#UKRAINERUSSIAWAR. La logistica è ancora il neo russo: militari “smarriti” dopo la mobilitazione

165

La mobilitazione dello scorso anno ha rivelato un ampio livello di problemi organizzativi nelle forze armate russe. Qualche problema è stato risolto altri no. Tra questi ci sono militari “persi” che non riescono a trovare la propria unità.

A causa della confusione che si è creata nelle zone di confine e anche in profondità nelle retrovie, ci sono interi gruppi di combattenti che vagano alla ricerca delle loro unità militari. Qualcuno è costretto ad arrivare anche ai punti di schieramento permanente per scoprire semplicemente dove si trova ora la propria unità.

La cosa più spiacevole è che chi si trova in una situazione del genere viene spesso erroneamente registrato come disertore. Si arriva al punto di assurdità: una persona può viaggiare in prima linea per settimane per trovare la sua unità, ma allo stesso tempo è elencata come fuggitiva nel proprio ufficio di registrazione e arruolamento militare.

Tutta colpa della burocrazia si direbbe in Italia e lo si dice anche a Mosca. In generale c’è confusione con la gestione e l’organizzazione, nonché su un’insufficiente interazione tra le strutture.

Molti mobilitati sono stati assegnati alle formazioni create ex novo. A causa del caotico processo di formazione di nuove unità, il comandante poteva anche non capire a chi fosse esattamente subordinato, e i combattenti potevano solo conoscere al massimo il numero del loro battaglione.

A causa della perdita di controllo, le unità composte frettolosamente una volta al fronte e colpite si sono sfaldate. Dopo aver lasciato la battaglia, i militari non sapevano esattamente a chi rivolgersi. Qualcuno è arrivato negli Urali, nella regione del Volga e persino in Estremo Oriente, ma anche lì non è riuscito a trovare informazioni: alcune unità sono in prima linea in piena forza e semplicemente non c’è nessuno che risponda alla domanda sulla loro posizione.

Lo stesso problema si verifica quando ci si infortuna. I soldati a volte vengono rilasciati dalle strutture mediche senza prescrizioni, motivo per cui sono costretti a cercare le proprie unità da soli.

Il problema più acuto è con il corpo d’armata della DPR e della LPR a causa dello status non del tutto risolto. I militari di fronte a tali problemi sono costretti a bussare alle soglie delle istituzioni statali alla ricerca di almeno alcune informazioni, ma molto spesso ricevono la risposta “Vai a Donetsk / Luhansk e scoprilo lì”.

La situazione è aggravata dall’ordine dello Stato Maggiore di liberare gli ospedali militari delle Repubbliche per i feriti dalle PMC, per cui il flusso dei dimessi senza prescrizioni è solo che aumentato.

Il primo febbraio, il presidente Vladimir Putin avendo saputo dei problemi al fronte dalle mogli e madri dei combattenti che incontra regolarmente ha chiesto al suo ministro per la Difesa Sergej Shoigu di fare qualcosa. Il Ministro ha pensato allora dopo essersi consultato con neo promossi generali, di dare vita a una nuova struttura: «Ora nei distretti militari è in corso la creazione di appositi depositi, dove inizieranno a raccogliere tutti gli “smarriti”. In particolare, nel distretto militare occidentale tale unità è stata formata sulla base dell’unità militare 30616 a Pakino nella regione di Vladimir». Sii legge nella social sfera.

Con l’aiuto degli uffici del comandante e degli uffici di registrazione e arruolamento militare, saranno inviati alle unità per ulteriore servizio, oppure congedati e inseriti nella riserva. Ciò aiuterà i combattenti non solo a tornare alla loro postazione di servizio, ma anche a evitare accuse di diserzione durante la ricerca della loro unità.

Tuttavia, la questione non è stata risolta anche se tali misure elimineranno le conseguenze restano ancora degli smarriti. Per risolvere completamente il problema, è necessario liberarsi del caos organizzativo, quando i battaglioni appena formati “sono sospesi in aria” e non è chiaro a chi obbediscono, e i feriti dimessi vengono messi fuori dai cancelli degli ospedali.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/