#UKRAINERUSSIAWAR. Nel Giorno della Vittoria, il fronte ucraino non ha smesso di sanguinare

130

Il sei maggio nel briefing mattutino il portavoce del ministero della Difesa della Federazione Russa, Igor Konashenkov ha affermato che durante la notte, missili lanciati hanno colpito un grande deposito di munizioni delle forze ucraine (AFU) nello stabilimento di Energomashspets situato nei pressi di Kramatorsk. Sono state colpite 10 strutture, e attrezzature militari delle forze armate ucraine. L’8 maggio un carico militare destinato all’esercito ucraino è stato colpito da missili ad alta precisione quando è arrivato alla stazione ferroviaria vicino a Soledar. Kiev ha perso una corvetta, un centro di comunicazione presso l’aeroporto di Chervonoglinskoye e un posto di comando di una delle brigate meccanizzate delle forze armate ucraine nell’area di Pyatikhatka nella regione di Kharkiv.

A seguito delle notizie apprese nel briefing russo del 6-7-8 maggio interpolate con quelle provenienti dalla social sfera abbiamo al fronte la seguente situazione:

DPR: La milizia popolare della DPR ha riferito che il 5 maggio formazioni armate ucraine hanno sparato 210 proiettili attraverso il territorio della repubblica, bombardando i territori di 9 insediamenti. Quattro civili sono rimasti vittime dell’aggressione ucraina, altri sette, tra cui un bambino, sono rimasti feriti. Il 6 maggio sono proseguiti gli attacchi al territorio della DPR. L’ufficio di rappresentanza della repubblica nel Centro congiunto per il controllo e il coordinamento del regime di cessate il fuoco (JCCC) ha riferito che il fuoco è stato aperto in direzione di Donetsk, così come gli insediamenti di Yasinovataya, Staromikhaylovka, Gorlovka, Lozovoe, Zaitsevo (meridionale), Ozeryanovka, Lyubovka. A Gorlova gli attacchi sono continuati fino alla mattina del 9 maggio.

A seguito del bombardamento di Yasinovataya, un civile é stato ucciso e almeno due sono rimasti feriti a Donetsk. Gravi danni sono stati causa agli edifici residenziali. Sempre secondo le stesse fonti le truppe della DPR, a loro volta, hanno ucciso 59 “nazionalisti ucraini”, distrutto un veicolo da combattimento di fanteria, uno ZU-23, 2 veicoli blindati e un camion.

Continuano gli scontri nell’area di Avdelovka, a Novoselovka e alla periferia di Rozovka. Si segnalano scontri anche nella zona di Torskoy e Shandrigolovo.

Le unità russe continuano a bombardare le posizioni ucraine nello stabilimento di Mariupol Azovstal. Allo stesso tempo, le Forze Armate di RF sono riuscite a occupare le aree di stoccaggio dei rifiuti nella periferia meridionale dell’impianto. Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato che circa 500 persone sono state evacuate da Azovstal e dalle aree vicine. La sede della difesa territoriale del DPR ha precisato che in giornata sono state portate fuori stabilimento 518 persone, di cui 67 bambini.

Continua l’offensiva delle Forze armate della Federazione Russa e delle forze alleate in direzione Liman. I progressi in quest’area sono ostacolati dagli incendi boschivi tra Liman e Yampol, nonché sotto il villaggio di Yarovaya da Svyatogorsk. Vicino al confine con la LPR, a Serebryanka sono state registrate sparatorie.

LPR: la milizia popolare dell’LPR nel rapporto mattutino ha riferito che il giorno 5 maggio la parte ucraina aveva sparato 8 proiettili sul territorio della repubblica. Gli insediamenti di Golubovskoye e Pervomaisk sono stati oggetto di bombardamenti. Durante la giornata del 6 maggio, le formazioni armatore ucraine hanno aperto il fuoco in direzione di Zolote-5. A seguito degli attacchi, un civile è stato ucciso e altri due civili sono rimasti feriti. I danni sono stati causa agli edifici residenziali alla periferia di Severodonetsk a partire dall’8 maggio a Lisichansk e Severodonetsk è iniziata la controffensiva RF e milizie del Donbass, località che gli ucraini vogliono mantenere a tutti i costi, prima di tutto perché qui vi è la sede dell’amministrazione militare-civile e se questa cade tutta la LPR sarà liberata, in secondo luogo se tale avanzata dovesse riuscire per le truppe russe si aprirà la strada verso Bakhmut, la possibilità di liberare Uglegorsk e l’accesso al taglio della sporgenza nella regione di Svetlodarsk. Le autorità locali hanno affermato che le truppe russe e l’esercito russo LPR avanzando da diverse direzioni, i quartieri sono stati registrati nei orientali della città e nelle foreste di Voevodovka. È stato riferito del trasferimento del controllo su questo villaggio alle truppe russe e alle forze dell’LDNR. Debaltseve è stata bombardata l’8 maggio dalle forze ucraine. Sempre l’8 maggio si sono intensificati i bombardamenti da parte ucraina in direzione Donetsk, Golmovsky, Staromikhailovka, Yasinovataya, Shiroka Balka, Lugansk e Gorlovka, che, insieme a Zheleznaya Balka. Gli ucraini resistono a Zolote, Gorskoye (da dove gli ucraini stanno cercando di fermare l’avanzata russa verso Severodonetsk) e Vrubovka. Secondo alcune fonti social tra il 2016 e il 2017 le forze ucraine hanno dato vita a una rete di fortificazioni in questa zona è stata estesa per 17 km in profondità lungo una curva, da Vrubovka a Zolote. Queste fortificazioni diventano una sorta di “maniche” di un grande nodo a Gorskoye – e il loro sgombero consentirà di procedere direttamente alla liberazione della periferia meridionale di Lisichansk.

Secondo altre fonti social ci sarebbero scontri a fuoco a Privolye e nella parte occidentale di Lisichansk, nonché sugli scontri a Nizhny e Orekhovo. Dal 7 di maggio alcuni video on line testimonierebbero che la città di Rubizhne nella regione di Lugansk è passata completamente sotto il controllo della Milizia Popolare della LPR. Così come Svetlichnoe che è passata in mano alle RF e alleati l’8 maggio. Ci sono informazioni su intensi contenuti nell’area di Kremennaya. La notte del 6 maggio le forze armate ucraine 24esima brigata e i distaccamenti nazionalisti hanno lasciato le loro posizioni a Popasna e si sono ritirati in direzione di Bakhmut. In città al momento della ritirata erano presenti i volontari ceceni e gli uomini della Wagner che avrebbero compiuto un assalto da sud della città facilitando la presa e sollecitando la ritirata ucraina. Durante il ritiro, gli ucraini, hanno fatto saltare in aria il ponte della ferrovia nel villaggio di Kalinovo-Popasna. Le autorità locali affermano che la posizione delle formazioni ucraine nella città si sta deteriorando mentre le forze che avanzano la circondano.

Kharkiv: nella direzione di Kharkiv, le battaglie si sono registrate nell’area di Grushevakha, Pashkovo e Dolgenkiy. Le forze armate ucraine sono rimaste e cercano di forzare il fiume Seversky Donets. Nell’area di Protopopovka e Zavgorodny sono riusciti a costruire due pontili e ad organizzare la loro copertura. Secondo un account telegram, diversi gruppi di sabotaggio e ricognizione hanno attraversato il fiume e stanno cercando di rimanere sulla sponda opposta.

Odessa: il sei maggio si registra un attacco missilistico su un oggetto nella regione di Odessa. Inoltre, le testimonianze oculari hanno riferito di un’esplosione nell’area di Nikolaev. I media della regione di Zaporozhye hanno annunciato l’intensificazione dell’offensiva delle forze armate di RF nell’area degli insediamenti di Gulyaipol e Orekhovo. Notizia da verificare da parte di un canale social è quella di perdite nelle fila delle forze armate ucraine in termini di persone e attrezzature.

La Guardia Russa sta completando i lavori di sminamento della costa del Mar Nero nella regione di Kherson. È stato riferito che i combattenti russi hanno completamente perquisito l’area, ma ci sarebbero ancora sacche di resistenza.

Il capo della DPR Denis Pushilin e il segretario del Consiglio generale del partito Russia Unita Andrey Turchak hanno fatto visita a Kherson, dove hanno incontrato il leader dell’amministrazione militare-civile Vladimir Saldo. Turchak ha osservato che la Federazione Russa intende sviluppare questa regione insieme alla popolazione della regione di Kherson.«Non ci sarà alcun ritorno al passato», ha detto Turchak.

Il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk ha annunciato che un nuovo ciclo di scambi di prigionieri ha avuto luogo, il sei maggio nel formato 41-41.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here