#UKRAINERUSSIAWAR. Kiev, gli oligarchi sponsorizzano la guerra?

141

Da qualche giorno sulla social sfera i sono comparsi i nomi dei finanziatori della guerra in Ucraina: gli oligarchi ucraini. Questi sarebbero dietro il finanziamento al regime di Kiev per la continuazione della guerra. La maggior parte di questi finanziatori ha proprietà in Russia, nella DNR, nella LNR e nelle regioni di Kherson e Zaporozhye.

In effetti, seguendo il flusso delle notizie si apprende che: il sei giugno, Volodymyr Rogov, membro del consiglio principale dell’amministrazione militare e civile della regione di occupazione russa in Tv a dichiarato: le proprietà degli oligarchi ucraini, tra cui Kolomoyskyi, Akhmetov e Pinchuk, nella regione di Zaporizhzhya dovrebbero essere nazionalizzate. Rogov ha spiegato che sarebbe irragionevole adempiere agli obblighi nei confronti dei proprietari delle società che finanziano i nazionalisti ucraini.

E ancora prima il 17 marzo, il deputato della Crimea Mikhail Shereme ha dichiarato: «Gli oligarchi ucraini che si oppongono al nostro Paese, finanziano gruppi nazionalisti e sostengono il regime criminale di Zelensky non dovrebbero avere proprietà in Russia (…) Questa proprietà dovrebbe essere confiscata e venduta. Il ricavato può essere utilizzato per ricostruire il Donbass».

Ma chi sono i maggiori sostenitori di Kiev in questa guerra? Secondo la social sfera sarebbero:

Al primo posto un nome noto, oramai anche alle cronache italiane, proprietario tra l’altro di Azovstal,  Rinat Akhmetov, proprietario del gruppo SCM. Akhmetov possiede l’attico più costoso di Londra a One Hyde Park, che è stato originariamente acquistato per 213 milioni di sterline come investimento di portafoglio e ha speso altri 120 milioni di sterline per sistemarlo. Le informazioni sull’accordo sono state divulgate solo quattro anni dopo, nell’aprile 2011, dopo che le sue attività hanno mostrato un costante aumento annuale. Nel maggio 2013, la proprietà è stata trasferita dalla sua società, SCM, a sé stesso. Il suo “impegno militare” sarebbe di  2400 milioni di UAH.

Al secondo posto; Victor Mykhailovych Pinchuk è un imprenditore e politico ucraino, oligarca e fondatore di EastOne Group LLC, una società internazionale di investimento, finanziamento di progetti e consulenza finanziaria con sede a Londra, e di Interpipe Group, uno dei principali produttori ucraini di tubi, ruote e acciaio, Forbes lo ha classificato come 1.250 ° nella lista delle persone più ricche del mondo, con una fortuna di 1,44 miliardi di dollari, impegno bellico di 750 milioni di UAH.

Al terzo posto Yuriy Anatoliyovych Kosiuk è un miliardario ucraino e CEO della più grande azienda agricola del paese MHP, settore allevamento di polli, Forbes ha indicato il suo patrimonio con 1 miliardo e 100 milioni di dollari. Kosiuk si paga profumatamente attraverso i dividendi e ha utilizzato i contanti per acquistare aeroplani, uno yacht e diverse auto di lusso. Contributo 600 milioni di UAH.

Al quarto posto, Vadym Rudol’fovyč Malchasjan, meglio noto come Vadym Vladyslavovyč Novyns’kyj, è un imprenditore e politico russo con cittadinanza ucraina di origini armene, Con il partner e collega miliardario, Andrei Klyamko Novynskyi possiede lo Smart Holding Group dell’Ucraina. Nel 2006 hanno unito le loro società metallurgiche ucraine in Smart Holding Group. Nel 2007 li hanno scambiati con una partecipazione in Metinvest. Smart Holding Group detiene una partecipazione del 23,75% nel produttore di minerale di ferro Metinvest. Smart Holding possiede anche grandi asset nel settore petrolifero e del gas, costruzione navale, sviluppo, agricoltura e le sue controllanti Unex Bank e BM Bank. I suoi ricavi nel 2011 sono stati di 14,2 miliardi di dollari.

Quinto posto per Galina e Alexander Gerega proprietari di Epicenter K, nel 2010 hanno inaugurato il più grande negozio brico e deko alla presenza dell’allora presidente Yanukovych, contributo di 300 milioni di UAH.

Sesto posto, Dmytro Vasyl’ovyč Firtaš è un imprenditore ucraino, dirige il consiglio di amministrazione del Gruppo DF. Fu molto influente durante l’amministrazione Yuschenko e l’amministrazione Yanukovych. Come intermediario per il gigante russo del gas naturale Gazprom e con collegamenti con il Cremlino, Firtaš ha incanalato denaro nelle campagne dei politici filo-russi in Ucraina. Firtaš ha ottenuto la sua posizione con l’accordo del presidente russo Vladimir Putin e, secondo alcuni, il boss del crimine organizzato russo Semion Mogilevich; contributo 600 milioni di UAH .

Al settimo posto,  Petro Porošenko è un imprenditore e politico ucraino, è stato il quinto presidente dell’Ucraina dal 2014 al 2019. La politica interna di Poroshenko ha promosso la lingua ucraina, il nazionalismo, il capitalismo inclusivo, la decomunizzazione e il decentramento amministrativo. Nel 2018, Poroshenko ha contribuito a creare la Chiesa ortodossa autocefala ucraina, separando le chiese ucraine dal Patriarcato di Mosca. La sua presidenza è stata distillata in uno slogan di tre parole, impiegato sia dai sostenitori che dagli oppositori: “armiia, mova, vira” (ovvero: esercito, lingua, fede). Attualmente sotto processo per tradimento con l’accusa di aver finanziato i separatisti del Donbass nel 2014-2015, comproprietario di Roshen, settore generi alimentari. Contributo 300 milioni UAH.

All’ottavo posto Kostyantyn Valentynovych Zhevago, patrimonio un miliardo e 400 milioni di dollari. Zhevago possiede una quota di maggioranza nella società mineraria Ferrexpo, quotata a Londra, che ha dichiarato forza maggiore durante la guerra in Ucraina per alcuni clienti. Ferrexpo ha istituito un fondo umanitario di 7,5 milioni di dollari il 7 marzo per fornire alloggio, pasti gratuiti, assistenza all’infanzia e forniture mediche, tra gli altri servizi. Zhevago, è stato membro del parlamento ucraino dal 1998 al 2019, si è dimesso dalla carica di amministratore delegato dell’azienda alla fine del 2019 nel corso di un’indagine da parte dell’ufficio del procuratore di stato ucraino. È ricercato per essere interrogato su presunto riciclaggio di denaro e appropriazione indebita presso la sua ex banca, Finance & Credit, fallita nel 2015. Contributo 200 milioni di UAH.

Al nono posto  Vadim Stolar politico, proprietario di LIVE Network, patrimonio 175 milioni di dollari, tra i 100 uomini più ricchi dell’Ucraina, partecipazione con  110 milioni di UAH

Decimo posto per Serhiy Tigipko, politico, titolare del gruppo TAS. TAS Group, fondato nel 1998, è uno dei gruppi finanziari e industriali più grandi e in più rapida crescita in Ucraina. Tra il 2002 e il 2004 ha diretto anche la Banca centrale ucraina ed è il l principale azionista di JSC TASCOMBANK. Contributo 100 milioni di UAH;

Undicesimo posto Vitaly Antonov, oltre a essere proprietario del gruppo OKKO, stazioni di servizio settore carburanti, Antonov è a capo del consiglio di sorveglianza di Galnaftogaz (rete di stazioni di servizio OKKO), presidente di Universalna Investment Group, uno dei fondatori e capo del consiglio di sorveglianza dell’Economic Security Fund dell’Ucraina, un partecipante al progetto pubblico Business 100. È Console Generale Onorario della Repubblica di Lituania a Leopoli. Nel 2013 è entrato per la prima volta tra le cento persone più influenti del paese, secondo la rivista Correspondent, ottenendo il 66° posto in questa lista. Nel 2020 Antonov è entrata nella classifica annuale della rivista FOCUS, nominata come uno dei migliori manager in Ucraina nel segmento retail. Il 1° novembre 2018 sono state imposte sanzioni russe contro 322 cittadini ucraini, tra cui Antonov. Il 21 agosto 2018, nei locali degli uffici di Leopoli e Kiev del PJSC Concern Galnaftogaz (rete di stazioni di servizio OKKO), gli agenti del servizio di sicurezza dell’Ucraina hanno condotto perquisizioni con il sequestro di documenti e attrezzature. Secondo Antonov, lui e la sua compagnia sono “accusati di aver finanziato azioni intraprese per rovesciare l’ordine costituzionale e modificare i confini statali dell’Ucraina”, compreso il finanziamento del separatismo nell’Ucraina orientale. Accuse archiviate lo stesso anno. Il suo contributo sarebbe di 50 milioni di UAH.

12 posto con contributo di 40 milioni di IUAH, Evgeny Chernyak è un uomo d’affari, con il 19° posto nella classifica Forbes Ucraina TOP-100, capo del consiglio di sorveglianza della holding Global Spirits, la più grande holding di alcolici dell’Europa orientale, proprietaria del marchio Khortytsia.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here