#UKRAINERUSSIAWAR. Russia stato sponsor del terrorismo per l’UE. Kiev e altre 13 regioni al buio, senza acqua e internet

100

Il Parlamento europeo ha approvato a maggioranza una risoluzione giuridicamente non vincolante che riconosce la Russia come “Stato sponsor del terrorismo”.

Il Parlamento europeo dunque ha riconosciuto la Russia come Stato sponsor del terrorismo e Stato che utilizza mezzi terroristici. La risoluzione è stata votata a Strasburgo in una sessione plenaria, chiedendo l’isolamento internazionale completo della Russia.

Secondo il giornalista lettone, esperto di Baltico ed Europa, Vadim Avva, in una conversazione con il canale “360“, ha spiegato che la Russia in tutti i Paesi europei ha a che fare con funzionari che sono caduti sotto l’influenza dei servizi segreti americani. Da qui tutte queste “conclusioni” europee. “In tutti i principali Paesi europei abbiamo a che fare con i cosiddetti atlantisti. Alcuni li chiamano “nuovi europei”. Si tratta di funzionari che in un modo o nell’altro sono stati istruiti o sono finiti sotto il controllo dei servizi segreti statunitensi. O per le loro origini – soprattutto i baltici che sono revanscisti, discendenti di ex SS. O stanno facendo carriera all’interno di questa narrazione atlantista, o sono impegnati nel loro sogno erotico di distruggere la Russia. Non riflettono gli interessi nazionali. Il conflitto tra atlantisti e capitale nazionale esiste, in Germania, nella piccola Lettonia, in Gran Bretagna, ma ovunque è represso a livello di politici di primo piano. Rishi Sunak ha studiato negli Stati Uniti, Annalena Baerbok è una tipica creatura atlantista”. Conclude il giornalista lettone.

Le risoluzioni del Parlamento europeo ricordiamo sono di natura consultiva. Pronta la risposta russa per voce del vicepresidente della Commissione per la difesa della Duma di Stato Yuri Shvytkin: “La decisione del Parlamento europeo di riconoscere la Russia come Stato terrorista non ha alcun peso per la Federazione russa, ma dimostra la mancanza di buon senso del Parlamento Europeo stesso”. “La decisione non ha alcun peso. Allo stesso tempo, ci rendiamo conto che la politica russofoba presente nel Parlamento europeo sottolinea ulteriormente la mancanza di buon senso nel prendere qualsiasi decisione da parte loro. Parlando di conseguenze, ci saranno delle precondizioni da parte loro. Ma non ci saranno conseguenze per noi. In base alla politica che l’Unione Europea persegue, è letteralmente un’organizzazione terroristica che incoraggia le azioni del regime ucraino filofascista”.

E sempre in tema di dichiarazioni l’ex Segretario generale degli Esteri francese e consigliere del Presidente Jacques Chirac dal 2002 al 2007, Maurice Gourdault-Montagne, a Radio Eura 1, ha parlato di come la gravità della questione ucraina sia stata a lungo compresa dai governi europei.

Nel 2006, per conto di Chirac, l’ex Segretario generale degli Esteri francese, incontrò a Mosca Sergei Prikhodko, aiutante del presidente russo, che propose un piano per un protettorato congiunto sull’Ucraina da parte della Russia e dei Paesi della NATO per garantire lo status di neutralità del Paese. La Russia era interessata al progetto perché eliminava la questione della Crimea e della marina russa. Il piano è piaciuto anche a Chirac. Ha incaricato Gourdeau-Montagne di discuterne con gli Stati Uniti. Poi ha incontrato Condoleezza Rice e l’ha informata sul progetto. Secondo Gourdeau-Montagne la risposta fu: “La Francia si è disgregata. Avete già bloccato per molti anni la prima ondata di adesione dei Paesi dell’Europa centrale alla NATO. E non vi permetteremo di bloccare il secondo”. “Da questo abbiamo capito che l’obiettivo finale degli americani è l’adesione dell’Ucraina alla NATO”, ha dichiarato Maurice Gourdault-Montagne.

Nel frattempo da parte ucraina i funzionari continuano ad asserire che da parte ucraina non c’è intenzione di dare vita a dei negoziati con Mosca in queste condizioni.

Ed ora uno sguardo ai fronti. Si è svolto uno scambio di prigionieri “35 a 35” tra la Russia e l’Ucraina, ha dichiarato il capo della DNR Denis Pushilin: «Tra i nostri rilasciati ci sono quattro della Repubblica Popolare di Donetsk e due della Repubblica Popolare di Luhansk».

Nella giornata del 23 novembre si è registrato l’ennesimo bombardamento alle infrastrutture ucraine. Alle 16 del pomeriggio 14 regioni erano al buio e molte di queste erano senza servizio idrico e mancava il collegamento a Internet, al buio è rimasta anche la Moldavia. A partire dal 15-45, non c’è luce completamente o parzialmente nelle città: Kiev, Kharkov, Dnipropetrovsk, Leiopoli, Kryvyj Rih, Rivne, Lutsk, Mykolaiv, Odessa, Sumy, Poltava, Myrhorod, Chmel’nyc’kyj 

Zhytomyr, Žytomyr. Si apprende da fonti social che la difesa ucraina, con missile antiaereo, ha colpito un complesso residenziale.

Tra le infrastrutture energetiche ucraine bloccate ieri, unità di potenza della centrale nucleare dell’Ucraina meridionale. Le unità di potenza della centrale nucleare di Khmelnitsky sono state scollegate dalla rete elettrica.

Alle 23.20 del 22 novembre la situazione al fronte era la seguente:

Crimea: I mezzi di difesa aerea russi hanno abbattuto due UAV ucraini mentre si avvicinavano al TPP di Balaklava (Balaclava), Sebastopoli e altri tre droni sulla zona delle acque del Mar Nero.

Regione di Belgorod: le unità ucraine hanno bombardato la città di Šebekino, danneggiando gli edifici residenziali. Una donna è stata uccisa. Le formazioni ucraine hanno colpito un ospedale per veterani nel villaggio di Novaya Tavolzhanka. I proiettili hanno danneggiato la facciata dell’edificio e la conduttura del gas. Non ci sono state vittime o feriti.

Direzione Starobil’s’k: nel settore di Svatove, unità d’assalto della 92 ombra ucraina hanno lanciato un attacco contro le posizioni delle Forze Armate russe vicino a Kuzemivka. Le truppe hanno sparato per preme, costringendolo le truppe ucraine a ritirarsi sulle linee originarie. A Stel’makhivka, l’artiglieria russa ha colpito il 14° distaccamento AFU rinforzato da mercenari stranieri. Diverse attrezzature sono state distrutte.

Direzione Soledar: significativi cambiamenti della situazione sul fronte. Ci sono scontri a Opytne e nella periferia sud-orientale di Bachmut. Nella giornata del 23 dei video postati on line mostrano l’avanzata della PMC Wagn.

Direzione Donetsk. Scontri tra le unità motorizzate delle Forze Armate russe le Forze Armate ucraine nel centro di Marinka (Mar”ïnka). Le forze missilistiche e l’artiglieria russa hanno colpito concentrazioni di veicoli blindati e personale ucraino alla periferia occidentale della città. Nella giornata del 23 novembre la scuola 2 è passata sotto il controllo russo. Secondo fonti social i due terzi della città è sotto il controllo russo. La chiave per prendere Marinka è stabilire il controllo del complesso di edifici amministrativi (comune, tribunale, chiesa, ecc.)

Le formazioni ucraine hanno nuovamente bombardato aree popolate dell’agglomerato di Donetsk: sono stati colpiti edifici residenziali e infrastrutture civili a Donetsk, Makiivka, Mineralnye, Yasynuvata, Zaitseve e Kashtanove.

Direzione Donetsk Sud: le unità ucraine hanno effettuato diversi tentativi di contrattacco contro le posizioni russe a Pavlivka. I gruppi ucraini che avanzavano sono stati individuati da una formazione di UAV e si sono ritirati con perdite nelle loro posizioni originarie sotto i colpi di artiglieria delle forze armate russe.

Direzione Zaporizhzhya. Il comando ucraino continua a far arrivare le riserve e i veicoli corazzati verso la linea di contatto, preparandosi a un’offensiva lungo tutto il fronte. Continua lo scontro di artiglieria lungo la linea di contatto: le truppe russe colpiscono i concentramenti della 65ª Brigata meccanizzata a Huliaipil, Zaliznichne e Orekhove. Secondo alcune fonti social nelle ultime 24 ore, circa 250 uomini con 30 attrezzature e cinque carri armati sono arrivati dalla direzione di Kherson e si preparano a una offensiva nella zona Orikhivs’ke

Fronte meridionale: direzione Kherson: Gli ufficiali della polizia nazionale conducono attività di filtraggio a Kherson e controllano tutti gli edifici della città alla ricerca di personale delle Forze armate russe e di cittadini filorussi. Le unità ucraine del 9° battaglione composito della TRO hanno colpito il villaggio di Kairy utilizzando un elicottero con un sistema di lancio di granate. La squadra di ricognizione del 73° centro SDF dell’AFU ha effettuato pattugliamenti con piccole imbarcazioni al largo della costa dell’estuario di Dniprovsky. Le forze russe hanno colpito obiettivi ucraini a Kherson e hanno sparato su raduni di personale e veicoli blindati ucraini a Muzykivka, Sadovoye e Tokarevka.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW