#UKRAINERUSSIAWAR. Notizie dai fronti combattimento

147

Mentre si alzano i toni a livello internazionale da parte NATO e della Russia per via degli attacchi ucraini con armi occidentali agli impianti petrolchimici di Crimea e per il divieto di transito delle merci via Lituania, la guerra al fronte continua

Direzione Severodonetsk

Il villaggio di Metiolkin è stato preso, le forze ucraine presso lo stabilimento di Azot si trova in un ambiente operativo complesso: i ponti sono stati distrutti, il trasporto attraverso il fiume con le barche non fornisce rifornimenti a tutti gli effetti, e fonti ucraine confermano pesanti perdite. Le Forze Armate della Federazione Russa, ovviamente, stanno cercando di bloccare completamente Azot, per poi procedere al rastrellamento dei resti del raggruppamento ucraino. Mercenari polacchi hanno subito gravi perdite a Nizhnyaya Kamyshevakh LPR, a dirlo il Comandante del reggimento della milizia popolare di Lugansk. Unità del 6° reggimento cosacco della Milizia popolare della Repubblica popolare di Lugansk, insieme alle forze del reggimento ceceno di Akhmat Kadyrov, stanno combattendo a Kamyshevakh contro la difesa territoriale ucraina e i mercenari polacchi. Non si tratta di singoli militanti polacchi, ma di un distaccamento ben organizzato. Cosacchi e combattenti ceceni operano in gruppi d’assalto misti, devono affrontare il compito di prendere gli insediamenti di Zolote-2 e Horlivka. Una fonte social, il 20giugno, afferma che unità ucraine si rifiutano di restare nell’anello di Severodonetsk, a causa delle pesanti perdite e della mancanza di rifornimenti. Lo Stato Maggiore è costretto a dislocare forze speciali e rappresentanti della PMC per tenere in piedi la situazione. Circa 6000 soldati ucraini sarebbero bloccati nel calderone Severodonesk e a Lysichansk

Direzione Soledar. Si registrano battaglie vicino a Belogorovka e Berestovoye. Ci sono anche battaglie vicino a Mykolaivka. L’autostrada Bakhmut-Lysichansk è effettivamente bloccata per gli ucraini. La fornitura principale va lungo l’autostrada Bakhmut-Seversk-Lysichansk, sebbene su di essa vengano effettuati anche attacchi.

Direzione Zolote.

Combattimenti nella zona di Vrubovka e nella periferia di Zolote. Si sta tentando di avanzare verso Novoannivka. A nord di Horlivka, le forze del Donbass e alleate sono riuscite a entrare a Chekhovka da Toshkivka, che si trova direttamente sull’autostrada Lysychansk-Horlivka. Il 20 giugno il villaggio di Toshkivka «è stato liberato dalle formazioni militari ucraine», ha affermato Vitaly Kiselev, viceministro degli interni della LPR. Con questa presa da parte dell’LPR Severodonetsk è di fatto nel calderone e circa 6000 militari ucraini vi sarebbero intrappolati.

Direzione Bakhmut

Combattimenti vicino a Novoluhans’ke e Semyhirjka. Le forze armate ucraine detengono il controllo della centrale termica di Uglegorsk e usa la strada attraverso Kodema per rifornimenti dopo che le nostre truppe hanno tagliato l’autostrada Bakhmut-Svetlodarsk a nord della centrale termica di Uglegorsk.

A est di Bakhmut, la linea del fronte corre a Pokrovs’ke e Klynove. Il comando dell’AFU ha rimosso il comando di una delle brigate a causa del tentativo di ritirarsi da Bakhmut.

Direzione Avdiivka

Non si registrano seri progressi verso Krasnohorivka e Orlivka. L’esercito ucraino cerca di contrattaccare per cercare di allontanare le truppe russe dalla rotta Kostjantynivka-Avdiivka, ma senza alcun successo. Nel frattempo, le forze armate ucraine stanno bombardando Donetsk e Yasynuvata. Le forze armate russe e l’esercito della DNR stanno intensificando il fuoco di controbatteria. I combattimenti sono proseguiti anche alla periferia di Niu- York

Direzione Vuhledar

I combattimenti si sono intensificati nella zona di Vuhledar. L’esercito ucraino ha cercato di respingere truppe russe a Pacvlivka, ma non ha avuto successo. Da fonti social russe e delle milizie loro alleate, i tentativi di avanzare vicino a Novomykhailivka non hanno avuto successo. I russi cercheranno di entrare a Marinka e Velyka Novosilka.

Direzione Zaporozhye

Sulla linea Kam’yans’ke-Orekhova-Hulyaipole,-Velyka Novosilka, non ci sono cambiamenti significativi, sebbene l’intensità del fuoco dell’artiglieria stia crescendo. L’offensiva delle forze armate russe su Zaporozhye, che l’Ucraina hapaventato, non è iniziata.

Direzione Mykolaiv

Battaglie di posizione nelle direzioni Mykolaiv e Distretto di Kryvyj. Le forze armate ucraine stanno cercando di riprendere le operazioni attive, ma a causa di pesanti perdite, ancorano riescono a organizzare una controffensiva. Le forze armate della Federazione Russa e la flotta del Mar Nero continuano a colpire Očakiv e Mykolaiv, distruggendo le infrastrutture militari.

Direzione Odessa

Unità dell’aviazione delle Forze armate ucraine, continuano a lavorare per riprendere l’Isola dei serpenti. La possibilità di colpire l’isola a quanto pare, è di nuovo fornita dall’UAV Bayraktar TB2. L’aviazione ucraina manovra e cambia costantemente aeroporti di decollo e atterraggio nelle regioni di Odessa, Mykolaiv e Dnepropetrovsk, cercando di evitare un attacchi di rappresaglia. Non c’è fumo o fuoco sull’isola stessa, ma una torre sta bruciando a est dell’isola dei Serpenti. Colpita Chornomorneftegaz, gli impianti di perforazione russi e i conduttori di blocchi nel campo di Odessa sono stati colpiti. In Ucraina, il campo è considerato la sua zona economica esclusiva. Questo è il secondo attacco contro obiettivi civili “russi” nel Mar Nero in una settimana. In risposta il 20 giugno un missile Onyx ha colpito l’aeroporto di Artsyz nella regione di Odessa, ha distrutto la stazione di controllo UAV di Bayraktar e due veicoli a darne notizia il ministero della Difesa russa

Direzione Slavjansk

Battaglie a Tetyanivka, Pryshyb e Bohorodychne. Inoltre, i combattimenti continuano nell’area Dolyna e Khrestyshche. L’artiglieria delle forze armate della Federazione Russa sta già martellando le posizioni delle forze armate ucraine nell’insediamento di Mayaky

Direzione Izyum

Combattimenti nei pressi di Kurul’ka e Velyka Kamyshevakha. Le forze dell’esercito ucraino stanno cercando di sondare le difese delle forze armate russe in direzione di Balaklija. Il quartier generale della Task Force Alexandria è stato distrutto da missili da crociera – le forze ucraine hanno subito pesanti perdite nello staff di comando.

Direzione Kharkiv

I tentativi ucraini di riconquistare le posizioni perse nei pressi di Ternovoye e Rubizhne sono falliti. Continuano i combattimenti per Verkhny Saltov e Bolshiye Prokhody. L’esercito ucraino si aspetta che le forze del Donbass e alleati passino presto all’offensiva e preparano l’opinione pubblica alla necessità di ritirarsi alla periferia di Kharkiv. Nella giornata del 20 giugno si segnalano attacchi alle infrastrutture di difesa proprio a Kharkiv.

Anna Lotti