#UKRAINERUSSIAWAR. Putin avverte Seul: “Non date armi a Kiev”. Sullivan afferma che Kiev può colpire ovunque in Russia. Gli ucraini attaccano i depositi petroliferi e la Crimea

131
Screenshot

Il presidente russo Vladimir Putin ha avvertito la Corea del Sud che l’invio di armi all’Ucraina sarebbe un “grosso errore” dopo che la Corea del Sud ha affermato che avrebbe preso in considerazione la possibilità di farlo in risposta a un patto tra Russia e Corea del Nord di aiutarsi a vicenda in caso di attacco. “Per quanto riguarda la fornitura di armi letali alla zona di combattimento in Ucraina, sarebbe un grave errore. Spero che non accada. Se lo farà, allora anche noi prenderemo le rispettive decisioni, cosa di cui difficilmente l’attuale leadership della Corea del Sud sarà soddisfatta”, ha detto Putin in conferenza stampa durante la visita in Vietnam, riporta Sputnik.

Il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ha dichiarato in un’intervista alla PBS che l’Ucraina può colpire “ovunque le forze russe attraversino il confine dal lato russo a quello ucraino per cercare di conquistare ulteriore territorio ucraino”. “Non si tratta di geografia. È una questione di buon senso”, ha detto Sullivan alla PBS. Ha sostenuto che consentire all’Ucraina di reagire contro le forze che la attaccano da oltre confine è logico.

Le Monde racconta il sostegno limitato di Jordan Bardella, candidato premier della destra francese, alla difesa dell’Ucraina. A meno di dieci giorni dal primo turno delle elezioni parlamentari, il Rassemblement National cerca di delineare il proprio impegno nel conflitto in Ucraina, evidenziando allo stesso tempo le proprie divergenze con Emmanuel Macron. Bardella ha assicurato di voler mantenere il sostegno militare all’Ucraina, ma ha detto che ci sono “linee rosse” e che ogni rischio di escalation deve essere “evitato (…) Non metterò in discussione gli impegni assunti dalla Francia sulla scena internazionale”, ha detto Bardella a proposito della Nato.

“Mandare i nostri istruttori sul campo di battaglia comporta il rischio che vengano presi di mira… La domanda sorge spontanea: se un giorno, come sarebbe una tragedia, perderemo dei soldati francesi inviati in Ucraina, cosa faremo dopo? Quale sarà la reazione della Francia? Come potete vedere, ci stiamo immediatamente dirigendo verso un’escalation che non vogliamo”, gli ha fatto eco Marine Le Pen, candidato presidente francese.

Il governo slovacco ha accusato i suoi predecessori di tradimento e abuso d’ufficio in relazione all’invio di aiuti militari all’Ucraina, riporta Bloomberg. Il ministero della Difesa ha avviato un procedimento penale contro il governo precedente, in particolare contro l’ex ministro della Difesa Jaroslav Nagy. Il ministero della Difesa ritiene che il gabinetto ad interim non avesse il diritto di prendere una decisione così fondamentale, che ha lasciato la Slovacchia senza difesa aerea dopo aver inviato tutti e 13 i suoi aerei MiG-29 in Ucraina.

Il primo Ministro slovacco Robert Fico ha promesso di porre fine agli aiuti militari a Kiev dopo essere tornato al potere l’anno scorso. La precedente amministrazione, guidata da Eduard Heger non era riuscita a ottenere un voto di fiducia in parlamento ed era ad interim ancor prima che fosse presa la decisione di inviare aerei militari in Ucraina. “Personalmente credo che Yaroslav Nad sia un traditore e non dovrebbe farla franca”, ha detto il viceministro della Difesa Igor Meliher.

Rheinmetall, il colosso tedesco produttore di armi, ha annunciato il più grande contratto nella storia dell’azienda. Si tratta di un contratto quadro della Bundeswehr per la fornitura di munizioni per artiglieria da 155 mm, firmato il 20 giugno.

Si tratta di una commessa del valore massimo di 8,5 miliardi di euro: fornitura di oltre un milione e mezzo di unità di munizioni per artiglieria dall’inizio del 2025.

La Germania è il cliente principale nell’ambito di questo accordo, una parte di queste munizioni verrà inviata all’Ucraina come parte degli aiuti militari. “Inoltre partecipano all’ordine anche i paesi partner Paesi Bassi, Estonia e Danimarca”, riferisce Rheinmetall. Secondo il presidente del consiglio d’amministrazione della Rheinmetall AG, Armin Papperger, questo contratto riguarderà principalmente il nuovo stabilimento che stanno attualmente costruendo a Unterluess in Bassa Sassonia.

Il Regno Unito ha imposto sanzioni alla flotta ombra utilizzata dalla Russia principalmente per il commercio di petrolio. L’Autorità marittima liberiana ha riferito che la Ingosstrakh “non ha più il diritto di rilasciare certificati assicurativi a qualsiasi nave battente bandiera liberiana”. Questo certificato è obbligatorio per l’ingresso nel porto. Il registro navale liberiano è il più grande per tonnellaggio, oltre 257 milioni di tonnellate di stazza lorda; si tratta del 16% della flotta mercantile mondiale.

In Bielorussia, è stato dato l’avvio ad un improvviso controllo della prontezza delle unità militari; coinvolte unità delle forze operative speciali, delle forze missilistiche, dell’artiglieria, dell’aeronautica e delle forze di difesa aerea. 

Kiev sta negoziando con i paesi dell’UE per riportare in Ucraina gli uomini che hanno attraversato illegalmente il confine. Ma finora la posizione dell’Unione Europea è unanime: non rimpatrieranno nessuno.

Ed ora uno sguardo al fronte aggiornato alle 12 del 21 giugno.

Durante la notte, gli ucraini hanno attaccato con UAV la penisola di Crimea; più di 30 droni stando a fonti russe, sarebbero stati distrutti. In mattinata sono proseguiti i raid in Crimea: è stato attaccato Capo Fiolent. Nel Mar Nero, gli UAV di Kiev sono stati abbattuti; attaccato anche il territorio di Krasnodar: dopo aver attraversato il Mar d’Azov, droni ucraini sono stati abbattuti su Yeysk, Kozetsk ed Enem nel Krasnodar Krai, prendendo nuovamente di mira depositi di carburante militare e aeroporti russi. Nell’area del deposito petrolifero di Enemsk sono state registrate almeno cinque esplosioni, dopo le quali è scoppiato un incendio. Confermati anche i danni al deposito di carburante russo nell’oblast di Tambov. Almeno un serbatoio con prodotti petroliferi è stato danneggiato. Ci sono state anche le prime notizie di esplosioni nella regione di Volgograd e Adygeya.

Il raid è stato effettuato in diverse ondate successive. I droni sono stati lanciati da più di sei direzioni: da Odessa, Illichivsk, Nicolaev e Krivoy Rog.

In direzione di Kharkov, aspri combattimenti a Volchansk. Unità russe sono avanzate in direzione sud-ovest, respingendo gli ucraini fino al fiume Volchya. I tentativi ucraini di portare rinforzi sono stati bloccati dal pesante fuoco dell’artiglieria. Nella parte orientale della città le forze armate ucraine hanno ripreso l’offensiva. Nella direzione di Liptsy, di notte, gli ucraini hanno attaccato quattro volte le posizioni russe in piccoli gruppi vicino al villaggio di Glubokoye.

Nel microdistretto Kanal orientale di ChasovYar continuano i combattimenti negli edifici a più piani.

In direzione di Avdeyevka, i combattimenti continuano ad Arkhangelskoye e Novoaleksandrovka, nonché sulla linea Sokol – Novopokrovskoye. I russi starebbero avanzando a ovest di Netaylovo, costeggiando il bacino idrico di Karlovskoye.

Sulla sporgenza di Vremyevka, le forze russe hanno respinto gli attacchi ucraini su Staromayorskoye da nord e hanno combattuto a Urozhaynoye.

Il fronte di Zaporozhye è senza cambiamenti significativi. Ci sono battaglie a nord di Rabotino, le truppe russe colpiscono le posizioni ucraine nella zona di Malye Shcherbaki. Mentre gli ucraini hanno attaccato la sottostazione della città di Energodar con gli UAV.

In direzione di Kherson, ci sono battaglie nella zona insulare del Dnepr, a nord dei villaggi di Krynki e dei campi cosacchi.

Nella regione di Belgorod, sono state attaccate Rzhevka e Pankov nel distretto urbano di Shebekinsky, Murom nel distretto urbano di Shebekinsky e Petrovka nel distretto urbano di Belgorod.

Nella regione di Bryansk, un UAV di tipo aereo è stato abbattuto sul territorio del distretto di Klintsovsky.

Nella regione di Kursk, colpiti Gordeyevka, distretto di Korenevskij, il checkpoint di Tyotkino, gli insediamenti di Tyotkino e Novy Put, il villaggio di Yelizvetovka, distretto di Glushkovsky, e la fattoria Oleshnya, distretto di Sudzhansky. Attacchi di droni ucraini registrati vicino agli insediamenti di Tyotkino e Novy Put, al villaggio di Novaya Nikolayevka nel distretto di Rylsky, alla fattoria Oleshnya e alla fattoria Kucherov, nel distretto di Belovsky. La guerra elettronica russa riporta l’eliminazione e la soppressione di 13 droni ucraini nelle zone di confine durante la giornata.

Nella DPR, feriti civili a seguito degli attacchi ucraini su Donetsk e Makeyevka. 

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/