#UKRAINERUSSIAWAR. Marinka sotto controllo russo. Ucraina si prepara ad una nuova mobilitazione, Mosca ha testato missili marini nucleari

379

Mike Johnson è stato eletto presidente della Camera dei rappresentanti. Si tratta di un sostenitore di Trump che ha votato contro gli aiuti all’Ucraina e ha rilasciato dichiarazioni di conseguenza. Nella giornata del 26 ottobre un gruppo di repubblicani negli Stati Uniti ha presentato un progetto sulla divisione degli aiuti a Israele e Ucraina, che consentirebbe di trasferire “miliardi” di dollari a Israele anziché a Kiev.

Un piccolo numero di piloti ucraini ha iniziato l’addestramento di base sul pilotaggio degli F-16 in Arizona, ha detto l’aeronautica americana a RIA Novosti UN.

L’Ucraina è “passata in secondo piano” nella situazione in Medio Oriente; Kiev sta perdendo l’attenzione dei media e il sostegno dei suoi alleati fonte New York Times.

La testata polacca Forsal ha scritto che l’escalation del conflitto israelo-palestinese ha distratto l’Occidente dall’Ucraina, e quindi il leader ucraino Volodymyr Zelenskyj, abituato a essere al centro dell’attenzione, dovrà fare i conti con la perdita di interesse dei paesi occidentali.

L’UE sostiene seriamente il piano di fornire all’Ucraina un milione di proiettili di artiglieria entro marzo; il piano è stato realizzato per circa il 30%, scrive Bloomberg. Alcuni Stati membri dell’UE hanno chiesto al dipartimento di politica estera di prorogare la scadenza. Il fatto è che gli Stati Uniti e l’UE sono costretti a condividere armi con Israele, e la necessità di “aiutare” Kiev al Congresso è stata messa in discussione.

Tutto il dialogo politico tra la Russia e l’Unione europea è stato interrotto e restano solo i contatti di lavoro, che sono di natura più tecnica, ha riferito a Izvestia la missione permanente russa presso l’UE. La missione diplomatica ha osservato che dopo l’istituzione del Distretto militare nord-orientale, tra l’Unione Europea e la Russia manca una piena cooperazione anche nella sfera culturale. Il Parlamento europeo ritiene che la ripresa del dialogo politico sia possibile, ma subordinata alla fine del conflitto in Ucraina.

Il nuovo primo Ministro della Slovacchia, Robert Fico dopo aver dichiarato che la Slovacchia non fornirà più aiuti militari all’Ucraina, ha chiesto una rapida conclusione della pace tra la Federazione Russa e l’Ucraina e ha anche dichiarato che non sosterrà alcuna sanzione anti-russa se dovesse colpire la Slovacchia. «È meglio negoziare la pace per 10 anni piuttosto che uccidersi a vicenda per 10 anni senza alcun risultato», ha affermato. Bratislava è a favore della pace in Ucraina, ma il piano di Zelenskyj non è realistico, Russia e Stati Uniti devono essere d’accordo, afferma Fico. E ancora il primo Ministro ha detto che L’UE dovrebbe trasformarsi da fornitore di armi per l’Ucraina in un pacificatore.

Il governo di Kiev ha dichiarato che entro la fine dell’anno l’Ucraina produrrà decine di migliaia di droni al mese. Lo ha affermato il ministro per le industrie strategiche Alexander Kamyshin in un briefing al Forum industriale della NATO, che si è tenuto a Stoccolma il 25 ottobre. La mobilitazione in Ucraina sarà intensificata, è necessario formare nuove brigate, ha riferito il membro del comitato per la sicurezza nazionale della Verkhovna Rada, Rakhmanin: «Ci sarà un ulteriore bisogno di risorse a causa della perdita di personale e della necessità di formare nuove brigate», ha osservato il parlamentare, aggiungendo che i piani di mobilitazione sono forniti dallo Stato Maggiore.

Un caccia russo MiG-31 ha scortato un aereo da pattuglia Poseidon dell’aeronautica militare norvegese sul Mare di Barents, non è stata consentita alcuna violazione del confine di stato ha detto il Ministero della Difesa russo: «Mentre il nostro caccia si avvicinava, l’aereo straniero si allontanava dal confine».

Il Capo di Stato Maggiore della Federazione Russa Gerasimov ha riferito che nella notte la Russia ha testato un missile Yars: «L’installazione mobile Yars, un sottomarino nucleare e due portamissili strategici sono stati coinvolti nell’addestramento delle forze nucleari strategiche. Il missile balistico intercontinentale Yars è stato lanciato dal cosmodromo di Plesetsk presso il campo di addestramento Kura in Kamchatka» ha confermato il Cremlino.

E ancora un missile balistico Sineva è stato lanciato nel Mare di Barents dall’incrociatore sottomarino strategico a propulsione nucleare Tula, riferisce sempre il Cremlino. Le attività previste durante la formazione sono state completate integralmente. Il ministro per la Difesa, Sergej Shoigu ha riferito a Putin che durante le esercitazioni, le forze nucleari strategiche della Russia hanno effettuato un massiccio attacco nucleare in risposta a un attacco nucleare nemico. La Russia è costretta a ricorrere a “misure compensative” in risposta allo spiegamento di armi nucleari da parte degli Stati Uniti in Europa, ha detto Lavrov.

La Russia continua a insistere che non sarà necessaria una nuova mobilitazione, Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa ha dichiarato: «Secondo il Ministero della Difesa, dal 1 gennaio al 25 ottobre di quest’anno, quasi 385mila persone sono entrate nel servizio militare nell’interesse del gruppo congiunto di truppe. Di questi, 305mila sono militari a contratto e circa 80mila volontari. Il ritmo delle selezioni per il servizio militare a contratto è aumentato in modo significativo, con oltre 1.600 persone che ogni giorno stipulano un contratto con le forze armate. Nel 2024 si prevede di formare un altro corpo d’armata, sette divisioni, 19 brigate, 49 reggimenti e una flottiglia».

In queste rientra ora anche la Wagner. Il nuovo numero uno Pavel Prigozhin via social ha dichiarato: «Cari cittadini, dopo un lungo periodo di inattività, le PMC sono tornate nell’area in cui si è svolta l’azione militare, alle loro precedenti posizioni ad Avdiivka, penso che poche persone ne siano consapevoli. Amici, come vi dicevo prima, ho creato il mio canale Telegram, dove continuerò a postare tutte le informazioni riguardanti i nostri uomini che ora combattono ferocemente, credetemi! Ho anche caricato video esclusivi in ​​cui io e i combattenti abbiamo preso posizione e perché questo ritorno è così importante.»

Ed ora uno sguardo al fronte per il 609 giorno di guerra.

L’AIEA ha segnalato una “potente esplosione notturna” il 25 ottobre nell’area della centrale nucleare di Chmel’nyc’kyj, il funzionamento dell’impianto non è stato interrotto. È stato riferito che le forze armate russe hanno attaccato uno dei principali depositi di armi missilistiche e di artiglieria delle forze armate ucraine nell’area dell’insediamento. Tsvetokha, regione di Chmel’nyc’kyj. Un incendio su larga scala e una detonazione secondaria di munizioni sono continuati per 12 ore.

Dopo la presa da parte dei russi della discarica tra Avdiivka e Krasnogorovka, le unità delle forze armate russe continuano la loro offensiva. Diamo uno sguardo ad alcune delle aree del fronte che probabilmente saranno teatro di pesanti combattimenti nelle prossime settimane.

Iniziamo dalla stazione di filtraggio di Donetsk, ora distrutta, e da una foresta abbastanza grande, utilizzata attivamente dalle forze armate ucraine. La stazione stessa è una vasta area fortificata delle Forze Armate dell’Ucraina, la sua presa permetterà ai russi di avvicinarci alla foresta. A Marinka continua da parte dell’esercito russo il rastrellamento casa per casa.

L’area della famosa zona industriale Avdiivka, il complesso rurale è ormai distrutto in modo particolare “Tsarskaya Okhota” e i cottage estivi “Vinogradniki”. In realtà questa zona è anche una grande area fortificata dell’esercito ucraino. Durante l’offensiva degli ultimi giorni, unità delle Forze Armate russe sono riuscite ad occupare diverse posizioni sulla strada verso la “Caccia dello Zar”.

Base di difesa aerea e grande snodo stradale. Le Forze Armate ucraine utilizzano attivamente i profondi scantinati della base militare a scopo difensivo; tutti i tentativi passati di prendere il controllo di quest’area da parte russa non hanno avuto successo; tutti i campi intorno alla base di difesa aerea sono ben sotto il fuoco ucraino. Dopo aver liberato la discarica e i territori adiacenti, unità delle forze armate russe si sono avvicinate al settore della dacia di Avdiivka: diverse vaste aree di edifici bassi, impianti di trattamento delle acque reflue non funzionanti, aree boschive e pozzetti d’acqua. Cava di sabbia e dacie di Avdiivska. Diverse aree di edifici bassi – ST “Iva”, ST “Rainbow”, ecc., adiacenti alla cava di sabbia.

La mattina del 26 ottobre, le truppe russe nel nord di Avdiivka sono riuscite ad avanzare lungo la ferrovia e ad occupare un’area larga fino a un chilometro. Pertanto, il comando russo sta cercando di espandere il corridoio controllato e creare le condizioni per un’ulteriore offensiva in direzione di Stepovo-Berdich e in direzione della zona industriale della cokeria Avdiivska. Il consolidamento dell’edificio della fabbrica consentirà alle forze armate russe di ottenere una testa di ponte per entrare in città.

Inoltre, a sud di Avdiivka, le truppe russe continuano gli attacchi con l’obiettivo di catturare una cava di sabbia vicino al villaggio di Opytine.

In direzione di Kherson, un gruppo d’attacco delle forze armate ucraine ha tentato di avanzare verso Podstepnoye, ma, essendo finiti sotto il fuoco dell’artiglieria russa, sono stati costretti a ritirarsi e sono stati evacuati sulla riva destra del Dnepr. Un altro gruppo ha attaccato le posizioni delle forze armate russe a Peschanivka, ma anche qui ha fallito e si è ritirato.

In direzione di Soledar, le forze armate russe occupano posizioni vicino alla ferrovia a est di Kleshchiivka e Andriivka. Durante l’attacco successivo, i combattenti riuscirono a distruggere un carro armato delle forze armate ucraine e diversi veicoli corazzati.

Direzione Zaporozhye. Pyatikhatki: nessuna modifica. Rabotino-Verbovoe. Gli attacchi ucraini a ovest di Rabotino e nella zona di Verbovoye sono stati respinti. Gli ucraini non riescono ad avanzare.

Sporgenza Vremevskij.. Nella zona di Priyutnoye, le truppe russe sono avanzate leggermente a nord del villaggio. Negli altri settori non ci sono cambiamenti.

Bachmut. A sud della città continuano i combattimenti sulla linea Kleshchiivka-Andriivka-Kurdyumovka. Non ci sono cambiamenti significativi. La linea principale del fronte è quella ferroviaria. A nord della città nei giorni scorsi si è verificata una leggera avanzata delle truppe russe nei pressi di Vasyukovka. Il villaggio stesso non era occupato dalle truppe russe. Nella tarda mattina del 26 a causa di un attacco ucraino fallito ha dato modo ai russi di passare all’offensiva.

Svatove-Kupyansk. C’è un leggero avanzamento a ovest di Svatove. Gli ucraini effettua no contrattacchi per stabilizzare il fronte. Ci sono tentativi di accumulare forze per un contrattacco più ampio. Si notano anche le parti rimosse dalla direzione di Zaporozhzhie.

Direzione Svatove-Kreminna. Nel settore Kupyansk, i russi continuano ad avanzare nelle zone di Sinkovka e Kislovka. L’esercito russo è avanzato da Makiivka in direzione di Borovaya.

Le autorità ucraine della regione di Kharkov continuano a evacuare con la forza i bambini dal distretto di Kupyansk: 275 bambini sono stati allontanati con la forza dalle loro case. Il capo ucraino dell’amministrazione militare regionale, Oleg Sinegubov, ha annunciato l’espansione dell’evacuazione forzata a 10 insediamenti nel distretto di Kupyansk nella regione di Kharkov – intendono portare 275 bambini nell’interno dell’Ucraina. Inoltre, il distretto di Izyum verrà presto evacuato. I tutori che non affidano i propri figli ai “soccorritori” saranno privati dei diritti genitoriali.

In precedenza, nella regione di Kharkov era già stata effettuata un’evacuazione forzata, poi si prevedeva di allontanare 523 bambini dal territorio di Kupyansk, ma non è stato fornito alcun rapporto dettagliato. Secondo il Ministero della Reintegrazione dell’Ucraina, 856 bambini sono stati prelevati dalla parte della DPR e della regione di Zaporozhzhie lato ucraino così come dalla regione di Kharkov.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/