut, recentemente occupata dalla Wagner PMC. La distruzione del ponte da parte dei militanti ucraini indicherebbe la loro ritirata dalla parte orientale di di Bachmut.

Direzione Donetsk

Gli ucraini hanno bombardato nella mattina del 22 settembre il centro della città di Donetsk, in modo particolare è stato colpito il mercato coperto ci sono vittime tra i civili. Gli attacchi sono previsti in aumento per via della decisione di queste aree di votare e unirsi alla Russia.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here