#UKRAINERUSSIAWAR. Per l’MI6 l’offensiva russa sta per fermarsi

123

«È probabile che l’esercito russo inizi una pausa operativa di qualche tipo in Ucraina nelle prossime settimane, dando a Kiev un’opportunità chiave per contrattaccare», ha detto il capo delle spie britanniche. Richard Moore, capo del Secret Intelligence Service , Sis, noto come MI6, ha anche stimato che circa 15.000 soldati russi sono state uccise finora nella sua guerra in Ucraina, aggiungendo che si trattava di «una stima probabilmente prudente. Penso che stiano per esaurirsi», ha detto Moore, intervenendo all’Aspen Security Forum in Colorado, aggiungendo che l’esercito russo avrà sempre più difficoltà a fornire uomini e materiali nelle prossime settimane:

«Dovranno fermarsi in qualche modo e questo darà agli ucraini l’opportunità di contrattaccare».

A quasi cinque mesi dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, Kiev spera che le armi occidentali, in particolare i missili a più lunga gittata come gli Himars statunitensi che Kyiv ha schierato nelle ultime settimane, le consentano di lanciare un contrattacco nelle prossime settimane e di riconquistare il territorio occupato dai russi. Moore ha sottolineato la necessità per l’Ucraina di dimostrare che la guerra è vincibile, sia per preservare il morale alto dell’Ucraina, sia per irrigidire la determinazione dell’Occidente, mentre crescono le preoccupazioni per la scarsità di energia in Europa durante il prossimo inverno, riporta Reuters.

«È importante, credo, per gli stessi ucraini dimostrare la loro capacità di contrattaccare. E credo che questo sarà molto importante per il loro morale sempre alto (…) Penso anche che, ad essere onesti, sarà un importante promemoria per il resto dell’Europa che questa è una campagna che gli ucraini possono vincere. Perché stiamo per entrare in un inverno piuttosto duro e… Non voglio sembrare un personaggio di “Game of Thrones”. Ma l’inverno sta arrivando (…) E chiaramente in quell’atmosfera, con la pressione sulle forniture di gas e tutto il resto, ci aspettano tempi duri», ha detto Moore.

La prospettiva di un’interruzione delle forniture energetiche europee da parte della Russia è uno dei maggiori rischi economici e politici globali derivanti dalla guerra. I Paesi europei temono di dover affrontare una penuria il prossimo inverno, se la Russia taglierà le forniture durante i mesi caldi, quando di solito si riforniscono i serbatoi di stoccaggio.

Moore ha detto che il tributo della guerra in Ucraina del presidente russo Vladimir Putin si fa sentire soprattutto nelle comunità rurali più povere e che Putin non sta ancora reclutando forze per il conflitto dalle aree borghesi di San Pietroburgo o Mosca.

«Questi sono ragazzi poveri provenienti dalle zone rurali della Russia. Vengono dalle città operaie della Siberia. Appartengono in modo sproporzionato a minoranze etniche. E questi sono la sua carne da cannone», ha detto Moore.

Antonio Albanese