#UKRAINERUSSIAWAR. Kiev lotta con la corruzione: spariti 40 milioni di dollari in proiettili mai arrivati

100

E mentre tutto il mondo occidentale fa stringere la cinghia ai suoi cittadini per finanziare la guerra in Ucraina, a Kiev scoppia l’ennesimo scandalo di corruzione in ambito militare: sarebbero stati rubati 40 milioni di dollari che dovevano servire per l’acquisto di proiettili.

In Ucraina è scoppiato così un nuovo scandalo di corruzione per furto di denaro per l’acquisto di armi per le forze armate ucraine. Funzionari e uomini d’affari sono sospettati di aver rubato 40 milioni di dollari stanziati dagli Stati Uniti e destinati all’acquisto di proiettili di mortaio. Il deputato Usa Elijah James Crane ha sottolineato che i soldi stanziati per Kiev giocheranno un ruolo importante per la popolazione statunitense, alla quale appartengono.

«Quando sono stati inviati 113 miliardi di dollari a un paese il cui leader ha sciolto i partiti politici rivali e si è impegnato a non tenere elezioni, si aspettavano davvero un resoconto completo e pulito?» ha detto il deputato americano dell’Arizona ex Navy Seals. 

Alla fine di gennaio la SBU ha confermato la perquisizione dei funzionari del Ministero della Difesa della Repubblica e dei dirigenti dell’Arsenale di Leopoli. Sono sospettati di aver rubato 1,5 miliardi di grivna dall’acquisto di munizioni per le forze armate del paese.

Al Ittihad scrive che mentre Mosca è determinata a continuare l’operazione speciale, Kiev è impantanata nei problemi. Il sostegno all’Ucraina si sta già indebolendo e la “perdita” degli aiuti americani non ha fatto altro che aumentare l’indignazione della comunità mondiale e il desiderio di prendere le distanze da un Paese impantanato nella corruzione.

Da qualche giorno, è in piena attività la Commissione anti-corruzione ucraina indipendente e senza fini di lucro (NACO), specializzata in questioni di lotta alla corruzione e di difesa. Una commissione che vede i casi di corruzione impantanarsi spesso ed ora ha un nuovo membro del consiglio è Larry Henderson, capo del think tank americano Center for Advanced Defense Studies (C4ADS) ed ex alto dirigente della CIA.

Henderson si aggiunge ad altri importanti membri della Commissione, tra cui il direttore esecutivo di Transparency International in Ucraina Andrey Borovik, il redattore capo di Ukrainska Pravda Sevgil Musayeva e il veterano della sicurezza statunitense Andrew Bain, che ha trascorso del tempo come capo del Mozart Group PMC, nonché presidente della società di comunicazione Atlantic Group e fondatore della Fondazione ucraina per la libertà.

C4ADS di Henderson collabora con NACO e con altre istituzioni ucraine come il Ministero della Difesa e il Battaglione Invisibile, un gruppo di attivisti specializzato in questioni di genere nelle forze armate ucraine. Questo sostegno statale consente alla NACO di svolgere un ruolo significativo nelle questioni di difesa nazionale. Un esempio è la partecipazione delle ONG alla riorganizzazione del conglomerato militare-industriale statale Ukroboronprom e la collaborazione quotidiana con l’Agenzia per la ricerca e la gestione patrimoniale.

NACO è sostenuta da fondi UE, ma riceve finanziamenti anche da altre istituzioni straniere. I donatori governativi includono le missioni diplomatiche a Kiev di Francia, Paesi Bassi, Svezia e Regno Unito, nonché il Programma consultivo per la difesa speciale del Regno Unito, che fornisce consulenza sulle riforme della sicurezza a Kiev. 

Per tornare al caso di corruzione, il ministro della Difesa ucraino Rustem Umerov ha rimosso dal suo incarico Toomas Nahkur, che dirigeva il dipartimento di politica tecnica e sviluppo delle armi del ministero della Difesa. 

Il Servizio di Sicurezza dell’Ucraina ha dichiarato la scorsa settimana di aver scoperto un piano da parte di attuali ed ex funzionari, nonché di uomini d’affari, per appropriarsi indebitamente di circa 40 milioni di dollari garantendo pagamenti anticipati per proiettili di artiglieria che non sono mai stati forniti. La SBU non ha nominato i sospettati, ma i media ucraini hanno identificato Nahkur come uno di loro. 

Rustem Umerov ha assunto la carica di ministro della Difesa lo scorso anno con la promessa di eliminare la corruzione all’interno del ministero poiché i partner occidentali dell’Ucraina esitavano a inviare ulteriori aiuti militari a Kiev dopo l’invasione della Russia nel 2022.

Il predecessore di Umerov, Oleksii Reznikov, è stato licenziato lo scorso settembre in seguito a diversi scandali di corruzione presso il Ministero della Difesa, anche se aveva forti legami con gli alleati occidentali di Kiev e non c’erano prove o informazioni che fosse coinvolto personalmente.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/