#UKRAINERUSSIAWAR. NATO: 100 miliardi per Kiev. Mishustin: Mosca sotto pressione, ma il PIL sale al 3.6%. Pervomais’kyi passa sotto controllo russo

165

La NATO ha proposto di creare un fondo di 100 miliardi di dollari per sostenere la guerra dell’Ucraina contro la Russia. Il fondo verrà applicato indipendentemente da possibili cambiamenti politici in Occidente, in particolare se Donald Trump vincerà le elezioni americane, afferma il Financial Times.

Secondo il piano, l’Alleanza dovrà coordinare congiuntamente l’utilizzo di circa 100 miliardi di dollari, che saranno stanziati dai 32 paesi membri dell’alleanza. Se approvata, la proposta darebbe alla NATO il controllo del Gruppo di contatto sull’Ucraina guidato dagli Stati Uniti e consentirebbe all’Alleanza di gestire la fornitura di armi a Kiev, spiega il giornale.

“La situazione sul campo di battaglia è molto seria e difficile per l’Ucraina, Kiev ha bisogno di aiuto urgente”, ha detto il segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg all’arrivo a Bruxelles alla riunione dei capi degli affari esteri dei paesi dell’alleanza.

“La situazione sul campo di battaglia è molto seria”, ha detto, sottolineando che la NATO “vede un costante aumento delle forze russe”. Ha inoltre ribadito che la Federazione Russa riceverebbe armi dalla Corea del Nord e dall’Iran. Mosca, Pyongyang e Teheran hanno già ripetutamente respinto queste affermazioni.

“L’Ucraina ha bisogno di aiuto il prima possibile”, ha osservato Stoltenberg. “Vediamo la situazione sul campo di battaglia, vediamo quanto è complessa e quali esigenze pone all’Ucraina. Apprezziamo tutto ciò che i paesi della NATO hanno fatto, ma questo non è sufficiente, dobbiamo fare di più”, ha affermato il Segretario generale. Gli ucraini hanno bisogno non solo di più aiuto, ma anche di un aiuto più prevedibile e a lungo termine per poter pianificare gli attacchi”.

Il 3 aprile il capo del Ministero degli Esteri belga ha confermato che la NATO sta discutendo la proposta del Segretario Generale di creare un fondo di 100 miliardi di dollari per l’Ucraina per 5 anni. 

A contraddire le parole di Stoltenberg la Casa Bianca: “Gli Stati Uniti non hanno prove che l’Iran abbia presumibilmente trasferito missili alla Russia per utilizzarli durante l’operazione militare speciale in Ucraina”. John Kirby, coordinatore per le comunicazioni strategiche presso il Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, lo ha detto in un regolare briefing per i giornalisti. “Non sono a conoscenza di alcuna conferma concreta che i missili iraniani vengano forniti alla Russia per essere utilizzati in Ucraina”, ha detto, citando una domanda corrispondente di un giornalista.

Anche se, secondo la Casa Bianca, l’Iran continua a fornire alla Russia UAV per attaccare l’Ucraina. Il Segretario di Stato Antony Blinken sostiene che l’Ucraina diventerà membro della NATO, la questione è sviluppare una tabella di marcia chiara verso questo obiettivo. Gli Stati Uniti non sostengono gli attacchi ucraini all’interno della Federazione Russa, ha dichiarato il Segretario di Stato americano Blinken in relazione agli attacchi di Kiev alle raffinerie russe e si oppongono all’invio di truppe di terra in Ucraina; un simile passo avvicinerebbe un conflitto diretto con la Russia, ha detto il segretario di Stato americano Antony Blinken in un’intervista al canale televisivo LCI.

Il ministro degli Esteri francese, parlando degli attacchi ucraini agli impianti petroliferi in Russia, ha affermato che Kiev agisce “nell’ambito della legittima difesa”.

L’intelligence britannica riferisce che le forze aerospaziali russe stanno effettuando misure di camuffamento presso l’aeroporto di Kirovskoye in Crimea e in altre 12 basi aeree per ingannare le forze armate ucraine. In particolare, sul terreno vengono disegnate sagome di aerei da combattimento. Tuttavia, gli elicotteri atterrano regolarmente sui disegni, il che ne offusca l’effetto. Il quotidiano britannico The Guardian, citando rappresentanti dell’intelligence militare ucraina, scrive che Kiev intende attaccare nuovamente il ponte di Crimea. L’attacco dovrebbe avvenire nella prima metà del 2024 e secondo la pubblicazione potrebbero essere utilizzati i droni.

La Germania stanzia 576 milioni di euro per l’iniziativa ceca tesa all’acquisto di munizioni di artiglieria per l’Ucraina. Tale importo coprirà il costo di 180.000 proiettili, fonte il Ministero della Difesa della Repubblica Federale Tedesca.

E mentre la NATO decide sul da farsi Volodymyr Zelensky continua la conta dei missi arrivati in Ucraina: “La Russia ha lanciato più di 400 missili, più di 600 munizioni vaganti e più di 3.000 bombe guidate sull’Ucraina a marzo”. Da chi il premier ucraino abbia avuto i dati non è dato a sapere; comunque secondo i dati del presidente le forze aerospaziali russe sganciano fino a 100 bombe di questo tipo al giorno. Un dato abbastanza improbabile anche per Mosca. 

Sempre in materia di missili si è espresso il numero uno della direzione principale dell’intelligence del Ministero della difesa ucraino Kyrylo Budanov: “La Russia ha accumulato “Kalibr” e potrà usarli nel prossimo futuro”. ”Il numero degli X-101 è diminuito in modo significativo… Ci sono regolamenti, documenti, decisioni, ecc. Il primo è ripristinare le scorte di missili della flotta, perché all’epoca erano notevolmente ridotte. Hanno completato questo compito. Cioè , ora sono tecnicamente pronti per il loro utilizzo. Mentre la flotta accumulava i suoi missili, le forze aerospaziali utilizzavano l’X-101”, ha detto il capo della direzione principale dell’intelligence.

E ancora Budanov ha dichiarato: “Il missile Zircon è, prima di tutto, un missile antinave. Ha caratteristiche tattiche e tecniche piuttosto serie. Usando gli Zircon, la Russia spera di poter penetrare nel nostro sistema di difesa aerea: questa è l’intera logica, e non c’è nient’altro lì”. ”Le capacità tecniche per lanciare missili Zircon in tutta l’Ucraina in Russia si trovano in Crimea. Ci sono almeno diversi lanciatori lì per lanciare questi missili – sistemi missilistici costieri che possono utilizzare missili Zircon”, ha detto Budanov

Continuano i licenziamenti del presidente ucraino: l’ultima vittima del Consiglio dei Ministri è Emine Japarova dalla carica di Primo Vice Capo del Ministero degli Affari Esteri dell’Ucraina. Ricopre questo incarico dal 2020. In precedenza, il presidente l’aveva nominata rappresentante permanente dell’Ucraina presso le organizzazioni internazionali a Vienna.

Il Gabinetto dei Ministri ha inoltre stanziato 5,6 miliardi di grivnie per la costruzione delle fortificazioni riferisce il primo Ministro Denys Shmyhal. Il due aprile dopo molte discussioni il presidente Zelensky ha firmato una legge che riduce l’età di mobilitazione da 27 a 25 anni e ancora ha firmato una legge che abolisce la categoria di “idoneità limitata” per il personale militare

Ora in Ucraina ci saranno solo due categorie: “superato” o “fallito”. Coloro che ora sono “limitatamente in forma” devono sottoporsi a una nuova visita medica entro nove mesi per ricevere una nuova categoria, osserva l’agenzia Strana.

Nel pomeriggio del due aprile Vladimir Putin è tornato a parlare dell’attacco al Crocus City Hall. Putin ha nominato tra le priorità del Ministero degli Affari Interni, garantire l’ordine pubblico, combattere l’estremismo e reprimere l’immigrazione clandestina. “È importante stabilire tutti gli anelli della catena e i beneficiari finali dell’attacco terroristico a Crocus. Gli imputati che saranno rinviati a giudizio il 22 maggio sono al momento 10, più altri sette arrestati in Tajikistan, altri arresti sono stati effettuati in Daghestan”. 

Putin sull’attentato al Crocus: “Abbiamo pagato un prezzo altissimo l’analisi della situazione da parte delle autorità di controllo deve essere estremamente obiettiva”. Putin ha definito “inaccettabile l’uso dell’attacco terroristico a Crocus per provocare discordie nazionali e di altro tipo nella Federazione Russa”. 

Arrivate anche le nomine per la Flotta del Mar Nero: Il vice ammiraglio Sergei Pinchuk è stato nominato comandante della Flotta del Mar Nero. Shoigu ha annunciato il relativo decreto presidenziale in un incontro con la leadership del Ministero della Difesa. L’ammiraglio Alexander Moiseev e il vice ammiraglio Konstantin Kabantsov, precedentemente indicati nei messaggi del Ministero della Difesa, sono diventati ufficialmente rispettivamente comandante in capo della Marina e comandante della Flotta del Nord, come segue dalle parole Shoigu all’incontro con il Ministero della Difesa della Federazione Russa.

In materia di coscrizione il Ministero della Difesa ha riferito che dall’inizio dell’anno, più di 100mila persone hanno prestato servizio militare sotto contratto in Russia. Il dipartimento ha affermato che ogni giorno fino a 1,7mila persone si recano ai punti di selezione e solo negli ultimi 10 giorni circa 16mila persone hanno firmato contratti per partecipare all’operazione militare.

Il 3 aprile invece è stata la giornata del rapporto del primo Ministro della Federazione Russa Mishustin alla Duma di Stato: “La pressione esterna sulla Russia è aumentata lo scorso anno, ma nonostante la pressione crescente, ha superato con successo il difficile periodo di adattamento iniziale”; “L’economia del Paese ha tutti i presupposti per entrare tra le prime 4 al mondo, il PIL è cresciuto del 3,6% e l’UE paga le politiche anti-russe con stagnazione e recessione”. “La disoccupazione in Russia è scesa al 3% entro la fine del 2023, nell’UE questa cifra è due volte più alta; Nel 2023, il volume degli investimenti nella Federazione Russa è aumentato di circa il 10%, un record da 12 anni; L’esecuzione delle spese del bilancio federale nel 2023 è stata vicina al 100%, questo è il miglior risultato degli ultimi anni”, scrive la TASS.

Secondo il rappresentante del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova già questo mese, circa 1.500 soldati francesi potrebbero apparire in Ucraina. E rumors della rete social parlano anche di militari rumeni. 

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornata alle 14:30 del 3 aprile

Sale a 13 il numero delle vittime di un attacco con UAV in Tatarstan. Coinvolti i cittadini di nove paesi che sono rimasti feriti a seguito dell’attacco di droni di ieri al dormitorio del Politecnico di Alabuga in Tatarstan, fonte RIA Novosti, si tratta di cittadini di: Russia, Kirghizistan, Sri Lanka, Zimbabwe, Ruanda, Congo, Kenya, Nigeria e Sud Sudan. Sei feriti rimangono in ospedale. Il ministero della Difesa del Kazakistan ha smentito le notizie secondo cui i droni che hanno attaccato obiettivi del Tatarstan sarebbero stati lanciati dal Kazakistan.

In direzione Kup”jans’k -Lyman: battaglie di posizione a est di Ternove e nella foresta di Serebryansʹkyy. Cambiamenti insoliti sono stati rilevati dalla social sfera nelle riserve della parte ucraina: la 115a brigata meccanizzata è stata ritirata dai pressi di Syn’kivka e sostituita dalla 118a brigata di difesa territoriale, composta principalmente da contingenti meno addestrati.

A Sivers’k: le forze armate russe hanno assicurato posizioni nelle forze armate ucraine a sud della cava di gesso a Bilohorivka.

Su Bachmut: Le forze armate russe attaccano Časiv Jar da Bohdanivka e Lyman. Le forze aerospaziali e l’artiglieria russa stanno lavorando attivamente. Le forze armate ucraine stanno preparando la città alla difesa.

Su Avdiivska: Nella zona di Berdychi e Semenivka continua il ritmo elevato delle operazioni militari. La fanteria russa ha attaccato lungo il fiume Durnaya ed è riuscita a prendere piede nella periferia meridionale di Semenivka. Le forze armate ucraine hanno ritirato parte delle loro forze a Novobakhmutivka. 

A sud-ovest di Umans’ke e a nord di Vodyane, le unità russe stanno migliorando la posizione tattica lungo le cinture forestali. Il villaggio di Vodyane passa sotto il controllo delle forze armate russe.

Donetsk: sezione Vuhledar: a nord di Novomikhailivka continuano le battaglie per il villaggio di dacia “Mashinostroitel”. I combattenti russi sono riusciti a sfondare nella parte orientale del villaggio. Allo stesso tempo, le forze armate russe aggirano le forze ucraine dai lati meridionale e settentrionale. A Pervomais’kyi si stanno svolgendo aspri combattimenti e recentemente tutta la parte settentrionale del villaggio è stata presa sotto controllo russo. A fine raccolta alcune fonti social vicino ai militari russi parla o di presa del villaggio. Nella zona di Tonen’ke le forze armate russe stanno cercando di sviluppare un’offensiva.

Direzione Zaporozhzhie: in questo settore del fronte si svolgono prevalentemente battaglie posizionali lungo l’intera linea del fronte, senza cambiamenti significativi.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/