#UKRAINERUSSIAWAR. Salgono le azioni europee di Difesa e Energia

109

Un mese di guerra in Ucraina ha cancellato in poco tempo un anno di guadagni per le azioni europee, ma le borse del continente hanno rapidamente recuperato perché gli investitori hanno riversato denaro in settori come l’energia e la difesa che sono pronti a beneficiare di uno dei più profondi cambiamenti politici nella regione in decenni.

La più grande guerra in Europa dalla Seconda guerra mondiale ha improvvisamente risvegliato i governi all’urgente necessità di rendere le loro economie meno dipendenti dalle importazioni di petrolio e gas dalla Russia e di costruire le loro capacità di sicurezza militare, riporta Reuters.

Dopo essere precipitate inizialmente ai minimi di 12 mesi in mezzo a deflussi record per la preoccupazione che la guerra potesse causare uno shock da stagflazione, le azioni europee si sono rapidamente riprese. Le azioni della società di difesa tedesca Rheinmetall valgono il doppio di prima del conflitto, mentre le azioni del produttore di turbine eoliche Vestas Wind Systems sono salite di circa il 40% finora.

Il mercato più ampio ha recuperato l’11% in un mese, ed è a breve distanza dal record del 4 gennaio, con valutazioni complessive al 34% di sconto rispetto al mercato statunitense. La borsa degli investitori è cambiata radicalmente dal 24 febbraio, quando la Russia ha lanciato quella che chiama una “operazione militare speciale” in Ucraina.

Con il suo costoso piano REpowerEU, la Commissione europea vuole sostituire oltre il 70% delle importazioni di gas russo quest’anno, aumentando gli acquisti di gas naturale liquefatto, l’energia verde e lo stoccaggio di gas.

I flussi di investimento a livello regionale continuano ad essere in territorio negativo per l’Europa con deflussi netti di 17,9 miliardi di dollari finora quest’anno.

Ma i dati stanno mostrando 2,1 miliardi di euro di afflussi di fondi verso il settore energetico europeo quest’anno, mentre le azioni di una manciata di società di difesa europee hanno raggiunto rendimenti a due cifre dall’inizio della guerra. La Germania e la Svezia hanno detto che hanno intenzione di aumentare bruscamente la spesa per la difesa a circa il 2% della loro produzione economica.

Bank of America stima a 200 miliardi di euro di spesa annuale incrementale nel settore se tutti i paesi europei si muovessero per dedicare il 2% della spesa del loro prodotto interno lordo alla difesa. I titoli legati alle materie prime insieme alle azioni finanziarie sono stati i settori preferiti dall’inizio della guerra, con l’aumento dei prezzi del petrolio e di altre materie prime. La sanità è tornata in auge per le sue caratteristiche difensive.

Anna Lotti