#UKRAINERUSSIAWAR. Notizie dal fronte di Popasna. Donbass

593

Il fronte ucraino continua a essere teatro di bombardamenti russi e ucraini. Di estremo interesse per l’evoluzione del conflitto è l’area di Popasna anche per la questione dello stabilimento Azovstal.

Come scritto in precedenza, Popasna si trova su una collina, quindi è di importanza strategica. Il controllo della città consente di sparare, colpire e visualizzare una vasta area in tutte le direzioni. Un altro punto importante è legato alla logistica, poiché dopo l’occupazione di questo insediamento, diventa possibile per le unità russe e Luhansk raggiungere un grande snodo di trasporto nella città di Bakhmut, che fornisce comunicazioni con Slavyansk e Kramatorsk. Allo stesso tempo, l’occupazione di Bakhmut non solo interromperà il rifornimento delle forze armate ucraine, ma aprirà anche la strada a un’ulteriore offensiva da parte della Russia e della LPR.

Si apprende da fonti social, vicina a gruppi mercenari, che la fanteria dei reparti d’assalto del Gruppo Wagner, opera a Popasna nella regione di Luhansk, fronte, dicono gli stessi mercenari, diventato uno dei punti più caldi del Donbass. Il Gruppo Wagner si sarebbe preso  l’edificio dell’amministrazione locale il 5 maggio.

Un post scritto dai mercenari recita: “Dopo otto anni e una dozzina di luoghi – quelli che non lo sono, sono tornati dove non sono… dove tutto ha avuto inizio: Popasna”.

Nell’agglomerato di Severodonetsk e Seversk il sei maggio secondo fonti social  continuano gli scontri nell’area di Voevodovka – gli ucraini sono in contropiede. Ieri c’erano informazioni sul sull’abbandono del villaggio di Yuzhnoye parte di Rubizhnoye da parte ucraina. Non si sa cosa sia successo al ponte attraverso Borovaya (tra Voevodovka e Severodonetsk)

Dal 5 maggio il governatore di Lugansk ha riferito di combattimenti a Belogorovka. Anche lo stato maggiore delle forze armate ucraine parla di un attacco a Seversk. I residenti locali riferiscono anche di sparatorie a Serebryanka . In questa zona si sta effettuando l’attraversamento del Donet.

Secondo gli analisti militari l’obiettivo dei russi è  l’accerchiamento dei combattimenti ucraini a Popasna. Le forze armate dell’Ucraina dovrebbero coprire Seversk e i suoi dintorni.

Il fronte dunque si sposta e corre lungo il fiume, eccezione di Severodonetsk. È collegato a Lisichansk da tre ponti nei villaggi di Sinetsky, Pavlograd e Sirotino.

Se gli ucraini possono ancora combattere per Lisichansk per qualche tempo, tenendo sotto controllo le forze russe, il proseguimento della difesa a Severodonetsk, riferiscono analisti militari sulla social sfera, porterà solo all’impossibilità della ritirata e al massacro nello stabilimento dell’Azvostal.

Se le forze armate ucraine a Severodonetsk sceglieranno lo scenario Mariupol o si riorganizzeranno per tenere Popasna è la questione principale dei prossimi giorni si legge ancora sulle fonti social.

Secondo altre fonti social al momento, durante l’arco di Kharkov-Donetsk, c’è una classica battaglia generale. Le forze armate ucraine stanno cercando di contrattaccare vicino a Kharkov in direzione del confine. 

Fonti social russe scrivono: “Stiamo avanzando nella regione di Yampol-Severdonetsk, stiamo combattendo per Popasna, nel settore di Izyum del lato, le battaglie stanno andando per l’uscita a l’autostrada Barvenkovo-Slavyansk. Rosichiamo lentamente le difese nemiche a sud di Izyum, le forze armate dell’Ucraina stanno ritirando le riserve, colpendo con artiglieria, MLRS e punti a grande profondità”.

La stessa Izyum, e anche il territorio a nord di essa, si trova nella zona di fuoco effettivo dei cannoni nemici e dell’artiglieria a razzo. In prima linea, si sentono scambi di colpi di artiglieria. Continuano ininterrottamente, battaglie attive con i fucili nelle foreste. La nostra difesa aerea, sempre secondo fonti russe, funziona 24 ore su 24.

Graziella Giangiulio