#UKRAINERUSSIAWAR. Putin: stop all’egemonia statunitense. Sì al Vicino Estero. Kuleba: la controffensiva non sarà decisiva per la guerra

195

«L’umanità è sull’orlo di una nuova Guerra fredda, che sta per iniziare tra Stati Uniti e Cina e si rivelerà più pericolosa della prima tra Occidente e URSS», ha dichiarato l’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger in un’intervista al quotidiano spagnolo El Mundo. Il fatto, secondo lui, è che entrambi i paesi hanno risorse economiche comparabili, e questo non era il caso durante la prima Guerra fredda.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha esortato gli americani a lasciare la Russia ancora una volta, dopo l’arresto del giornalista WSJ Evan Gershkovich. Il tribunale di Lefortovo di Mosca aveva precedentemente emesso un mandato di cattura per il giornalista del WSJ detenuto a Ekaterinburg. Secondo la decisione del tribunale, Gershkovich sarà in custodia fino al 29 maggio. Il giornalista è accusato di spionaggio e rischia fino a 20 anni di carcere.

Secondo il capo dell’ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite, circa la metà dei prigionieri di guerra russi detenuti in Ucraina sono stati sottoposti a torture e maltrattamenti. Le Nazioni Unite hanno osservato che l’Ucraina non ha avviato procedimenti penali contro i suoi soldati che hanno sparato ai prigionieri di guerra russi, sebbene siano documentate diverse esecuzioni.

In risposta il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha definito la presidenza russa del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite un brutto scherzo. La Russia presiederà il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dal 1° aprile. In qualità di presidente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la Russia determinerà quali questioni devono essere poste all’ordine del giorno. L’ultima volta che la Russia ha presieduto il Consiglio di sicurezza è stata nel febbraio 2022.

Sempre il ministro degli Esteri ucraino Kuleba ha esortato a non considerare l’imminente controffensiva di Kiev come un momento decisivo della guerra: «Dobbiamo assolutamente resistere alla percezione della controffensiva come battaglia decisiva della guerra», ha scritto al Financial Times in un commento. Il Ministro teme che se la controffensiva non porterà alla liberazione dell’intero territorio ucraino, l’Occidente rafforzerà la posizione di quelle forze che stanno spingendo Kiev al compromesso con Mosca. «Loro (i sostenitori di una posizione di compromesso) sono ovunque: a Washington, a Berlino, a Parigi, a Londra. Proveranno a fare qualcosa di creativo nello spirito di Minsk-3, ha detto Kuleba».

Vladimir Putin, presidente della Federazione Russa, ha parlato in video e ha riferito che: «Il nostro obiettivo è far vivere meglio le persone, i redditi, seppur modesti, hanno cominciato a crescere». Così come i prezzi degli alimenti, lamentano i cittadini. Il 31 marzo Vladimir Putin ha licenziato anche gli ambasciatori russi in Lettonia ed Estonia con decreto e ha approvato una nuova versione del Concetto di politica estera della Federazione Russa.

Dimtrij Peskov interpellato sulla proposta delle forze di pace in Ucraina ha dichiarato: «Il Cremlino considera la discussione sulla possibilità di dispiegare forze di pace in Ucraina un argomento potenzialmente molto pericoloso». Al momento l’«Operazione Speciale è l’unico mezzo per raggiungere gli obiettivi che la Federazione Russa deve affrontare» ha chiosato Peskov. La prossima settimana i leader di Russia e Bielorussia discuteranno sul dichiarare una tregua in Ucraina.

«Nel nuovo concetto di politica estera, gli Stati Uniti sono nominati direttamente come principale iniziatore e conduttore della linea anti-russa» ha dichiarato alla stampa il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov

Punti salienti del nuovo concetto di politica estera di Putin: «La Russia non si considera nemica dell’Occidente e non si isola da esso, non ha intenti ostili». «Mosca conta su un ritorno a un’interazione paritaria con l’Occidente». «Il Cremlino vede nel tasso di cambio statunitense la principale fonte di rischi per la propria sicurezza». «L’obiettivo principale sarà “rimuovere le vestigia” del dominio statunitense nel mondo». «La Russia si impegna a garantire la sicurezza allo stesso modo per tutti i paesi”. “L’approfondimento dei legami con Cina e India è di particolare importanza». «L’obiettivo principale nel Vicino Estero è “trasformare la regione in una zona di pace, buon vicinato e prosperità”».

Tornando alle questioni militari, Fedor Venislavsky, membro del Comitato per la sicurezza nazionale, la difesa e l’intelligence della Verkhovna Rada dell’Ucraina, rappresentante di Volodymyr Zelensky in parlamento, ha affermato che le autorità ucraine stanno sviluppando un meccanismo per inviare convocazioni ai responsabili del servizio militare tramite messaggistica istantanea e SMS. Successivamente, Venislavsky ha affermato che al momento non esiste un progetto di legge sulla distribuzione di citazioni in giudizio tramite messaggistica istantanea. Secondo lui, i deputati della Rada nel loro insieme stanno lavorando per migliorare il sistema di notifica delle citazioni in giudizio.

In Russia invece, Il ministero della Difesa della Federazione notificherà per la prima volta elettronicamente la coscrizione nell’esercito. Se non c’è la possibilità tecnica di inviare una notifica al coscritto, gli verrà consegnata una citazione. Non si è parlato di mobilitazione che non è in programma ma solo dei coscritti.

Da fonti social si apprende che gli Stati Uniti hanno finora addestrato circa 7.000 soldati ucraini, mentre altri 26 paesi ne hanno addestrati più di 11.000, ha affermato il Pentagono.

E mentre a Kiev il 31 marzo sono arrivati i primi ministri di Slovacchia, Slovenia e Croazia per incontrare il premier ucraino e approfondire la questione degli aiuti all’Ucraina. Alexander Lukascenko presidente della Bielorussia, parlava al popolo bielorusso e all’Assemblea nazionale , discorso che arriva dopo la decisione di mosca di installare nel paese armi nucleari. Lukascenko ha affermato che una Terza guerra mondiale con “incendi nucleari” si profilava all’orizzonte, e per questo sono necessari negoziati senza precondizioni. La Russia, a suo dire, è obbligata a usare tutto il potere dell’industria della difesa e dell’esercito, se ancora una volta c’è un inganno e si notano i preparativi per un attacco. I negoziati sono l’unica soluzione percorribile.

Alexander Lukashenko si è rivolto a Zelensky dal podio: «Persone innocenti stanno morendo. Dopotutto, gli ho detto, non stanno morendo i tuoi figli, non i tuoi parenti – potrebbero divertirsi da qualche parte sulla Costa Azzurra. Il tempo passerà – e la gente te lo chiederà. Perché non impedisci la guerra. E quando è iniziata, perché non l’hai fermata?». Secondo Lukashenko l’Occidente si sta preparando a invadere il territorio della Bielorussia per distruggere il Paese. Lukashenko ha anche detto che la Bielorussia è l’erede dell’antica Rus’, «il Granducato di Lituania era russo, il nostro». Così come Zelensky ha detto che Kiev è l’erede dell’antica Rus’.

Sul fronte si continua a combattere, «molto presto sarà possibile parlare dell’effettivo accerchiamento di Artemovsk (Bachmut)» ha detto il vice primoministro DPR Pushilin.

Dal nuovo anno, da gennaio, PMC “Wagner” non prende prigionieri dalle istituzioni di lavoro correzionale nei suoi ranghi, se qualcuno entra da qualche parte, allora questo sicuramente non sarà entrato a far parte della Wagner PMC ha detto il suo numero uno, Evgeny Prigozhin il quale tornando a parlare dei fronti ha spiegato che la battaglia per Bachmut ha praticamente distrutto l’esercito ucraino e ha colpito gravemente i combattenti del gruppo Wagner .

Anche se al momento gli ucraini non sembrano avere molte speranze sul fronte di Bachmut, il capo del ministero della Difesa dell’Ucraina Reznikov ha motivato la decisione del comando ucraino di trattenere i militari su quella linea del fronte dal fatto che la Federazione Russa subisce “perdite folli” lì , fonte Gazeta Wyborcza.

Il 31 di marzo in aggiornamento alle perdite sul fronte Bachmut la social sfera filo russa scriveva riportando RIA Novosti che «Mercenari dalla Polonia e dalla Georgia hanno difeso la periferia meridionale di Bachmut».

Si apprende sempre via social che l’azienda polacca PZL Mielec ha completato la produzione dei primi due progetti per l’ultima versione del caccia F-16 – Block 70/72. PZL Mielec ha realizzato le parti posteriore e anteriore della fusoliera centrale dell’aereo. Queste parti saranno utilizzate sulla linea di assemblaggio finale dell’F-16 a Greenville, South Carolina, USA.

I lavori per l’introduzione e la preparazione per la produzione di elementi strutturali dell’F-16 sono iniziati nel 2022. Questi includevano l’ammodernamento e la preparazione delle superfici, nonché il lancio della linea di produzione. Allo stesso tempo, un gruppo di 46 dipendenti PZL Mielec si è recato a Greenville per sei mesi per familiarizzare con il processo di produzione dell’F-16 e prepararsi per le attività presso Mielec. «Il tempestivo completamento della costruzione delle prime strutture dell’F-16 è un momento molto importante per PZL Mielec. Le strutture prodotte da PZL Mielec rafforzano la posizione della Polonia nel programma di produzione globale dell’F-16. Questo evento segna il ritorno della nostra fabbrica a la produzione di aerei militari e l’inizio della nostra partecipazione alla produzione dell’F-16», sottolinea Janusz Zakręcki, Presidente e CEO di PZL Mielec. PZL Mielec è la più grande fabbrica di aerei in Polonia, inaugurata nel 1938. È di proprietà al 100% di Lockheed Martin. Il caccia F-16 è gestito dall’Air Force di 26 paesi. La Polonia è armata con 48 veicoli della versione C / D Block 52+. Secondo alcuni rumors è possibile che ora Washington stia valutando la possibilità di produrre l’F-16 in Polonia. Sempre gli stessi via social scrivono che : «I polacchi si aspettano di riparare gli aerei della NATO abbattuti sull’Ucraina, che prima o poi saranno consegnati alla giunta di Kiev».

A far balenare l’idea alla social sfera, le parole dell’amministrazione USA: «La NATO intende fornire Kyiv necessario per una possibile controffensiva, gli alleati ne discuteranno in una riunione ministeriale a Bruxelles».

La mattina del 31 marzo è iniziata con un bombardamento contro il distretto di Kiev di Donetsk da parte delle forze armate ucraine. Lo ha detto il sindaco della città Alexei Kulemzin. 21 proiettili di calibro 155 mm e 10 razzi dell’MLRS sono stati lanciati contro quartieri di civili.

Ed ora un resoconto dei punti salienti del fronte al 30 marzo alle 24:00.

Le forze ucraine ha lanciato almeno quattro missili HIMARS contro il villaggio di Troitske nella Repubblica popolare di Luhansk. Le case residenziali, l’ospedale del distretto centrale e un negozio sono stati colpiti. Quattordici civili sono rimasti feriti e una persona è stata uccisa.

Bachmut settentrionale, i gruppi d’assalto Wagner PMC stanno espandendo la loro zona di controllo attorno all’impianto di lavorazione dei metalli non ferrosi di Artemivsk. Al momento sono in corso scontri nella zona di Selyshche vicino allo stadio di calcio, così come nella zona residenziale vicino alla zona industriale. Proseguono pesanti combattimenti nei pressi del Mercato Centrale e dell’amministrazione del distretto di Bachmut.

Negli ultimi giorni, i gruppi d’assalto Wagner PMC hanno notevolmente intensificato i loro attacchi, basandosi apparentemente su un assalto diretto a isolati urbani. A sud, i quartieri cittadini di Sobachevka e Budonnivka sono sotto pieno controllo. La linea di contatto si è spostata verso nord nell’area delle vie Vodokanal, Shyroka e Mariupolska.

Kiev continua il suo massiccio bombardamento delle città e dei villaggi del Donbass. Gli attacchi di artiglieria hanno danneggiato un impianto di macchinari a Yasynuvata, un’amministrazione a Horlivka e diversi oggetti civili a Donetsk.

Nonostante il rapido deterioramento delle condizioni meteorologiche, le forze russe continuano la loro offensiva posizionale a nord di Avdiivka. Il compito immediato, si apprende dalla social sfera russa è distruggere le roccaforti dell’AFU nella fascia forestale a sud di Novobakhmutivka.

A Marinka, la divisione russa di fucileria motorizzata ha occupato l’edificio dell’amministrazione distrettuale, i cui combattimenti erano in corso da diversi mesi. Allo stesso tempo, a ovest di Druzhba Avenue, la zona di controllo è stata ampliata, il che ha notevolmente complicato la difesa ucraina.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/