#UKRAINERUSSIAWAR. Quarto Generale russo morto in Battaglia. A Lisichansk ucraini nel calderone

152

In Russia questo fine settimana hanno sepolto il quarto generale morto in battaglia. Si tratta di Komkor Roman Kutozov, morto sul fronte di Nikolaevka. Si tratta di un generale delle forze aviotrasportate, comandante della 5a armata, originario del Donbass.

Nel frattempo, mentre in Inghilterra si vota la fiducia al Cancelliere, si apprende che il Regno Unito invierà all’Ucraina l’M270 MLRS con missili in grado di colpire bersagli a una distanza massima di 80 km. L’informazione è stata confermata dal capo del ministero della Difesa del Paese, Ben Wallace, che ha puntualizzato l’invio di munizioni M31A1. Il numero esatto di MLRS trasferiti non è stato dichiarato.

E sull’invio di armi a lungo raggio all’Ucraina, il 5 giugno, ha risposto il presidente russo, Vladimir Putin, il quale ha detto di non essere preoccupato di questi invii perché di fatto l’Ucraina ha già nei suoi depositi queste armi e ha promesso che verranno distrutte quanto prima.

Sulla stessa lunghezza d’onda il ministro per gli Esteri Sergej Lavrov che non ha potuto recarsi in Serbia per un viaggio istituzionale a causa del diniego dello spazio aereo del Montenegro, Macedonia del Nord e Ungheria. Lavrov ha dichiarato che: «Più a lungo raggio saranno i sistemi che l’Occidente fornisce a Kiev, più allontaneremo i nazisti dai territori da cui proviene la minaccia della Federazione Russa».

E ancora il capo del Comitato per la difesa della Duma di Stato ha dichiarato che: «La Russia può colpire le infrastrutture e le istituzioni statali dell’Ucraina in caso di consegne di MLRS a lungo raggio a Kiev».

Sul fronte nulla è cambiato si combatte gli scontri sono andati avanti durante il fine settimana con una piccola tregua nella notte di domenica.

In direzione Nikolaev-Kherson alla fine del 5 giugno sono continuati i combattimenti nell’area di Davydov Brod. Le forze armate dell’Ucraina sono riuscite ad occupare un insediamento sulla sponda meridionale del fiume Ingulets. Il punto era tenuto da un plotone delle Forze Armate russe. Un paio di dozzine di persone hanno tenuto la difesa contro le forze ucraine fino all’arrivo dei rinforzi. Successivamente, le unità russe si sono ritirate. Attacchi in massa sono stati inflitti alle forze armate ucraine che sono entrate a Davydov Brod. Si ricorda che la località di Davydov Brod è stata completamente distrutta ed oggi assomiglia molto a un deposito di equipaggiamento militare ucraino distrutto: l’artiglieria e l’aviazione tattica delle forze armate russo hanno martellato l’area a lungo perché avrebbe dovuto diventare la “testa di ponte” ucraina nell’area. Le forze armate ucraine però, sono rimaste con il pontile di traversata a Veliky Artakovo verso Ingulets; durante i combattimenti è stato ucciso il comandante di battaglione del 18° battaglione della 35a brigata della Marina ucraina Sergey Derduga.

Le Forze armate russe hanno sfondato le linee difensive delle Forze armate ucraine nel distretto di Veliko Aleksandrovsky nella regione di Kherson: dopo aver attraversato Ingulets, i russi hanno attaccato battaglia nei pressi di Belaya Krinitsa sulla sponda opposta. Le Forze armate russe hanno lanciato massicci attacchi alle infrastrutture utilizzate dalle Forze armate ucraine a Nikolaev e Ochakovo. Distrutti i magazzini nel porto di Nika-Tera.

Continuano gli scontri di artiglieria sulla linea di contatto: l’esercito russo ha sparato contro le postazioni delle Forze armate ucraine in prossimità di Zelenodolsk, Kiselevka, Partizansky e Shirokoye. Le parti continuano a concentrare attivamente le forze su questo settore del fronte. Da parte delle forze armate russe, si nota un massiccio trasferimento di carri armati, inclusi T-62. Il capo della regione di Poltava, Dmitry Lunin, ha affermato che i sistemi di difesa aerea ucraini hanno abbattuto un missile delle forze armate russe in volo.

Dal lato delle forze armate ucraine, sono arrivate parti del personale militare mobilitato dalla regione di Zhytomyr.

A Krivoy Rog, i residenti locali hanno segnalato due treni con equipaggiamento militare.

L’artiglieria della LPR, con il supporto dell’aviazione russa, mantiene sotto il controllo del fuoco l’autostrada strategica Bakhmut-Lysichansk, collegando due città che sono ancora sotto il controllo dell’esercito ucraino. Le truppe russe hanno continuato a distruggere le posizioni delle forze armate ucraine a Lysichansk utilizzando l’aviazione tattica e l’artiglieria

Direzione nord di Kharkiv, le Forze armate ucraine hanno lanciato una controffensiva. Combattimenti a Tsupovka e Tokarivka Druha. Scontri nei pressi di Ternovaya.

Nel Donbas, le forze russe sarebbero stati ingaggiate in combattimento, fonti non verificate, a Tatyanovka. Sono arrivati ​​i rinforzi ucraini ad Avdiivka: le Forze armate ucraine si preparano al contrattacco. Le forze armate ucraine hanno attaccato edifici nel distretto di Glushkovsky nella regione di Kursk. Il ponte e diversi annessi a Tyotkino sono stati danneggiati. Le truppe ucraine hanno sparato di contro Yasinovataya da Avdiivka

A Severodonetsk, il 6 giugno le forze armate ucraine hanno subito gravi perdite e si stanno ritirando in posizioni di riserva. Durante l’assalto a Nikolaevka, è stato ucciso il comandante del 1° Corpo d’armata della DPR, il generale Roman Kutuzov. Le forze delle forze armate ucraine a Novolugansk e a Uglegorsk TPP sono cadute in un accerchiamento operativo. Continuano feroci battaglie sulla linea Severodonetsk-Lysichansk-Zolotoye. Le unità ucraine sono state costrette a ritirarsi immediatamente a 20 chilometri nelle retrovie, nell’area del villaggio di Nagornoe. Ci sono battaglie per Vrubovka Il nord della città oramai sotto il controllo russo. Solo una strada che conduce a Seversk è sotto il controllo ucraino, quando le truppe russe attraverseranno il Seversky Donet, il calderone di Lisichansk per gli ucraini è inevitabile.

E nel fine settimana a fare notizia dal fronte di Severodonetsk l’uccisone del primo mercenario brasiliano. Sul gruppo di mercenari stranieri catturati a Severodonetsk, ci sono molte voci e ora una conferma: il mercenario brasiliano Sandro Silva nella sua chat privata di Telegram conferma la morte del suo connazionale Andre Haq. Il suo compagno Andre Kirvaitis ha contattato la moglie di Haq, che ha identificato il suo cadavere. André Hack è uno dei primi tre “insta-warrior” proveniente dal Brasile, che è diventato famoso grazie alle pubblicazioni sui campi di battaglia nei propri social network; fotografie che potrebbero portare a attacchi alle posizioni delle forze armate ucraine. Sembra che la vittima prima di finire sul fronte del Donbass abbia prestato servizio nella Legione Straniera francese, arrivato in Ucraina a fine febbraio, insieme ad altri brasiliani, ha lasciato la base presso il campo di addestramento di Yavoriv in poche ore, prima che venisse bombardato. Ha addestrato altri mercenari, ha partecipato ai combattimenti nelle regioni di Kiev e Kharkov, alla fine di maggio è stato trasferito a Severodonetsk. L’ultima volta che Andre Haq è apparso in onda in un servizio di Radio Liberty il 3 giugno.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here