#UKRAINERUSSIAWAR. L’Ucraina sembra la Siria, avverte il Vaticano

103

Il cardinale Mario Zenari, inviato del Vaticano in Siria, ha detto che in Europa la situazione dell’Ucraina assomiglia molto al conflitto siriano, giunto al suo undicesimo anno. Il cardinale Zenari ha chiesto un maggiore intervento internazionale in Siria, che ha detto ha perso l’attenzione dei media e sta cadendo nel “dimenticatoio”, ma che è ancora in conflitto e ha un disperato bisogno di aiuto per alleviare la povertà e iniziare la ricostruzione.

In una intervista a Vatican News, Zenari ha detto di come i siriani stanno reagendo alla guerra in Ucraina, che infuria da quasi tre settimane, mentre la guardano svolgersi: «La gente generalmente non osa parlarne», ha detto, poiché la Russia, che ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, ha condotto una massiccia campagna aerea a sostegno del presidente siriano Bashar Al-Assad, segnando una svolta nella guerra civile del paese. Zenari, nunzio apostolico in Siria dal 2008, ha ripetuto i numerosi appelli di Papa Francesco per “far tacere le armi e fermare il massacro”: «Mi sembra che la martoriata Siria, per esperienza, comprenda questo pressante appello (…) È triste vedere, ripetute in Ucraina, le stesse strazianti immagini di dolore viste in Siria: case distrutte, morti, milioni di rifugiati, l’uso di armi non convenzionali come le cluster bombs, il bombardamento di ospedali e scuole». L’Ucraina, ha detto, sta «sperimentando la stessa esatta discesa agli inferi vista in Siria».

Di gran lunga, il tributo ai civili e i danni alle infrastrutture sono stati tra le conseguenze più devastanti della guerra in Siria, e lo stesso sta rapidamente accadendo in Ucraina, riporta Cruxnow.

Dallo scoppio della guerra il 24 febbraio, c’è un totale di 1.834 vittime civili, 691 delle quali sono morte, tra cui 48 bambini, e altre 1.143 sono state ferite. Le infrastrutture cittadine sono state danneggiate, e diversi impianti nucleari dell’Ucraina sono stati colpiti dal fuoco incrociato.

In Siria, l’Osservatorio siriano riporta i dati degli undici anni di rivoluzione con il numero di civili uccisi, ovvero 338.976

Osservatorio siriano ha documentato 499.657 morti, civili e militari, su un totale di 610mila morti dall’inizio della rivoluzione in Siria. In undici anni di scontri 160.681 civili sono stati uccisi di cui 120.158 uomini, 15.237 donne e 25.286 bambini. Per l’Unhcr, la Siria è la più importante crisi di rifugiati al mondo.

Inoltre, più della metà della popolazione siriana prebellica di 22 milioni è fuggita dalle proprie case. Di questi, 6,9 milioni sono sfollati interni e altri 6,8 milioni sono rifugiati o richiedenti asilo all’estero.

Riferendosi alle notizie che la Russia ha arruolato mercenari siriani per unirsi alla guerra contro l’Ucraina, Zenari ha detto che la stessa cosa è accaduta due anni fa in Libia, dove i mercenari siriani «si sono trovati a combattere su fronti opposti (…) Questa è l’ennesima malattia causata dalla guerra, che è una fabbrica che produce ogni sorta di mali: vittime, distruzione di quartieri e villaggi, rifugiati, danni al tessuto sociale, la disintegrazione delle famiglie, violenza, povertà, mancanza di lavoro, droga, e numerosi altri mali», ha detto.

Senza opportunità di lavoro, molti giovani in Siria hanno imparato ad usare le armi e si sono arruolati per poter guadagnare “qualche centinaio di dollari” in assenza di altre opportunità.

Lentamente, il conflitto siriano è stato eclissato da altri disastri, tra cui la crisi interna del Libano, la pandemia del COVID-19 e ora la guerra in Ucraina: «Fino a un paio di anni fa, ricevevo telefonate da varie parti del mondo per interviste e informazioni sul conflitto siriano. Ora il telefono non squilla più (…) Questa è un’altra grande disgrazia che è successa alla Siria: cadere nell’oscurità. Questa oscurità fa molto male alla gente (…) L’attenzione della comunità internazionale è altrove», ha detto Zenari.

Antonio Albanese