#UKRAINERUSSIAWAR. Niente di nuovo sui fronti di guerra

101

All’annuncio del governo ucraino, il 18 luglio, di un possibile attacco in Crimea, Putin ha chiesto un consiglio di emergenza e ha detto a Sergej Shoigu, il suo ministro per la Difesa che da ora in poi bisogna colpire i magazzini delle armi straniere a lungo raggio stoccate in Ucraina con armi di precisione.

Il contrammiraglio Boris Rozhin, primo comandante delle forze navali dell’Ucraina, in una intervista ha dichiarato che la Russia punta a vincere, «è abbastanza ovvio che la Federazione Russa sta operando da tempo sotto il concetto di un conflitto prolungato nel quadro della “sirizzazione” della guerra in Ucraina. La posizione ufficiale sul raggiungimento di tutti gli obiettivi della SSR non è cambiata da febbraio».

«Come in precedenza», continua nell’intervista «non vengono indicati tempi specifici – la necessità di un lavoro a lungo termine per raggiungere gli obiettivi dichiarati è già stata abbastanza accettata, e una serie di processi per aumentare il raggruppamento delle truppe in Ucraina e i cambiamenti nel complesso industriale militare indicano anche i preparativi per un confronto a lungo termine con gli Stati Uniti e la NATO in Ucraina», prosegue Rozhin.

E chiosa affermando: «Naturalmente, la Russia cercherà solo una vittoria che non solo garantisca la sua sovranità, ma assicuri anche una posizione favorevole nella formazione del nuovo ordine mondiale. In questo caso, la vittoria annullerebbe tutti i costi. L’assenza di un risultato positivo in Ucraina avrebbe, a sua volta, gravi conseguenze politiche interne per il Paese. È su questo che gli Stati Uniti puntano, prolungando la guerra in Ucraina in ogni modo possibile e aumentando il grado di escalation».

Ed ora uno sguardo ai fronti, dati aggiornati alle 01:05 del 19 luglio.

La direttrice di Kharkiv rimane invariata. Si stanno svolgendo combattimenti di posizione nei pressi di Bolshaya Komyshuvakha e Kurulka. Gli ucraini stanno cercando di costruire ponti attraverso il Seversky Donetsk, ma l’artiglieria russa annulla ogni tentativo di trincerarsi sulla riva opposta.

Sulla direttrice di Slovyansk sono in corso pesanti battaglie nei pressi di Serebryanka, Vuhlehirsʹka Tes e Ivano – Darivka. Le notizie sull’occupazione da parte delle forze DPR e russe di Sivers’k non sono ancora state confermate. Secondo notizie non confermate, le forze di difesa aerea russe avrebbero abbattuto per errore un loro aereo vicino ad Alchevsk. L’equipaggio è stato evacuato e non è in pericolo di vita. Continuano i combattimenti nei pressi di Yakovlivka, Bilohorivka e Berestove.

Nella zona di Donetsk le truppe russe hanno bloccato completamente la strada da Adviika a Kostyantynivka in due punti. Adviika è stata chiusa a semicerchio, ma è troppo presto per parlare di conquista completa da parte dei russi e alleati. A Kostyantynivka, secondo fonti russe, sono stati uccisi 250 uomini dell’AFU, distrutti 7 veicoli blindati e 12 veicoli. Non lontano dal villaggio di Novy Donbas, due elicotteri Mi-8 ucraini che si trovavano lì sono stati distrutti e altri due hanno subito danni significativi. Kodoma e Semigorje sono ancora sotto il controllo del nemico. Continua la guerra di controbatteria contro l’artiglieria delle forze ucraine che “colpisce” Donetsk, Makeyevka, Horlivka e Yasynuvata.

Nella direttrice meridionale, sono in corso operazioni per distruggere le infrastrutture militari a Stepova Dolyna, Posad-Pokrovske, Bereznovatoe, Velyky Artakovo, Bila Krynitsa e Mykolaiv. Gli ucraini cercano di contrattaccare nei pressi di Potemkino e Ivanovka, ma non ottengono risultati significativi.

Le Forze armate ucraine hanno lanciato un attacco missilistico nell’area della centrale idroelettrica di Novaya Kakhovka – senza vittime né danni. Anche gli agglomerati di Donetsk e Luhansk sono finiti sotto il fuoco. Anche gli arrivi nella regione di Kherson non sono stati privi di incidenti.

I russi hanno hanno colpito il centro decisionale di Poltava. Ci sono stati anche attacchi missilistici contro obiettivi militari nelle regioni di Kharkiv, Odessa, Mykolaiv e Zaporizhzhya.

Anna Lotti

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here