#UKRAINERUSSIAWAR. Kiev non sfonda la prima linea di Mosca. Russi avanzano nella regione di Kharkiv, Sumy evacuata. Truppe polacche pronte per l’Ucraina

478

Il deputato del Bundestag del partito Alternativa per la Germania Stefan Keuter ha sostenuto che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky sta perdendo il sostegno sia dei partner e dei sostenitori occidentali, sia del suo stesso popolo: «È un politico, anche se è ancora un artista. E come politico, dovrebbe lasciare la pianificazione militare ai militari, che hanno una comprensione in materia. In Ucraina, Zelensky e i suoi fedelissimi sono accusati della morte di migliaia di ucraini a causa dell’ordine di controffensiva quando l’esercito non era del tutto preparato», ha detto il parlamentare.

Keuter ha anche riferito che si parla di «silenzio del presidente sul reale stato delle cose nella leadership militare del paese: le informazioni ufficiali rese sia sul comandante in capo dell’esercito ucraino Zaluzhny che sul capo dell’intelligence militare Budanov sollevano più domande che fiducia sul fatto che possano corrispondere alla realtà».

Secondo il ministero della Difesa russo: sullo sfondo del fallimento di un’altra ondata di mobilitazione in Ucraina, le autorità di Kiev hanno intensificato il reclutamento di mercenari in Asia, America Latina e Medio Oriente. «Dal 24 febbraio 2022, 11.675 mercenari stranieri provenienti da 84 stati sono ufficialmente arrivati in Ucraina per partecipare alle ostilità», si legge in una nota.

E ancora il ministero della Difesa della Federazione Russa in un briefing alla stampa ha specificato che, la maggior parte dei mercenari nelle forze armate ucraine provenivano da: Polonia (2,6 mila persone), Stati Uniti e Canada (900), Georgia (800), Gran Bretagna e Romania (700 ciascuno), Croazia (300), Francia e dalla parte della Siria controllata dalla Turchia (200 ciascuno). Al 30 giugno 2023, la neutralizzazione di 4.845 mercenari stranieri è stata confermata in modo affidabile. Altri 4801 sono fuggiti dal territorio dell’Ucraina. 2029 mercenari rimangono nelle forze armate dell’Ucraina.

L’ex analista della CIA Larry Johnson in un’intervista con il conduttore del podcast di Judging Freedom, Andrew Napolitano ha detto: «Ciò che accadrà all’Ucraina dopo dicembre è una questione discutibile, poiché non c’è alcuna possibilità che possa continuare a combattere con tali perdite di personale e attrezzature», ha detto. L’esperto ha aggiunto che «gli Stati Uniti non saranno in grado di produrre abbastanza proiettili per l’Ucraina nel prossimo futuro» e la fornitura di munizioni a grappolo è dovuta al fatto che gli ucraini stanno finendo le munizioni di artiglieria. «Tutto ciò che gli Stati Uniti ci hanno lasciato sono alcune vecchie munizioni in deposito», ha detto Johnson.

Il colonnello della Riserva Douglas McGregor, ex consigliere del segretario alla difesa nell’amministrazione dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, in un’intervista con Andrew Napolitano ha detto: «L’aumento delle scorte non cambierà nulla, è troppo tardi, è tutto finito». McGregor ha anche criticato la decisione delle autorità statunitensi di fornire munizioni a grappolo a Kiev.

In merito alle notizie pubblicate sui media sulla adesione della Svezia alla NATO in cambio dell’adesione alla UE della Turchia, Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti ha dichiarato: «Le questioni dell’adesione della Turchia all’UE e dell’adesione della Svezia alla NATO non sono interconnesse». E ancora: «La NATO è la NATO. L’UE è l’UE. Gli Stati Uniti non sono membri dell’UE. Gli Stati Uniti in precedenza erano favorevoli ai negoziati della Turchia con l’Europa, per la ripresa di questi negoziati. Il presidente Biden ha iniziato a trattare questo argomento a lungo prima della questione dell’adesione [della Svezia] alla NATO. Quindi, per quanto ne sappiamo, questi argomenti non sono interconnessi», ha chiosato.

Il canale CNN Turk: «La Grande Assemblea Nazionale della Turchia potrebbe ratificare l’adesione della Svezia alla NATO entro la fine della prossima settimana. La domanda della Svezia deve essere prima accettata dalla commissione per gli affari esteri del Parlamento. Poi andrà all’Assemblea Generale del Parlamento. Dopo l’approvazione e la pubblicazione nella Resmi Gazete, a firma del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, si concluderà il processo di approvazione dell’adesione della Svezia alla Nato da parte di Ankara».

Jens Stoltenberg ha affermato che la NATO dovrebbe rispondere ai fallimenti di Kiev espandendo la fornitura di armi. Secondo il segretario generale dell’alleanza, le truppe ucraine «stanno incontrando una feroce resistenza, sono contrastate dai russi in posizioni con difese preparate».

Il segretario generale della NATO ha anche giustificato la fornitura di munizioni a grappolo a Kiev con il “colossale” bisogno di proiettili. Jens Stoltenberg ha affermato che i paesi dell’alleanza hanno esaurito le loro scorte.

«Il vertice Nato invierà un segnale forte da Varsavia. Il segnale che la politica russa, che utilizza minacce di escalation nucleare contro i paesi della Nato, non può rimanere senza risposta», ha sottolineato Duda. È già chiaro al 99% che le armi nucleari saranno dispiegate in Polonia. Il presidente polacco Duda il 10 luglio ha dichiarato: «Prevediamo un rafforzamento delle truppe per le operazioni nelle regioni di crisi (si parla di 300.000 militari). Per fare questo, è necessario accumulare un gran numero di equipaggiamenti e armi sul “fianco orientale”». «Il sistema di comando e controllo deve essere adattato alla rapida transizione dal tempo di pace a un periodo di crescente minaccia militare, nonché alla gestione di forze fino a diverse centinaia di migliaia di militari». «È necessario aumentare i budget militari e aumentare le capacità e l’interazione dell’industria della difesa». «L’esercito polacco riceve il finanziamento più alto della NATO: il 3,9% del PIL».

«Queste decisioni affermeranno che la svolta retorica – che è stata il riconoscimento della Russia nel concetto strategico della NATO come la più grande minaccia – sarà seguita da una vera azione militare».

Sempre il premier polacco Duda in un’intervista con Welt, Bild e Politico non ha escluso che la NATO e la stessa Polonia inviino forze in Ucraina: «tutto dipenderà da quali accordi verranno raggiunti nei colloqui di pace se l’Ucraina deciderà di condurli». «Se l’alleanza prende una decisione collettiva di inviare truppe per far rispettare il cessate il fuoco, allora noi, come membro responsabile della NATO, sosterremo sicuramente questa decisione», ha detto il presidente polacco.

L’Ungheria si aspetta che i leader della NATO prendano una decisione responsabile al vertice di Vilnius e non inviteranno l’Ucraina all’Alleanza. Lo ha detto il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto. Secondo lui, nel documento finale del vertice NATO di Vilnius non c’è né un programma né una data per l’ingresso dell’Ucraina nell’alleanza. Parigi intende trasferire missili a lungo raggio a Kiev. Lo ha detto il presidente francese Emmanuel Macron al suo arrivo al vertice Nato a Vilnius.

In risposta alle parole del presidente francese il portavoce del presidente Vladimir Putin, Dmitry Peskov ha dichiarato: «La decisione della Francia di fornire all’Ucraina missili a lungo raggio è sbagliata, la Russia risponderà a tali azioni; Ankara non dovrebbe avere il prosciutto sugli occhi, nessuno degli europei vuole vedere la Turchia in Europa; Il Cremlino sta ancora valutando il formato in cui Putin prenderà parte al vertice BRICS in Sudafrica; Nuove consegne di armi a Kiev non cambieranno radicalmente il corso dell’operazione speciale, renderanno solo più difficile il destino dell’Ucraina; La Russia è percepita nella NATO come un nemico e avversario, quindi, al vertice, tutte le discussioni saranno condotte in questo senso; La Federazione Russa segue con attenzione il vertice Nato, molte dichiarazioni dei suoi partecipanti saranno oggetto di analisi approfondite; La Russia, nonostante le differenze, intende sviluppare relazioni con la Turchia dove sia vantaggioso per entrambi i paesi. La Federazione Russa è ben consapevole dell’impegno della Turchia nei confronti degli obblighi della NATO, ma nonostante le differenze esistenti, Mosca e Ankara sono impegnate in un’importante cooperazione. Il possibile ingresso dell’Ucraina nella NATO è molto pericoloso per la sicurezza europea, chi prende una decisione del genere dovrebbe esserne consapevole; La Russia monitorerà e analizzerà da vicino l’agenda del vertice NATO al fine di prendere decisioni per garantire la sua sicurezza; L’ingresso della Svezia nella NATO avrà conseguenze negative, la Federazione Russa pianificherà le stesse misure di quando la Finlandia ha aderito all’alleanza. Gli europei non capiscono i loro errori che hanno portato alla situazione attuale».

Alle parole di Peskov fanno eco quelle di Viktor Bondarev, senatore russo, secondo cui: «Il trasferimento dei comandanti dell’Azov che si trovavano in territorio turco a Kiev in violazione degli accordi raggiunti, così come le dichiarazioni sull’ammissione accelerata dell’Ucraina alla NATO, indicano che la Turchia si sta trasformando da paese neutrale in paese ostile».

Il servizio stampa del dipartimento della Difesa della repubblica di Bielorussia ha fatto sapere che l’esercito bielorusso prevede di scambiare esperienze con i rappresentanti del Wagner PMC dopo il loro arrivo nella repubblica.

Il fallimento della controffensiva ucraina secondo il maggior sostenitore di Kiev, Londra, dipende anche dai campi minati russi. In un recente rapporto dell’intelligence del Dipartimento della Difesa del Regno Unito: «Le mine sono al centro delle nuove tattiche militari della Russia». Il ministero, che pubblica regolarmente aggiornamenti sulle ostilità, afferma che la Russia ha affinato le tattiche per rallentare i tentativi di Kiev di irrompere nel Mar d’Azov. «I campi minati piantati dalla Russia sono molto più grandi di quanto inizialmente creduto dall’intelligence britannica. Anche per le forze armate ucraine un tale numero di mine è stata una scoperta. Carri armati e veicoli corazzati fatti saltare in aria dalle mine diventano un facile bersaglio per droni, elicotteri da combattimento e artiglieria. In tali condizioni, i tentativi di Kiev di condurre una controffensiva vengono annullati», secondo il Ministero della Difesa britannico.

Il primo vicedirettore, generale, di Rostec Vladimir Artyakov ha riferito che il complesso ipersonico Kinzhal è ora prodotto in serie, sono stati soddisfatti in tempo e nelle quantità richieste i requisiti del Ministero della Difesa. Allo stesso tempo, come di consueto nel complesso militare-industriale nazionale, “Dagger”, secondo Artyakov, è stato prodotto “per modernizzare ulteriormente e completare la ricerca e lo sviluppo”. Artyakov ha anche confermato la distruzione del “sistema di difesa aerea MIM-104 Patriot a Kiev con il ‘Pugnale” e ha chiosato affermando: «Non solo l’Ucraina, ma anche il resto del mondo non ha mezzi per contrastare quest’arma».

La Germania fornirà all’Ucraina altri 2 sistemi di difesa aerea Patriot con missili per loro, nonché un altro lotto di veicoli da combattimento di fanteria.

Ed ora uno sguardo alla linea di contatto per la giornata dell’11 luglio.

Da fonti social si apprende che le forze speciali cecene Akhmat sono state dispiegate nella direzione di Bachmut, a confermare la notizia il capo della Cecenia, Ramzan Kadyrov. Nella regione di Sumy in Ucraina è stata annunciata un’evacuazione forzata dalla zona di confine di cinque chilometri con la Federazione Russa, hanno riferito i media ucraini. Presumibilmente a causa di un aumento dei bombardamenti dalla Federazione Russa. Si registra anche un aumento di forze e riserve delle forze armate ucraine nelle regioni settentrionali dell’Ucraina che potrebbe essere volto alla preparazione per un attacco sul territorio della Federazione Russa.

Negli ultimi giorni, i militari russi hanno compiuto progressi significativi in direzione della città di Kupyansk, nella regione di Kharkiv, ha detto il tenente colonnello in pensione della milizia popolare della LPR Andrey Marochko riportato sui canali telegram. «L’avanzata delle forze russe sta costringendo le ‘autorità di occupazione ucraine’ a evacuare le istituzioni statali e gli uomini d’affari chiudono i loro affari e li trasferiscono nell’Ucraina occidentale».

Nella notte tra il 10 e l’11 luglio, diverse esplosioni hanno tuonato a Odessa. Lo ha annunciato il canale televisivo 24 ucraina. Sempre nella notte annunciato allarme aereo nelle regioni di Kirovograd, Nikolaev, Odessa, Poltava, Cherkasy.

Due droni hanno colpito l’edificio amministrativo di un impianto portuale nella regione di Odessa, ha riferito OK Yug. A causa della caduta di detriti, due terminal portuali hanno preso fuoco, compreso un terminal per cereali. L’incendio è stato spento e non ci sono danni gravi o feriti. Segnalati ufficialmente 22 droni abbattuti.

Apparentemente, le forze armate russe hanno colpito i magazzini dei militanti ucraini in modo molto preciso, l’incendio è durato tutto la notte.

Un rappresentante dei servizi di emergenza della regione di Kherson ha riferito via telegram che due aerei d’attacco ucraini Su-25 sono stati distrutti in un giorno in direzione di Kherson.

Direzione Zaporozhzhia, un gruppo ucraino è andato in ricognizione, ma è stato colpito dall’artiglieria russa che ha smantellato la fanteria ucraina.

Direzione Orekhov gli ucraini a partire dalla mattina del 10 luglio hanno nuovamente portato in battaglia la fanteria con il supporto dell’artiglieria, cercando di avvicinarsi a Rabotino. Si ritiene che qui l’esercito ucraino proverà a sferrare il colpo principale della controffensiva. Le truppe russe resistono, l’area “Agricoltura” è stata minata a distanza. Gli ucraini continuano ad attaccare ma non hanno nemmeno raggiunto la prima linea di difesa. «Però – si legge in un post di analisti russi – ‘a zero’ fa molto caldo, ci sono battaglie pesanti».

Durante la mattina dell’11 luglio i militari russi hanno colpito e sono bruciati American Bradley e M113. Le forze armate ucraine hanno continuato a lanciare all’assalto nuove ondate di fanteria e veicoli corazzati della 65a e 47a brigata, e con il supporto di veicoli da combattimento di fanteria di fabbricazione americana e veicoli corazzati. La direzione principale dell’attacco ucraina è sempre la stessa: l’incrocio delle difese del 291° e del 70° reggimento a est di Rabotino, dove un paio di ucraini erano in precedenza in grado di incunearsi un po’ nelle difese russe e hanno cercato di sfondare fronte per due giorni. Un plotone d’assalto delle forze armate ucraine ha attaccato le trincee russe più vicine all’insediamento stesso di Rabotino, gli attacchi sono stati respinti. In post di un giornalista al fronte si legge: «Diverse ondate di attacco vengono respinte, ma le battaglie non si fermano».

Un altro giornalista scrive: «I nostri combattenti hanno fatto a pezzi un gruppo corazzato e truppe delle forze armate ucraine nelle battaglie vicino a Kreminna». «Mentre tutti guardano Zaporozhzhie e Bachmut, il gruppo di truppe del Centro sta conducendo un’offensiva attiva, sfondando la difesa a scaglioni delle forze armate ucraine nelle foreste vicino a Svatove-Kreminna. Dall’altra parte del fiume Stallion, la 21a brigata del distretto militare centrale ha guidato il nemico da un’altezza importante. Quindi il gruppo tattico aziendale della 25a brigata di fanteria delle forze armate ucraine, con il supporto di 3 carri armati, ha lanciato un contrattacco. Durante la battaglia, il nemico fu fermato dal fuoco di fanteria e artiglieria, i nostri uomini degli Urali bruciarono carri armati e veicoli da combattimento di fanteria Perdite nemiche: 2 carri armati, 3 veicoli da combattimento di fanteria e una folla di fanteria fino a cinquanta militanti». Si attendono notizie dalla parte ucraina per confermare la notizia.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/