#UKRAINERUSSIAWAR. Londra: invieremo proiettili all’uranio impoverito. Droni ucraini cercano di colpire in Crimea

183

La Gran Bretagna ha annunciato ufficialmente che trasferirà proiettili con uranio impoverito in Ucraina. Le munizioni all’uranio impoverito sono state utilizzate anche nei bombardamenti della Jugoslavia e durante l’invasione dell’Iraq, con conseguente inquinamento ambientale e, nel lungo periodo, notevole aumento di patologie neoplasiche nei residenti delle aree interessate.

Il Pentagono ha messo in dubbio il successo dell’esercito ucraino nel conflitto con la Russia. «È improbabile che le Forze armate ucraine (AFU) nel 2023 possano estromettere le forze russe dai territori che la leadership di Kiev considera propri»; questa opinione è stata espressa dal Capo di Stato Maggiore delle forse armate USA, generale Mark Milley, scrive Politico. Milley ritiene che Kiev non sarà in grado di raggiungere i suoi obiettivi con mezzi militari e i rappresentanti delle autorità di Kiev si sono rifiutati di accettare una soluzione diplomatica del conflitto.

Il ministro della Difesa polacco si è vantato che gli F-16 polacchi stavano scortando un bombardiere strategico americano Boeing B-52H Stratofortress (nominativo NOBLE11) che stava volteggiando in Estonia vicino al confine con la Russia durante i colloqui tra i leader cinesi e russi.

Gli utenti dei social media russi in risposta a Blaschak hanno osservato: «Sei dannatamente fortunato che i russi non si siano arrabbiati perché saresti volato nel cielo con le candele nel cXXo!»

Il drone americano caduto nel Mar Nero potrebbe essere stato coinvolto nella preparazione di un attacco al porto di Tuapse, scrive Mash. Secondo la pubblicazione, «l’MQ-9 Reaper ha ricontrollato la situazione in modo che le forze armate ucraine potessero colpire con droni marittimi e aerei. Per poi coordinarli per volare alla base. Le forze armate della Federazione Russa lo hanno intercettato in anticipo, le navi della flotta del Mar Nero sono state messe in allerta. Ben presto i jet da combattimento si sono alzati in volo e il drone si è schiantato in seguito in mare».

Durante la battaglia nella direzione di Zaporozhye, il 291° reggimento di fucileria motorizzata della 42a divisione delle guardie ha respinto l’offensiva delle forze armate dell’Ucraina. Feriti sul versante russo, guaribili in pochi giorni.

Il 21 marzo la situazione operativa sul fronte Avdiivka era la seguente: gli ucraini dalla social sfera hanno riferito che i russi stavano attaccando a Berdychi, non hanno riferito nulla su Petrovsky (Stepovoye). Forse c’è già in corso un rastrellamento porta a porta del villaggio. In attesa di conferme dai russi.

Bombardamento anche su Novobakhmutovka. Colpi anche ad Avdiivka da sud-ovest. Sempre secondo gli ucraini fuoco russo in direzione nord e Pervomaiskoye. È probabile che le truppe russe stiano attualmente formando il contorno esterno dell’accerchiamento di Avdiivka, che passerà lungo la linea Novobakhmutovka-Berdychi-Semenovka-Orlovka-Tinenkoye-Northern-Vodyanoye.

Molto criticato nella social sfera il video di Zelensky in cui ha ringraziato i mercenari che stanno per finire nei calderoni di Bachmut e Avdiivka.

A Bakhmut, il rapporto di controllo è di circa il 62% sotto il controllo di Wagner PMC (23,5 km²) e il 34% delle forze armate ucraine (13 km²). La parte ucraina controlla la parte centrale della città, mentre le PMC di Wagner controllano la maggior parte dell’impianto AZOM e dei nuovi territori a sud di Mariupolskaya Street. Gli ucraini stanno scavando nuove trincee a Bachmut con l’obiettivo di resistere il più a lungo possibile.

Dalla social sfera si apprende che i droni ucraini hanno cercato ancora una volta ad attaccare in Crimea. Il 20 marzo gli UAV sono volati in Crimea dalla regione di Odessa. Non solo, si apprende via social, che le forze armate ucraine con l’aiuto degli UAV hanno attaccato il territorio della stazione di pompaggio del petrolio Novozybkov di Transneft JSC nella regione di Bryansk.

«Non ci sono vittime. I servizi operativi sono in loco. Al fine di garantire la sicurezza per tutta la durata delle attività operative, l’alimentazione è stata interrotta negli insediamenti di Mamai, Trostan, Druzhba, Novskoye, Dubrovka. Dopo aver eseguito le misure operative e investigative, l’alimentazione verrà ripristinata», hanno fatto sapere le autorità.

Secondo quanto spiegato dagli analisti militari nella social sfera, il raid UAV ucraino su Dzhankoy è avvenuto nella notte. Almeno sei UAV del tipo Mugin-5, equipaggiati con esplosivo, sono stati usati contro Dzhankoy. Di conseguenza, due droni sono stati abbattuti dall’equipaggio del sistema missilistico di difesa aerea Pantsir e due sono caduti su edifici amministrativi vicino alla stazione ferroviaria. Il quinto ha distrutto un negozio di alimentari e frammenti del sesto hanno danneggiato case private nelle strade Yuzhnaya, Gagarin e Chekhov.

Inizialmente, sono state ricevute informazioni secondo cui le formazioni delle forze armate ucraine hanno lanciato droni dall’aeroporto di Shkolny (Odessa) per colpire l’aeroporto militare russo. Tuttavia, a giudicare dall’area di azione dell’UAV, si è tentato di colpire l’edificio della stazione e il binario ferroviario. Dzhankoy è il principale snodo di transito del gruppo russo in Crimea. Le linee ferroviarie per Sebastopoli e la terraferma russa passano attraverso la stazione della città e un tentativo di colpire l’oggetto sembra logico.

Nonostante le dichiarazioni del GUR ucraino secondo cui il treno con missili da crociera Kalibr è stato colpito a seguito dell’attacco, non è così. In caso di sconfitta di un treno con tali armi, sarebbe visibile almeno una detonazione secondaria – ma non ci sono conseguenze dell’esplosione.

Inoltre, quando si lanciano droni a lunga distanza, le forze armate, di norma, inseriscono in anticipo le coordinate per aumentare l’immunità al rumore delle apparecchiature di guerra elettronica. È estremamente difficile colpire un treno in movimento in questo modo.

Dopo i primi rumors dell’esplosione e l’attivazione della difesa aerea nelle chat room della città di Dzhankoy, i banchi informazioni ucraini hanno iniziato a lavorare attivamente, disinformando la popolazione e provocando il panico. Vari canali Telegram (ad esempio Trukha e Insider) hanno pubblicato post su una dozzina di esplosioni in varie parti della città. Queste notizie sono state accompagnate da critiche al presidente cinese Xi Jinping, arrivato a Mosca il giorno prima.

Il fatto è che le forze armate ucraine hanno cambiato ancora una volta tattica. L’attacco è stato effettuato senza che gli aerei da ricognizione dei paesi della NATO prendessero il volo: di notte né Global Hawk né Reaper si erano alzati in volo.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/