#UkraineRussiaWar. NASA teme per il rientro del suo astronauta

120

La Guerra spaziale comincia a essere al centro dell’attenzione mondiale, adesso sotto i riflettori la stazione spaziale ISS. Anche perché il 30 marzo è previsto il rientro degli astronauti in orbita di cui uno della NASA, Mark Vande Hay e due di Roscosmos Anton Shkaplerov e Petr Dubrov. Il numero uno dell’Agenzia spaziale russa, Roscosmos, Dmitry Olegovich Rogozin, ha scritto una lunga spiegazione sui problemi che stanno affrontando a causa delle sanzioni internazionali e del rischio che il mondo corre se non si interviene in tempo.

La Stazione Spaziale Internazionale è composta dai segmenti russo e americano, che sono interconnessi tra loro. Il segmento russo, controllato dal Centro di controllo della missione TsNIIMash vicino a Mosca (parte della Roscosmos State Corporation, è soggetto alle sanzioni statunitensi dal 2021 e all’UE dal 2022), mantiene l’altitudine dell’orbita della stazione e duplica la vita sistemi di supporto del segmento americano.

Secondo fonti russe, la navicella spaziale russa Soyuz MS dal 2010 al 2019 è stata l’unico mezzo per trasportare equipaggi internazionali sulla ISS. Le navi da carico Progress MS consegnano vari carichi, cibo e carburante alla ISS. Entrambi i tipi di navi russe vengono lanciati in orbita da un veicolo di lancio Soyuz-2.1.a di classe di carico utile medio (prodotto dal Progress Rocket and Space Center (Samara). Dal 2021 è soggetto alle sanzioni statunitensi, dal 2022 – sotto Sanzioni UE e Canada). Attualmente, la navicella spaziale con equipaggio Soyuz e la navicella cargo Progress sono veicoli di riserva per la consegna di equipaggi stranieri e merci sulla ISS e il loro ritorno sulla Terra. Il 30 marzo 2022, l’astronauta della NASA Mark Vande Hay dovrebbe atterrare sulla navicella spaziale Soyuz MS-19 insieme ai cosmonauti di Roscosmos Anton Shkaplerov e Petr Dubrov.

Il segmento russo, secondo Roscosmos, assicura che l’orbita della stazione sia corretta (in media 11 volte l’anno), anche per evitare i “detriti spaziali”. Dal 1998 ad oggi sono state effettuate 317 correzioni dell’orbita della ISS, 168 delle quali utilizzando i motori delle navicelle cargo Progress e 39 utilizzando il modulo di servizio Zvezda. Dopo la cessazione dei voli delle navette americane e delle navi mercantili ATV europee, i motori russi divennero l’unico mezzo regolare per mantenere l’altitudine dell’orbita della stazione. I motori russi assicurano inoltre il mantenimento dell’orientamento della ISS nello spazio e lo scarico dei girodini del segmento americano (40 volte l’anno). L’erogazione del carburante per il rifornimento dei serbatoi della stazione viene effettuata solo dalle navi Progress (fino a 1.100 kg ciascuna). Inoltre, nei serbatoi del modulo Zvezda vengono stoccati fino a 800 kg di carburante.

Il segmento russo fornisce la duplicazione dei sistemi di supporto vitale del segmento americano. Tra questi ci sono i sistemi per ottenere ossigeno (Electron-VM), rimuovere l’anidride carbonica (Air), pulire l’atmosfera della ISS dalle impurità nocive (BMP) e reintegrare l’atmosfera della stazione con aria, ossigeno e azoto (dai cilindri Progress). Inoltre, i mezzi russi forniscono il backup delle comunicazioni vocali e telemetriche del segmento americano della stazione con punti di controllo a terra.

Dmitry Olegovich Rogozin ha riferito sui suoi social media che: «Nonostante le ripetute richieste da parte russa di spiegare le ragioni e il contenuto delle sanzioni occidentali contro gli appaltatori russi per lavori nell’interesse della ISS, i partner stranieri di Roscosmos non hanno mai risposto in modo sostanziale alle richieste pertinenti su chi può “cadere” o “atterrare” la Stazione Spaziale Internazionale da 500 tonnellate?». In una mappa realizzata da astronomi americani si osserva che molto difficilmente la stazione potrebbe cadere sul suolo russo, mentre il resto del mondo potrebbe essere vittima del precipitare della stazione orbitale.

Gli interlocutori stranieri di cui parla Rogozin sono: la leadership della National Aeronautics and Space Administration (NASA), l’Agenzia spaziale canadese (CSA) e dell’Agenzia spaziale europea (ESA).

Lucia Giannini