#UKRAINERUSSIAWAR. Non tornano i conti dei morti al fronte. In corso l’operazione della PMC WAGNER a Bachmut

833

La social sfera che si occupa regolarmente della questione Ucraina-Russia ha dato ampio risalto al video tagliato del presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen. Nel primo video apparso, il numero uno dell’Europa parla di 20.000 civili uccisi e oltre 100.000 militari ucraini morti. Quando il video passa nella modalità twitter viene censurato. E si parla di 15.000 – 20.000 morti.

L’amministrazione Zelensky dirà che il dato è sensibile e solo il premier Volodymyr Oleksandrovyč, potrà dare questi dati, nel frattempo fa il giro del mondo la notizia secondo cui parola del premier ucraino: Mosca quest’anno perderà 100.000 soldati.

Secondo gli analisti militari della social sfera i militari ucraini e mercenari morti durante i primi 9 mesi di conflitto sono oltre 150.000 e solo nell’area di Bachmut sarebbero morti 500 militari in tre giorni.

Altra notizia di primo piano è quella inerente alle dichiarazioni del ministro per la Difesa russa, Sergej Shoigu sul piano per la difesa 2022-2023. Il Ministro ha riferito che il 99% degli obiettivi verrà raggiunto nel 2022. Per il 2023 l’impegno di spesa viene aumentato di 1,5 volte rispetto all’anno precedente questo consentirebbe di fornire alle truppe il 97% delle attrezzature militari. Vale la pena notare che anche prima della guerra c’era una linea di fondo del 70% di nuovi equipaggiamenti militari nelle truppe. Grande enfasi è posta sullo sviluppo dei sistemi di artiglieria e sui loro metodi di applicazione. E anche sulle forze di deterrenza nucleare. E ancora il Ministro ha riferito che il sistema di approvvigionamento di armi continuerà ad essere ottimizzato. Nell’ambito del programma di addestramento alla mobilitazione, sono stati formati 8.000 equipaggi di veicoli corazzati/artiglieria/UAV e EOD. I mobilitati dunque sono pronti per andare al fronte.

Shoighu fa sapere che l’operazione speciale sta testando nuove modalità di combattimento con truppe missilistiche e artiglieria e che le forze russe stanno utilizzando sistemi di tiro di ricognizione, compresi i droni, nelle operazioni militari. L’uso di Tornado-S MLRS e Malka SAU durante un’operazione speciale permette di sconfiggere efficacemente i sistemi reattivi e di artiglieria stranieri. La costruzione di infrastrutture per il dispiegamento di nuovi sistemi missilistici è stata assicurata in cinque formazioni delle Forze missilistiche strategiche. E infine, nel 2023 si presterà particolare attenzione alla costruzione a favore delle forze nucleari strategiche.

Dall’Ucraina fanno sapere che «è impossibile riparare completamente il sistema energetico ucraino quest’inverno», ha dichiarato Andrei Gerus, presidente del Comitato VR per l’energia, le abitazioni e i servizi comunali. «Le riparazioni richiedono attrezzature che richiedono almeno 6 mesi per essere prodotte». Ha inoltre aggiunto che non tutte le apparecchiature europee sono adatte ai sistemi elettrici ucraini.

Dal fronte Denis Pushillin fa sapere che la situazione a Bakhmut è vicina all’accerchiamento della città. «L’offensiva in questa direzione sta andando bene, ha osservato il responsabile ad interim del DNR». Ha anche detto che nella direzione di Vuhledar (Yuzhno Donetsk), i combattimenti si stanno già svolgendo direttamente nel centro della città di Mariinka, di importanza strategica.

«I comuni di Bilohorivka e Pershe Travnya (Ozarianivka) sono ora controllati dalle Forze armate russe», secondo il ministero della Difesa russo. Bilohorivka si trova nelle vicinanze della strada Lysychansk-Artemovsk (Bachmut), di importanza strategica. Pershe Travnya, Ozaryanivka è a sud di Artemivsk (Bakhmut).

Sempre Pushilin ha dichiarato che l’operazione di smantellamento di Kurdyumivka è ancora in corso. Oltre a Kurdyumivka, nella sfera del controllo russo ci sarebbero Zelenopillya, il canale Seversky Donets (che è essenzialmente una barriera naturale) e le cave a est di Kurdyumovka, su cui la difesa ucraina si basava in precedenza. La linea difensiva principale delle fore ucraine viene ora costruita a sud-est di Časiv Jar.

Le truppe russe hanno preso completamente il villaggio di Andreevka (DNR) a seguito di un’offensiva, afferma il ministero della Difesa russo. Continuano anche le offensive per liberare Vodyanyi.

Per quanto concerne l’operazione della PMC Wagner, Tritacarne Bachmut si sta sviluppando. Secondo “Go and See”, le forze ucraine si aspettano che l’offensiva attiva dei combattenti della PMC Vagner nei pressi di Bakhmut (Artemivsk) continui. Il comando ucraino sta cercando di riassegnare urgentemente le riserve. «Le forze ucraine stanno subendo pesanti perdite. A causa delle condizioni meteorologiche e dei problemi di comunicazione, il dispiegamento delle riserve è seriamente ostacolato», ha dichiarato una fonte al canale.

Al momento, i combattenti Wagner hanno occupato Kurdyumivka, mentre Spornoye è ancora in mano agli ucraini. Il compito principale delle unità russe è ora quello di bloccare Bakhmut (Artemivsk).

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/