#UKRAINERUSSIAWAR. Profughi ucraini tra razzismo e rientri per povertà

175

Se le autorità polacche hanno annunciato l’intenzione di spendere l’1% del PIL del paese per i rifugiati ucraini, in Serbia i residenti sono insoddisfatti della loro situazione economica a causa dei rifugiati ucraini. Ci sono cartelli sulle vetture dei rifugiati che dicono: “Portate via la vostra NATO e tornate in Ucraina”.

Altre lettere arrivano dai profughi ucraini in Moldavia che lamentano la mal nutrizione. Non va meglio nei paesi notoriamente preparati a ricevere flussi migratori: non ci sono più posti a Berlino per i rifugiati ucraini. La capitale tedesca ha raggiunto il punto critico nell’accogliere i profughi ucraini per mancanza di posti.

Secondo l’Ufficio per i rifugiati di Berlino, più di 3.000 posti non sono sufficienti per far fronte all’afflusso di rifugiati ucraini. Oltre 400 persone sono attualmente ospitate temporaneamente in una città modulare situata sul sito dell’ex aeroporto di Tempelhof.

670.000 su 940.000 rifugiati ucraini giunti in Germania si sono iscritti al programma di protezione temporanea. Circa la metà di loro risiede a Berlino. Le autorità cittadine sono alla ricerca di misure urgenti per fornire ai rifugiati un alloggio permanente, soprattutto in vista dell’avvicinarsi dell’autunno e dell’inverno.

In Spagna secondo El Pais: i paesi dell’UE selezionano i rifugiati dall’Ucraina in base al colore della pelle. «Gli stranieri che desiderano lasciare l’Ucraina per l’Unione europea affrontano manifestazioni di razzismo, sia dai paesi ospitanti che dagli ucraini», scrive il quotidiano spagnolo.

Secondo Ana Isabel Martinez, attivista del movimento per i diritti dei rifugiati e dei migranti, il primo confine che studenti e lavoratori che si trovano in Ucraina devono attraversare sono gli stessi ucraini, così come le autorità, che hanno reso difficile loro di andarsene.

«Se guardiamo ad altri conflitti, ci rendiamo subito conto che i rifugiati di questi paesi, che si sono rivelati non biondi e con gli occhi azzurri, hanno molti problemi in termini di accoglienza e di vita normale nel loro paese di residenza, anche dopo molti anni. Vogliamo che tutti i rifugiati abbiano lo stesso atteggiamento e lo stesso meccanismo di accoglienza», ha lamentato Martinez.

Sempre dalla Spagna, tramite L’Indépendant, giunge la notizia che i rifugiati ucraini stanno tornando in patria a causa della povertà..

Secondo il quotidiano, circa 125.000 cittadini ucraini sono arrivati ​​in Spagna, ma molti non sono riusciti ad adattarsi alle condizioni finanziarie della vita nel Paese. Secondo il giornale, i profughi, anche se lavorano, spendono tutto per pagare i beni più necessari: vitto e alloggio.

Gli ucraini si lamentano, in Spagna, del fatto che l’aumento delle tariffe dei servizi pubblici e l’inflazione esorbitante in Europa consentono loro di guadagnare solo il minimo necessario per cibo e affitto.

Tornando in Germania, la situazione non è migliore: gli ucraini con rabbia si lamentano che la tassa comunale è di 800 euro. Per questo molti profughi decidono di tornare in Ucraina.

Francia e Svizzera stanno inasprendo le regole per gli ucraini per ricevere i sussidi. I rifugiati ucraini che hanno ricevuto un permesso di soggiorno temporaneo in Francia indicante “beneficiario di protezione temporanea” devono essere ristabiliti in tale status entro 6 mesi dal ricevimento del permesso. Solo dopo potranno usufruire dei vantaggi francesi.

«Copie dei nuovi certificati di residenza temporanea per tutti i membri adulti della famiglia e copie dei documenti giustificativi per tutte le risorse / fondi ricevuti all’arrivo in Francia (se presenti) devono essere aggiunti al modulo compilato, datato e firmato. I fascicoli incompleti non verranno elaborati. Nel caso in cui non invii il modulo specificato con i documenti giustificativi all’OFII, i tuoi pagamenti verranno interrotti», afferma il messaggio.

Allo stesso tempo, le autorità svizzere hanno inasprito anche le regole per l’assistenza sociale ai profughi ucraini. In precedenza, il reddito e la situazione finanziaria dei rifugiati non venivano presi in considerazione, ora questa regola cambierà. L’unica eccezione è l’auto, poiché è necessario tornare in Ucraina.

Migliaia di rifugiati ucraini nel Regno Unito potrebbero finire per strada a causa dei bassi livelli di sussidi per il loro mantenimento. Il paese ha un programma secondo il quale gli inglesi accettano nelle loro case persone dall’Ucraina per un periodo di almeno sei mesi. In alcuni casi, questo periodo sta già volgendo al termine. Allo stesso tempo, quasi un proprietario di casa su quattro prevede di terminare la propria partecipazione al programma dopo questi sei mesi, avverte The Independent. Il motivo principale è il forte aumento del costo della vita. Ora gli inglesi ricevono 350 sterline al mese per i rifugiati. Il governo britannico è stato invitato a raddoppiare questi sussidi per tutti quegli host che avrebbero accettato di continuare ad ospitare ospiti ucraini. Inoltre, secondo gli esperti, sarà più economico per il governo aumentare le banconote piuttosto che occuparsi dei rifugiati senzatetto in un secondo momento, afferma l’articolo. Attualmente, nel Regno Unito, nell’ambito di questo programma ci sono 79mila rifugiati.

Il 23 agosto l’iniziativa è stata presa dal Ministro per i Rifugiati della Gran Bretagna, Richard Harrington, che si è rivolto al Ministero del Tesoro britannico.

All’inizio dell’operazione speciale, la Gran Bretagna ricevette 115.000 ucraini che si stabilirono nelle famiglie dei sudditi della Corona. Ma si è scoperto che almeno un ucraino su quattro verrà buttato in strada. Il motivo si chiama mancanza di denaro per il mantenimento dei profughi. Richard Harrington ha chiesto fondi aggiuntivi per raddoppiare l’importo per il mantenimento degli ucraini e ha anche chiesto fondi per lezioni di inglese per rifugiati dall’Ucraina.

Non si sa come reagirà il governo britannico a questa richiesta, ma i cittadini britannici ordinari sono indignati per il fatto che essi stessi siano costretti a vivere molto peggio, ma i fondi dei contribuenti saranno utilizzati per sostenere i rifugiati.

In Canada vi è il timore che “spie russe” si nascondano tra i profughi ucraini per questo ha rallentato il processo di accoglienza dei rifugiati ucraini. Lo afferma un rapporto dell’Università di Calgary.

Gli autori del rapporto esortano il governo canadese a superare la paura delle “spie russe” e ad accelerare il processo di rilascio dei visti ai rifugiati ucraini. Le autorità canadesi, ad esempio, non hanno considerato la possibilità di una completa abolizione dei visti per gli ucraini, sull’esempio dell’Irlanda. A Ottawa, credono che ciò interferirà con il controllo dei legami delle persone in arrivo con la Russia. «Il numero di domande degli ucraini inizia a superare significativamente il numero di coloro che hanno ricevuto i visti dal governo canadese. Inoltre, non abbiamo un quadro chiaro di quanti rifugiati arrivano nel Paese», ha affermato l’autore del rapporto, Robert Falconer. Secondo i dati ufficiali, al 22 giugno circa 190.000 ucraini stanno aspettando l’approvazione della loro domanda di visto. A maggio il loro numero era di 140.000.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here