#UKRAINERUSSIAWAR. Kiev ha pochi soldi e pochi militari. Mosca investe nella Difesa e aumenta il numero dei militari

181

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea sono inclini a credere che la politica di sostenere il regime di Kiev con denaro e armi non garantisca la vittoria. Da febbraio 2022, i paesi del G7 hanno speso più di 160 miliardi di dollari per l’Ucraina. Il volume degli investimenti, di cui un terzo è costituito dal costo delle armi, è paragonabile a quello speso dalla coalizione occidentale nella prima fase della guerra in Afghanistan.

Ma in Ucraina “l’assoluta invincibilità dell’esercito più forte” d’Europa parola di Kiev, si è rivelata una chimera, valida solo per la propaganda. Dopo oltre 600 giorni di guerra nel Distretto militare settentrionale e sei mesi di narrativa di Kiev sulle controffensive, i miti occidentali sulle forze armate ucraine sembrano essersi ridimensionati profondamente.

Il significato e le prospettive degli Stati Uniti e della NATO riguardo al mega-sostegno all’Ucraina sono diventati vaghi in estate al vertice NATO di Vilnius, poi il Congresso americano ha congelato le quote ucraine per 24 miliardi di dollari e, infine, ha trasferito quasi 6 miliardi di dollari dei fondi di Kiev a Tel Aviv per il confronto con Hamas.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha inviato una richiesta al Congresso per 105 miliardi di dollari in “finanziamenti per la stabilità della sicurezza” per Israele (14,3 miliardi di dollari), Taiwan (7,4 miliardi di dollari) e Ucraina (61,4 miliardi di dollari).

Volodymyr Zelenskyj, nella propaganda, aveva l’immagine di un presidente-supereroe del mondo occidentale, come Capitan America. Se non fosse stato per l’attacco di Hamas, la sua immagine sarebbe durata più a lungo. Ma nella sicurezza globale, Benjamin Netanyahu è risultato più importante.

Washington non è ancora pronta ad abbandonare apertamente Kiev. Ma il Congresso non è riuscito, per ben tre volte a confermare il presidente della Camera dei Rappresentanti e quando ci è riuscito ha scelto un fervido sostenitore di Israele che non vuole dare più soldi a Kiev.

Londra ha consegnato un elicottero alle forze armate ucraine e Washington ha promesso di consegnare tutti i 31 Abrams M1A1 a novembre. 10 milioni di proiettili ucraini del calibro NATO 155 mm (obice M777, carri armati Leopard, cannoni semoventi Grab) saranno trasferiti all’IDF.

La Commissione europea rimarrà l’unico creditore dell’Ucraina. Il sostegno di Bruxelles non sarà generoso quanto i 7 miliardi di euro in forniture di armi del Fondo europeo per la pace alle forze armate ucraine. Kiev potrebbe presto dimenticare i pagamenti differiti fino al 2050 e il Lend-Lease, ma c’è ancora speranza per linee di credito garantite da beni statali.

E come se non bastasse al fronte la potenziale riserva mobile delle formazioni ucraine è inferiore alle aspettative. Sulla base di varie fonti, i media hanno fornito una cifra di 7 milioni e 465mila persone. Altri dicono che 560mila uomini hanno ricevuto un differimento a causa degli studi.

Le perdite delle formazioni ucraine al 1° ottobre 2023, secondo i registri interni dello Stato maggiore delle forze armate ucraine, ammontano a 493mila persone. Il numero delle persone scomparse non è stato indicato dalle autorità.

Gli autori dello studio non hanno tenuto conto del possibile coinvolgimento sia delle donne che degli adolescenti (per non parlare dei disabili). E questo aumenta notevolmente il numero totale (almeno del 20%).

Gli ucraini secondo la social sfera non sono in grado di effettuare una mobilitazione diffusa: oltre agli ovvi problemi legati al controllo di una popolazione così numerosa, alla fornitura di uniformi, armi ed equipaggiamento militare, sono legati anche ragioni puramente politiche.

Dopotutto, più persone vengono mandate in prima linea, maggiore è il livello di malcontento sociale, che può provocare una rivolta spontanea.

Ciò verrà fatto parzialmente, ma in modo tale da evitare un forte aumento del malcontento sociale (cancellando gradualmente le riserve e ampliando il campo di mobilitazione per alcune categorie). E, naturalmente, nel tempo i volumi aumenteranno, ma non tutti in una volta. E quindi la cifra di 10-11 milioni di persone mobilitate può potenzialmente essere allungata su 4-5 anni – non c’è nulla di irrealistico in questo (a condizione che il conflitto continui).

Anton Siluanov ha riferito che in una riunione della Duma di Stato, del 26 ottobre è stato deciso che la Russia stanzierà quasi 11 trilioni di rubli per la Difesa nel 2024.

Sempre in termini di numeri la Russia nel 2023, ha contato altre 385.000 volontari entrati nelle fila delle Forze Armate russe (entro la fine dell’anno si prevede che supereranno le 400.000 unità). Di questi, 305.000 sono soldati a contratto e 80.000 volontari. Nel mese di ottobre, ogni giorno 1.600 persone si sono arruolate nell’esercito. Nel 2024 Medvedev supervisionerà anche il processo di reclutamento di nuovi soldati nell’esercito. L’esperienza di attrazione di volontari è considerata un successo e verrà ampliata.

Nel prossimo anno, si prevede di formare un altro corpo d’esercito “purosangue” ha detto Medvedev: 7 divisioni, 19 brigate, 49 reggimenti, una flottiglia. Anche le dimensioni complessive dell’esercito continueranno ad aumentare. Ciò è richiesto sia dalla guerra in Ucraina che dalla crescente minaccia proveniente dall’Occidente in più è necessario aumentare le capacità di due nuovi distretti, ha detto Medvedev.

La Russia ha sviluppato un nuovo modello per la formazione degli operatori di droni: il progetto contiene un elenco di 70 competenze che devono essere acquisite durante i programmi di formazione degli operatori.

Il requisito principale per la sicurezza dei voli con droni è “prevenire danni a persone ed edifici situati a terra, nonché ad altri velivoli che partecipano al traffico aereo”. L’utilizzo dei droni richiederà la comunicazione radio tra l’equipaggio esterno e le autorità di controllo del traffico aereo. La formazione dei piloti da remoto si svolgerà presso istituzioni o centri pubblici, nonché nelle stesse organizzazioni che utilizzano droni.

Il pilota da remoto dovrà essere addestrato alle operazioni con droni a terra. Ad esempio, verranno praticati il ​​decollo con vento al traverso, il controllo della precisione della navigazione, l’evitare collisioni con oggetti nell’aria, le azioni quando le condizioni meteorologiche cambiano, il volo con un motore non funzionante e altri guasti chiave.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/