#UKRAINERUSSIAWAR. L’importanza strategica delle ferrovie di Zelenskiy

174

Mentre l’invasione russa dell’Ucraina entra nel suo secondo mese, gli ucraini sono lontani dal sabotare i loro treni. Al contrario, li tengono in funzione. Dall’inizio del conflitto, la capacità di Ukrzaliznytsia, la compagnia ferroviaria nazionale ucraina, di mantenere attivo il traffico ferroviario, e persino di aumentarlo per assicurare l’evacuazione dei civili, ha giocato un ruolo essenziale nella sopravvivenza del paese.

L’Ucraina, riporta Bmb Ukraine, ha una rete ferroviaria altamente sviluppata, con circa 22.500 chilometri di binari prima della guerra. Ukrzaliznytsia, tra le più grandi compagnie ferroviarie del mondo, ha sempre giocato un ruolo essenziale nell’economia del paese, sia in termini di capacità di trasporto merci che di capacità di fornire servizi ai passeggeri.

Al 29 marzo, la compagnia ferroviaria aveva evacuato più di 3,2 milioni di passeggeri verso la parte occidentale del paese o all’estero, e aveva anche trasportato più di 6.700 tonnellate di aiuti umanitari inviati dall’Occidente tramite treni passeggeri. Notando un rallentamento sia nell’arrivo degli aiuti umanitari che nel numero degli sfollati, l’Ukrzaliznytsia ha annunciato di essere in grado di reintrodurre le prenotazioni anticipate di dieci giorni dei biglietti su un certo numero di rotte. Prima, il caos delle evacuazioni impediva alla compagnia di pianificare i viaggi in anticipo, così che i viaggi venivano annunciati solo la sera prima.

I lavoratori delle ferrovie, che ammontano a 231.000 dipendenti di Ukrzaliznytsia, devono continuare a lavorare nonostante le minacce che affrontano; nelle parole dell’amministratore delegato di Ukrzaliznytsia, Oleksandr Kamyshin, che riferisce direttamente a Zelenskiy, «l’esercito e le ferrovie sono le strutture più importanti in Ucraina in questo momento».

La compagnia ferroviaria sta affrontando sempre più sfide ogni giorno che passa: «Prima, l’80% del nostro gas e carburante veniva dalla Bielorussia e dalla Russia. Ora dobbiamo sostituirlo dall’Europa. E non è così facile, ma grazie ai nostri vicini siamo in grado di trasferire gas e benzina», ha spiegato la divisione merci di Ukrzaliznytsia a Business Insider.

«I binari sono stati danneggiati da sparatorie, i ponti sono saltati in aria, i sistemi di segnalazione sono stati danneggiati. I proiettili hanno colpito le locomotive. Abbiamo avuto delle vittime. Questi sono tutti pericoli diretti per il trasporto, ma abbiamo mantenuto il controllo dell’infrastruttura tecnica. Speriamo che possano continuare così», prosegue.

Anna Lotti