#UKRAINERUSSIAWAR. Kiev senza acqua. Controffensiva del Donbass e russi contro ucraini a Vuhledar e Pavlivka

0

L’attacco a Sebastopoli da parte dei droni navali, secondo i russi lanciati dagli ucraini con il probabile aiuto dell’Intelligence britannica stamattina ha avuto una risposta, almeno stando alle fonti social vicine ai russi: allarme aereo su tutta l’Ucraina nuovi bombardamenti sulle infrastrutture critiche.

La centrale idroelettrica di Novodnistrovsk è in fiamme. Regione di Odessa. La sottostazione di Dnieper Hydroelectric Station (Zaporižžja) in fiamme. Alle 10 circa c’erano circa 20-25 colpi su varie strutture della struttura energetiche. Ci sono stati blackout in diverse aree. Le comunicazioni Internet e cellulari sono interrotte. In Ucraina sono stati introdotti blackout a rotazione urgenti. Parte del servizio ferroviario viene interrotto.

Oltre agli impianti idroelettrici di Dnipropetrovs’k e del Dnestr meridionale, sono stati colpiti da missili anche gli impianti idroelettrici di Kanevskaya e Kremenčuk. Diverse esplosioni a Pavlohrad, dove si trova un nodo ferroviario di importanza strategica utilizzato per rifornire il gruppo ucraina nel Donbass.

Attualmente, dopo gli ultimi bombardamenti russi, l’80% di Kiev è senza fornitura di acqua e circa il 30% senza fornitura di energia elettrica. In città si registrano anche interruzioni della rete cellulare e di Internet. La popolazione è stata avvertita che le interruzioni non programmate potrebbero essere all’ordine del giorno.

Il 28 ottobre tutta la Russia ha chiuso la mobilitazione parziale, 95.000 persone sono già state dispiegate nella zona dele operazioni: 82.000 mobilitati e 13.000 volontari. Altri 218.000 mobilitati sono ancora in fase di addestramento e amalgama nei campi di addestramento militare. La cifra di mobilitazione dichiarata di 300.000 è stata raggiunta. Al ritmo attuale di invio, nella seconda metà di novembre ci si può aspettare un significativo aumento degli effettivi delle Forze Armate russe sul fronte. Putin ha chiesto di modernizzare il sistema di mobilitazione, visti gli errori emersi durante questa appena terminata.

Si apprende da media ucraini che c’è stato un nuovo scambio di prigionieri nel fine settimana che avrebbe riportato a casa 100 militari: 50 e 50

Vladlen Tatarsky, sul suo canale Telegram fa sapere che, il 29 ottobre dopo una mattinata di preparativi di artiglieria e attacchi aerei, le truppe russe sono passate all’offensiva, raggiungendo la periferia di Pavlivka. In precedenza era stato riferito che erano riusciti a sfondare la prima linea di difesa ucraina con colpi di artiglieria.

Mentre tra il 28 e il 29 ottobre le Forze armate russe hanno lanciato un’offensiva sulle posizioni ucraine. Durante l’offensiva, le Forze Armate russe sono riuscite a mettere sotto controllo del fuoco un’ampia sezione dell’autostrada Pokrovs’k – Bachmut – Mykhailivka a nord-est di Vuhledar, attraverso la quale le unità ucraine ricevevano rifornimenti.

Attesa controffensiva ucraina per evitare accerchiamento. Il 30 ottobre nella direzione di Vuhledar, Pavlivka viene sgomberata dall’OBTF della DNR, che comprende anche le SDF dell’MGB. Le forze russe hanno conquistato un punto d’appoggio nei territori meridionali e sudorientali e stanno spingendo le forze armate ucraine fuori dall’area. I russi hanno messo in funzione i droni Lancet e Cub contro l’artiglieria e i veicoli corazzati ucraini.

Alle ore 12.00 del 31 ottobre 2022 unità e formazioni della 29ª Armata combinata, del 68° Corpo d’armata delle Forze armate russe e della Milizia popolare della RPD continuano l’offensiva in direzione di Vuhledar. Secondo gli analisti militari della social sfera che indicano come fonte i militari al fronte: «Finora è stato sgomberato circa il 60% del villaggio di Pavlivka. Secondo il corrispondente militare Evgeniy Poddubny, le forze russe sono riuscite a prendere il controllo dei valichi vicino al fiume Vedmezha – così, l’AFU controlla la fattoria statale sull’altra sponda, mentre sacche sparse di resistenza rimangono nel villaggio stesso».

Nel frattempo un decreto di Pushilin include 5 villaggi vicino ad Bachmut nel distretto di Šachtars’k della DNR. Vale la pena notare che dei 5 villaggi citati, 4 sono stati presi dell’esercito del Donbass insieme a quello russo finora: Vesela Dolyna, Ivanhrad, Zaitseve, Odradivka. Opytne è ancora sotto il controllo ucraino e si combatte.

Direzione Kreminna situazione alle 15:30 del 31 ottobre. Il quadro delle azioni delle forze armate ucraine nei pressi della città di Kreminna non è cambiato. Gli stessi bombardamenti di artiglieria e i continui attacchi alle posizioni russe lungo l’autostrada Svatove-Kreminna, durante i quali le forze armate ucraine subiscono ingenti perdite.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here