#UKRAINERUSSIAWAR. Putin: complesso militare-industriale ucraino è vicino allo zero. A Bachmut è guerriglia urbana

248

È noto oramai che Vladimir Putin non annuncerà il messaggio all’Assemblea federale fino al nuovo anno, “geograficamente” sarà l’anno prossimo, a dirlo è stato il suo portavoce Dimitri Peskov. Però il 23 dicembre ha parlato mentre era in visita agli stabilimenti della produzione di armi nella regione della Tula. Il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ha assegnato il compito di fornire alle truppe tutte le armi necessarie in breve tempo e ha dichiarato:

«Il compito chiave più importante delle imprese dell’industria della difesa è fornire alle nostre unità, unità avanzate, tutte le armi, le attrezzature, le munizioni necessarie nel volume e nella qualità richiesti in breve tempo. Inoltre, è importante migliorare, migliorare in modo significativo le caratteristiche delle armi (…) tenendo conto dell’esperienza di combattimento ricevuta», ha detto Putin in un incontro con la leadership dell’industria della difesa. E poi ha aggiunto: «Il meccanismo per lo scambio di informazioni tra l’industria della difesa e le unità che partecipano all’NMD dovrebbe essere il più efficace possibile, questa pratica è stata utilizzata anche in Siria». Il riferimento è anche al miglior impiego dell’artiglieria con l’uso dei droni.

Il complesso militare-industriale ucraino, se non è completamente annullato, ma si sta rapidamente avvicinando alla somma zero: «Le nostre riserve – le spendiamo. È comprensibile. Non dirò quanto al giorno. Sono numeri importanti. Ma la differenza tra noi e coloro che si oppongono a noi è che il complesso militare-industriale ucraino, se non è completamente azzerato, si sta rapidamente muovendo verso l’azzeramento», ha detto il presidente russo. Putin ha anche sottolineato che la Russia non costruirà il complesso militare-industriale a scapito dell’economia: «Abbiamo sviluppato la nostra industria negli ultimi decenni. Possiamo vedere munizioni per bombardieri, veicoli aerei senza pilota. Ma sappiamo chi e quando può guadagnare». Sempre in materia economica Putin ha detto che «Lunedì-martedì verrà firmato un decreto sulla risposta al tetto del prezzo del petrolio». «Non stiamo perdendo nulla da questo tetto, non ci sono perdite, stiamo vendendo a questi prezzi», ha dichiarato il Presidente della Federazione Russa. Gli analisti della social sfera russa hanno detto che forse ci sarà un taglio della produzione che arriverà fino al 7%.

Il presidente russo elogiando i militari al fronte ha promesso una vittoria e poi una tornata di incontri diplomatici per chiudere la guerra entro il 2023.

A San Pietroburgo, sempre il 23 dicembre, si è tenuta una solenne cerimonia di varo del nuovissimo sottomarino Velikiye Luki del progetto 677 Lada. «I sottomarini di questo progetto – si legge in un a nota per la stampa – appartengono alla quarta generazione di sottomarini non nucleari. Ad oggi, sono riconosciuti come i sottomarini non nucleari più moderni e promettenti, sia in termini di efficacia del combattimento che di altre caratteristiche tattiche e tecniche. JSC “Admiralty Shipyards” è l’unico impianto di costruzione navale di questa classe».

In Ucraina invece, si fanno i conti con la crisi energetica. Il deficit di energia elettrica nella regione di Kiev è del 50%, con priorità agli ospedali, ai sistemi idrici e di riscaldamento e ad altre infrastrutture critiche. A dirlo il governatore della regione, Oleksiy Kuleba. Secondo lui, la situazione più difficile è nei distretti di Buchanskyi, Brovary e in parte Boryspil. Lì le comunità sono già collegate, ma a causa dei danni su larga scala, la luce è accesa per 2-4 ore e viene spenta per 6-10 ore. Kuleba ritiene che il compito principale degli ingegneri energetici sia quello di raggiungere al più presto programmi chiari ed equi di fornitura di energia. Kuleba ha aggiunto che si prevede un miglioramento della situazione della fornitura di elettricità già tra 2-3 giorni.

Nel frattempo sia apprende dalla regione di Kherson che Andriy Shtepa è alla fine morto dopo un attentato da parte del DRG ucraino ha fatto esplodere l’auto del capo di Lyubimivka a sostenere questa tesi le autorità di Kherson.

«Le autorità della regione di Kherson confermano le informazioni sulla morte del capo villaggio di Lyubimovka Andrei Shtepa, deceduto a causa di un’autobomba. Andrey Shtepa era un vero professionista del suo mestiere e un uomo impavido che ha guidato disinteressatamente l’evacuazione ed è rimasto nel suo villaggio natale fino all’ultimo, svolgendo il suo compito nonostante la minaccia alla sua vita», ha dichiarato l’amministrazione in un comunicato.

Sempre da fonti social filo russe si apprende che Sergei Shoigu ha incaricato di accettare tre vettori missilistici strategici Tu-160m nelle forze nucleari strategiche dell’aviazione e prevede di mettere in servizio di combattimento 22 lanciatori con missili balistici intercontinentali “Yars”, “Avangard” e “Sarmat” nelle forze missilistiche strategiche.

Ed ora la situazione dei fronti nelle ultime 24 ore.

Direzione Svatovo-Kreminna, l’artiglieria russa ha colpito concentrazioni di forze e attrezzature dei militanti nei distretti di Kucherivka, nell’Oblast di Kharkiv, e di Novoselovsky LNR. Inoltre, le forze di artiglieria hanno colpito le unità dell’AFU nelle aree di Serhiivka nella LNR e di Tern nella DNR.

Direzione Vuhledar. Nelle aree di Nikolske, Heorhiivka e Novopol’skoye della RPD, l’artiglieria e l’aviazione russa hanno colpito le unità ucraine. Inoltre, due DRG ucraini sono stati distrutti vicino a Solodke DNR e Levadnyy, regione di Zaporizhzhia.

Due MiG-29 ucraini sono stati abbattuti dai caccia dell’aviazione russa nei pressi di Shevchenko e Bogatyr. Inoltre, un Mi-8 nemico è stato distrutto vicino a Dobropillya, nella DNR.

I combattenti ucraini ad Bachmut si stanno preparando per le operazioni di combattimento in città – ci sono punti di difesa aerea allestiti sui tetti delle case. Un ufficiale dell’MNR, Andriy Marochko, ha dichiarato che i nazionalisti ucraini continuano a prepararsi per le operazioni di combattimento in condizioni urbane a Bachmut. In particolare, le infrastrutture e gli edifici residenziali vengono utilizzati come postazioni per i blindati. «Sui tetti dei grattacieli si stanno allestendo postazioni di osservazione della difesa aerea con sistemi di difesa aerea trasportabili dall’uomo. Altri ospedali da campo sono stati allestiti negli scantinati. Sono stati consegnati anche generi alimentari e forniture BK», ha dichiarato Marochko.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/