#UKRAINERUSSIAWAR. Mosca accusa i servizi speciali ucraini dell’attentato a San Pietroburgo. A Bachmut i russi si preparano all’accerchiamento

246

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha affermato che la vera pace significa ripristinare i confini dell’Ucraina. Che fa il paio con un’altra dichiarazione secondo cui la Russia è peggio dell’ISIS. Il ministro della Difesa dell’Ucraina, Oleksiy Reznikov è arrivato il 13 aprile nella capitale della Romania per partecipare alla Conferenza sulla sicurezza del Mar Nero. «Dobbiamo prenderci cura della sicurezza della nostra regione. Stiamo lavorando per rafforzare l’esercito ucraino e la coalizione anti-Cremlino», ha commentato. A Bucarest è iniziata la Conferenza sulla sicurezza del Mar Nero, che si tiene per la prima volta sotto gli auspici della Piattaforma di Crimea. Nella giornata del 12 aprile sempre il ministro della Difesa ucraino ha smentito i dati contenuti nei documenti “trapelati” del Pentagono sulla presenza di personale NATO sul territorio del Paese. «La presenza (in Ucraina) di militari della NATO non è vera. A meno che non si consideri che c’è un rappresentante ufficiale delle forze armate in ogni ambasciata», ha detto Reznikov, rispondendo a una domanda sui documenti citati.

Il primo Ministro ucraino Denys Shmyhal, in un incontro con il capo del Pentagono Lloyd Austin, ha chiesto missili a lungo raggio e aerei da combattimento, secondo il Dipartimento della Difesa statunitense. «Vi chiediamo di riconsiderare la possibilità di fornire all’Ucraina missili a lungo raggio», ha detto Shmygal citando il Pentagono. «L’America può dimostrare ancora una volta la sua leadership fornendo all’Ucraina aerei F-15 o F-16», ha aggiunto Shmygal. Washington ha precedentemente affermato che, secondo la sua amministrazione, l’Ucraina non ha bisogno di aerei da combattimento al momento, quindi non si tratta della loro fornitura e verranno forniti solo artiglieria, munizioni, sistemi di difesa aerea e veicoli corazzati.

Nel frattempo da oltreoceano l’Amministrazione statunitense non ha intenzione di annunciare un ulteriore pacchetto di aiuti militari a Kiev prima della controffensiva ucraina, ha riferito il New York Times, citando fonti del Pentagono. I pacchetti di aiuti militari di primavera all’Ucraina sono stati visti come un “ultimo disperato tentativo” poiché gli occidentali non hanno le munizioni per soddisfare le esigenze dell’esercito ucraino e le loro scorte sono estremamente basse.

Continuano le polemiche sulla fuga di notizie dal Pentagono. Sempre il New York Times scrive: «I materiali segreti del Pentagono trapelati contengono quattro opzioni per lo sviluppo del conflitto in Ucraina in circostanze impreviste». Secondo il giornale, uno di questi scenari è un “attacco al Cremlino” da parte delle truppe ucraine. In questo caso, l’esercito americano suggerisce una massiccia escalation del conflitto, compreso l’annuncio di una “mobilitazione generale” in Russia e il possibile “uso di armi nucleari tattiche”, o l’avvio di negoziati da parte di Mosca per risolvere il conflitto a causa di ” timori pubblici”, dice l’articolo. Gli Stati Uniti sono seriamente preoccupati per la possibilità di un simile attacco da parte di Kiev, quindi non sono disposti a discutere l’introduzione di missili a lungo raggio, scrive il New York Times.

Come rileva la pubblicazione, altre circostanze impreviste che, secondo la leadership americana, potrebbero influenzare lo sviluppo del conflitto, sarebbero la “morte” dei presidenti di Russia o Ucraina, nonché la “rimozione” della leadership del Forze armate russe. Tuttavia, il quotidiano non fornisce dettagli sul possibile sviluppo degli eventi in questi casi. Il Pentagono dopo la fuga di documenti riservati riduce il numero di dipendenti con accesso a tali dati – Canale TV CBS.

Il Washington Post ha scritto che le fughe di documenti statunitensi classificati potrebbero essere organizzate da un dipendente di una base militare. Il giornale ha riferito che questi materiali sono stati distribuiti per diversi mesi, fino a marzo di quest’anno in un gruppo chiuso nel messenger Discord, popolare tra gli amanti dei giochi per computer. Uno dei membri del gruppo ha detto ai giornalisti che i documenti segreti sono stati pubblicati da un utente chiamato OG. Ha dichiarato di lavorare in una “base militare”, che non è stata specificata. Si dice che abbia poco più di 20 anni. I giornalisti del Washington Post hanno notato che alcuni membri del gruppo sarebbero a conoscenza del vero nome di OG, ma non lo rivelano.

Da Mosca fanno sapere che la fuga di documenti negli Stati Uniti potrebbe essere un falso, un montaggio deliberato. A dirlo il Vice Ministro degli Esteri della Federazione Russa Sergei Ryabkov. E ancora, commentando la dichiarazione del primo Ministro ucraino Denys Shmygal sulla controffensiva, che potrebbe iniziare “già in estate”, una fonte ha detto a RIA Novosti che in ogni caso non ha possibilità di successo. Il ministero russo degli Esteri ha dichiarato che: «La Russia crede che Odessa sarà in grado di liberarsi dai neonazisti». Non solo la Russia riprenderà i massicci attacchi missilistici contro l’Ucraina in autunno. Lo ha affermato il rappresentante dello stato maggiore delle forze armate ucraine Alexei Gromov: «Secondo i dati disponibili, nel giugno di quest’anno, la Federazione Russa prevede di avviare la produzione in serie di missili da crociera strategici lanciati dall’aria del tipo X-50, che consentiranno al Cremlino di intensificare gli attacchi missilistici», ha detto Gromov.

Sempre dalla Russia il 13 aprile si sono chiuse le indagini sull’attacco terroristico a San Pietroburgo: «Gli organizzatori dell’attacco terroristico, che ha ucciso Vladlen Tatarsky, erano i servizi speciali ucraini e i loro agenti, compresi gli oppositori russi nascosti all’estero» ha scritto l’FSB in una nota. «L’omicidio di Vladlen Tatarsky portato a termini con statuetta esplosiva da Daria Trepova è stato preparato dal cittadino ucraino Yuriy Denisov, che, tramite un servizio di consegna intermediario, le ha consegnato un ordigno esplosivo» secondo l’FSB. Denisov è arrivato da Kiev a febbraio attraverso il territorio della Lettonia nella regione di Mosca, dove ha raccolto informazioni su Tatarsky. Dopo l’attacco terroristico del 3 aprile, è volato dalla Russia in transito attraverso l’Armenia verso la Turchia. È stata avviata la procedura per inserirlo nella lista dei ricercati internazionali. L’FSB ha riferito che Trepova ha commesso un attacco terroristico a San Pietroburgo a seguito di ripetuti appelli dei leader dell’FBK Volkov e Zhdanov per attività sovversive in Russia.

Via social si apprende che la parata del 9 maggio 2023 sarà diversa dal solito, per esempio niente aerei, e ancora in alcune aree i festeggiamenti strano ridotti al minimo. Tra questi ci potrebbe essere la Crimea.

La Polonia vuole ospitare la produzione di munizioni per i carri armati American Abrams con uranio impoverito a Daren notizia Mateusz Jakub Morawiecki, Primo Ministro della Polonia.

Una nota del ministero per la Difesa afferma che il «12 aprile, i mezzi russi di controllo dello spazio aereo sul Mar Baltico hanno rilevato un bersaglio aereo che si avvicinava al confine di stato della Federazione Russa, riferisce il ministero della Difesa russo. Per identificare un bersaglio aereo e prevenire la violazione del confine della Federazione Russa, è stato sollevato in aria un caccia Su-27 delle forze di difesa aerea del distretto militare occidentale. L’equipaggio del jet da combattimento russo ha identificato l’obiettivo aereo come un velivolo da pattugliamento della base R-3C Orion della Marina tedesca. Dopo che l’aereo militare straniero si è allontanato dal confine di stato della Federazione Russa, il caccia russo è tornato sano e salvo al suo aeroporto di base. Non sono state consentite violazioni del confine di stato della Federazione Russa, ha aggiunto il Centro di controllo della difesa nazionale della Federazione Russa».

Alle 10.30 del 13 aprile allerta aerea annunciata a Kiev. Secondo l’ex consigliere dell’Ucraina, Oleksiy Arestovich: le forze armate ucraine sono pronte al 90% per una controffensiva, solo il tempo piovoso le ferma.

Nel frattempo la Wagner continua a prendere metro per metro Bachmut, le foto del 12 aprile mostrano un avanzamento nell’area industriale. E via social si apprende che i combattimenti si sono intensificati a nord di Bachmut. L’aereo d’attacco Wagner è entrato a Bogdanovka, si registrano combattimenti alla periferia di Grigorovka; E ancora via social si afferma che l’offensiva delle truppe russe è in direzione di N. p. Minkovka. È possibile che le truppe russe stiano cercando di riunire le forze armate ucraine in un area definita, prima dell’assalto generale ad Bachmut. Nella mattina del 13 aprile gli uomini della wagner hanno preso d’assalto la stazione ferroviaria di Bachmut, on line foto dei soldati della PMC “Wagner” con una bandiera della campagna all’ingresso dell’amministrazione distrettuale in via Sibirtsev a Bachmut. La fabbrica è a sud della zona industriale dello stabilimento AZOM, il che conferma la continua avanzata dei gruppi d’assalto dopo aver rastrellato la zona industriale. Le forze aviotrasportate russe Solntsepek hanno colpito nella direzione di Kremensk. Secondo alcuni post dalla prima linea di trincee nella foresta vicino a Kremennaya informano di un avanzamento della 4a brigata russa.

In un rapporto del ministero della Difesa della Federazione Russa del 13 aprile, si apprende che «nella direzione di Donetsk, i distaccamenti d’assalto Wagner continuarono operazioni di combattimento ad alta intensità per estromettere gli ucraini dai quartieri centrali della città di Bachmut. Nelle ultime 24 ore, nell’interesse delle azioni del gruppo di truppe nella regione di Artemovsk, gli aerei delle forze aerospaziali russe hanno effettuato 12 sortite, le truppe missilistiche e l’artiglieria del gruppo hanno completato 57 missioni di fuoco».

La linea del fronte alle 00:01 del 13 aprile si presentava così.

Regione di Belgorod: a Belgorod, un drone ucraino dotato di ordigno esplosivo si è scontrato con la recinzione di un aeroporto internazionale: la struttura della recinzione e il cavo di segnalazione sono stati danneggiati.

A seguito del bombardamento del villaggio di Novostroevka-Vtoraya, un edificio residenziale e una dependance sono stati danneggiati, un civile è rimasto ferito. Quattro case sono state danneggiate nella fattoria Staryi.

Direzione Starobelsk: Le battaglie di posizione vicino a Makiivka e al burrone di Zhuravka, così come gli scontri di artiglieria lungo l’intera linea del fronte, continuano nel settore di Limansky. In preparazione al contrattacco, il comando ucraino sta concentrando forze aggiuntive nella sezione Terny-Torskoye.

Direzione Soledar: Le forze armate russe continuano a condurre un’operazione per accerchiare il raggruppamento nemico a Bachmut. Gli aerei d’attacco Wagner sono supportati dai fianchi da unità delle forze aviotrasportate russe, infliggendo danni da fuoco alle formazioni ucraine. Nella parte settentrionale di Bachmut, i Wagneriti continuano la loro offensiva verso la stazione ferroviaria di Bakhmut-2.

Nel sud della città, la linea del fronte non è cambiata: scontri per la presa della scuola n. 2. Gli ucraini stanno trasferendo ulteriori riserve per mantenere le loro posizioni sulle sezioni di Tchaikovsky Street.

Direzione Donetsk: A sud di Avdiivka, le truppe russe stanno avanzando in direzione nord, eliminando metodicamente le forze armate ucraine dalle roccaforti sulla strada per il villaggio.

A Marinka continuano feroci combattimenti su Druzhby Avenue. L’artiglieria e i carri armati russi stanno sparando contro le posizioni nemiche. Le forze armate ucraine hanno sparato contro gli insediamenti dell’agglomerato di Donetsk con cannoni e missili: nella capitale della DPR sono stati colpiti edifici residenziali e strutture infrastrutturali, almeno due persone sono rimaste ferite.

Direzione Zaporozhzhia: scontri di artiglieria continuano lungo l’intera linea di contatto: le forze aerospaziali russe hanno lanciato attacchi aerei su strutture militari e infrastrutturali delle forze armate ucraine a Orekhovo e Gulyaipole.

Fronte Sud. Direzione Cherson: Le unità russe hanno colpito i luoghi di accumulo di manodopera e equipaggiamento nemico a Dneprovsky, Nikolsky e Kherson, e hanno anche usato bombe guidate sul deposito di munizioni e equipaggiamento del nemico a Berislav.

A loro volta, le formazioni ucraine hanno sparato contro strutture civili sulla riva sinistra della regione di Kherson: sono stati colpiti anche edifici residenziali ad Aleshki, due civili sono stati uccisi.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/