#UKRAINERUSSIAWAR. La centrale idroelettrica Kakhovka nuovo obiettivo ucraino mentre i russi resistono a Kherson

204

I russi hanno cominciato a scaricare acqua nel Canale della Crimea del Nord e nel Canale di Kakhovka, in modo che la minor quantità possibile di acqua finisca nel Dnieper e che si verifichino meno inondazioni nel caso in cui le forze armate ucraine riescano a far saltare la centrale idroelettrica di Kakhovka. «In questo modo anche se le inondazioni ci saranno comunque, si spera di ridurre i danni», ha detto Sergei Moroz, vicegovernatore dell’Oblast’ di Kherson ricordando che lì ci sono “migliaia di tonnellate” di acqua.

La regione di Zaporozhyem è stata collegata al sistema di trasporto del gas della Federazione Russa a darne notizia le autorità della regione, anche perché per i danni subiti dai bombardamenti russi, la regione è stata lasciata al buio dal governo centrale ucraino.

Gli occhi del mondo sono sulla battaglia per Kherson anche se non sarà questa a decidere l’esito del conflitto russo-ucraino. Secondo l’esperto militare russo Boris Rozhin: «Al momento ci sono informazioni contrastanti in questa direzione. Se si decide politicamente di ritirarsi dalla riva destra del Dnieper, ovviamente non ci sarà Stalingrado. Ciò potrebbe essere causato, tra l’altro, dalla minaccia di una bomba nucleare sporca e dalla messa in pericolo dell’impianto idroelettrico di Kakhovskaya. Se si dovesse decidere politicamente di tenere Kherson e la testa di ponte sulla riva destra, ci si può aspettare un’intensa e prolungata lotta in quella direzione. Nonostante gli ovvi problemi logistici e la minaccia dell’uso di armi di distruzione di massa, la questione del mantenimento di Kherson è ancora più politica che militare». I russi continuano a evacuare la zona.

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte.

I territori di confine della Federazione Russa: Nella regione di Bryansk si è verificato un attacco vicino al confine con la Bielorussia: un ordigno improvvisato è esploso al valico di Novozybkov-Zlynka. I binari della ferrovia sono stati danneggiati, ma non ci sono state vittime.

Direzione Starobil’s’k

Unità della 71a Brigata Jaeger ucraina, rinforzate da due compagnie dell’SDF, hanno tentato di assaltare le posizioni russe vicino ai villaggi di Pervomais’ke (Pershotravneve), Orlyans’ke e Berestove. Gli attacchi ucraini sono stati respinti e sotto il fuoco dell’artiglieria, gli ucraini si sono ritirati sulle posizioni iniziali.

Sulla sezione di Liman, le Forze armate ucraine hanno tentato di prendere le alture a sud di Markiivka e di avvicinarsi nuovamente a Krasnopopivka. Due compagnie di fanteria motorizzata ucraina hanno attaccato le roccaforti delle forze armate russe, ma hanno subito il fuoco concentrato dell’artiglieria e si sono ritirate con perdite.

Un battaglione della 54a brigata delle Forze armate ucraine ha tentato un’offensiva a Bilohovka. Le unità russe hanno lanciato un contrattacco e respinsero il nemico sulle posizioni iniziali.

Il comando nemico continua a trasferire le riserve in prima linea per compensare le perdite. 20 fanteria e 2 carri armati sono arrivati nell’area di Serebryanka.

Direzione Soledar:

Nella periferia orientale di Bachmut si combatte: le forze ucraine cercano di far arretrare le unità PMC Wagner da tutte le posizioni nella zona dell’impianto di asfaltatura.

Regione di Lugansk:

Le formazioni ucraine colpiscono Starobil’s’k, Zoryns’k, Bilokurakyne, Zolote e Krasnorichens’ke.

Direzione Donetsk:

Le formazioni ucraine hanno bombardato Donetsk, Yasinivka e altri insediamenti dell’agglomerato.

Direzione Zaporizhzhya:

Non ci sono cambiamenti significativi nella situazione. Ci sono scontri di artiglieria in prima linea, con i DRG ucraini che cercano di scoprire i punti deboli della difesa russa.

Fronte meridionale: direzione Mykolaivs’ke-Beryslavs’ke Hwy

Nella mattinata del 24 ottobre, due compagnie del 3° e dell’8° reggimento separato delle SDF ucraine, a bordo di tre veicoli corazzati Husky TSV, supportati dal 17° Battaglione di Difesa Territoriale a bordo di veicoli civili convertiti, hanno tentato una battaglia di ricognizione nei pressi delle posizioni delle Forze Armate russe a Borozens’ke e Piatykhatky.

Il convoglio è stato individuato da un drone Orlan-30, dopodiché è stato attaccato dagli aerei d’attacco Su-25 dell’aviazione russa. Le posizioni avanzate delle Forze armate ucraine sono state colpite anche da obici Giatsint-B e da lanciarazzi multipli Smerch. L’attacco ucraino è stato fermato: le formazioni ucraine si sono ritirate dopo aver perso tutti i loro veicoli blindati.

Gli HIMARS e gli MLRS Olha ucraini hanno colpito Novaya Kakhovka.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here