#UKRAINERUSSIAWAR. Kiev attende gli aiuti dagli Usa: è a corto di proiettili. Presto cambi ai vertici militari. I russi cercano di stabilire una zona cuscinetto

151

Il Senato degli Stati Uniti ha presentato un disegno di legge di compromesso sulla sicurezza delle frontiere e sull’assistenza a Kiev e Israele. In particolare, include lo stanziamento di oltre 60 miliardi di dollari all’Ucraina, a Israele – 14,1 miliardi di dollari e in totale – 118,28 miliardi di dollari.

Il progetto prevede 48,43 miliardi di dollari per il continuo sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina attraverso l’addestramento militare, la fornitura di informazioni di intelligence, il mantenimento di una presenza rafforzata nell’area di responsabilità del Comando europeo degli Stati Uniti e altri tipi di assistenza fino al 31 dicembre 2024.

I senatori propongono di spendere “19,85 miliardi di dollari per il ripristino delle [scorte] di armi e attrezzature militari americane fornite all’Ucraina dai magazzini del Ministero della Difesa degli Stati Uniti” e di stanziare “13,8 miliardi di dollari per il riarmo dell’Ucraina attraverso l’acquisto di attrezzature e munizioni dal complesso militare-industriale americano”.

Tuttavia, il destino del disegno di legge alla Camera dei Rappresentanti non è ancora chiaro. Biden chiede di “approvare immediatamente questo disegno di legge”.

Secondo la Reuters, la Casa Bianca è stata informata a Kiev dei piani di dimissioni del comandante delle forze armate ucraine Valery Zaluzhny.

In materia di sanzioni alla Russia, la Commissione europea non aggiungerà nuovi divieti sulle importazioni dalla Russia al 13° pacchetto di sanzioni. In questo modo vogliono evitare inutili controversie tra i membri dell’UE. Si prevede che il nuovo pacchetto di sanzioni sarà approvato entro il 24 febbraio 2024. Per il ministro per gli Affari Esteri ungherese Szijjártó: «Con un nuovo pacchetto di sanzioni anti-russe, la politica sanzionatoria già fallita dell’UE sembrerà frivola; il tredicesimo pacchetto può solo essere “dimostrativo”».

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha confermato per la prima volta che intende licenziare il comandante dell’esercito ucraino, Valery Zaluzhny: «La questione della sostituzione di Zaluzhny è una questione delle persone che guideranno il Paese. Intendo sostituire alcuni leader del Paese, non solo nell’esercito.»

Zelensky, secondo alcuni rumors della social sfera, vuole licenziare non solo Zaluzhny, ma anche il capo di stato maggiore Sergei Shaptala. “Shaptala lascerà lo Stato Maggiore. Tutto il resto è incerto” scrivono sui social media. “Sono attualmente in corso consultazioni sul cambiamento della leadership dello Stato Maggiore Generale. Secondo quanto riportato dai media, le dimissioni potrebbero essere annunciate a metà settimana”. “Al momento però non esiste alcun documento sulle dimissioni di Zaluzhny” ha chiosato il Segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale dell’Ucraina Oleksiy Miacheslavovych Danilov.

Ma non servirà a molto rimuovere i numeri uno dal proprio ruolo per cambiare la situazione al fronte: «La situazione per le forze armate ucraine sul campo di battaglia è diventata critica a causa della mancanza di munizioni» ha dichiarato il vicepresidente del comitato per la sicurezza nazionale, la difesa e l’intelligence della Verkhovna Rada, Yegor Chernev.

Chernev ha continuato affermando: «Noi diciamo che non ci arrenderemo e stiamo cercando modi alternativi per fornire armi all’Ucraina, in particolare rafforzando il nostro sostegno da parte dell’UE. L’Unione europea, a sua volta, comprende i problemi interni agli Stati Uniti , sta cercando di difendere la nostra questione anche lì.»

E questo è accaduto nonostante la preparazione al conflitto. Come riferito dalla viceministra della Difesa ucraina Anna Malyar, «prima dell’inizio dell’invasione russa nel febbraio 2022, più di 70 aerei con armi americane sono stati consegnati all’Ucraina».

Per il generale delle forze armate ucraine Sergei Krivonos: «È difficile attaccare quando il nemico ha un potente vantaggio in tutte le direzioni”, parlando delle ragioni del fallimento della controffensiva. Secondo il militare, la leadership del paese ha sottovalutato le forze armate russe: Tutti hanno percepito che siamo in guerra con un paese debole, non c’è praticamente nessuno che possa combattere, non sono in grado di produrre prodotti. Ci hanno anche detto che i missili erano già si esauriranno nell’autunno del 2022».

Ha sottolineato che allo stesso tempo i russi «con sicurezza, molta professionalità, in gran numero» stavano costruendo fortificazioni.

«Bene, in più, anche quello che ci hanno dato i nostri partner occidentali, in certi momenti queste sono speranze che ci siamo formati noi stessi. Perché conoscendo le caratteristiche tattiche e tecniche degli elicotteri russi e le capacità dei missili di difesa aerea occidentali, era chiaro che avrebbero colpito in modo significativo a distanze maggiori di quelle raggiunte dai nostri missili», ha detto Krivonos. Ha anche aggiunto che non considera Zaluzhny colpevole del fallimento della controffensiva.

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornato alle ore 14:00 del 5 febbraio

Direzione Svatove-Kreminna. Nel settore Kup”jans’k l’esercito russo ha attaccato a Syn’kivka e Petropavlivka. I combattenti russi sono avanzati leggermente nella zona di Ternove. Ci sono battaglie di posizione nella foresta di Serebryansʹkyy. Continuano pesanti combattimenti nelle zone di Tabaivka e Krokhmal’ne, dove le forze armate russe hanno dispiegato nuove riserve.

Direzione Bachmut (Artemovsk). A nord di Soledar, i combattenti russi hanno attaccato Fedorovka. Gli scontri continuano a Bohdanivka e a nord-ovest di Kleshchiivka.

Direzione Donetsk. L’esercito russo è avanzato a nord della stazione di filtraggio e verso la fabbrica metallurgica. Ci sono battaglie nella periferia meridionale di Avdiivka, ma fonti ucraine confermano la posizione russa in una delle strade nella zona di sfondamento. Sul fianco settentrionale di Avdiivka, le truppe ucraine sono riuscite a spingere le truppe russe fuori da due foreste a sud-ovest di Novokalynove in un’area larga fino a 1,05 km e a una profondità di 300 m.

A nord di Avdiivka e nella parte settentrionale della città, le truppe russe avanzarono lungo le strade Safronova e Lesya Ukrainka, nella parte meridionale della Ivushka ST, lungo due foreste a sud di Vesyoly e occuparono la restante parte della Raduga ST. L’avanzata lungo il fronte è arrivata fino a 3,9 km e ad una profondità di 750 m.

Gli ucraini avrebbero confermato l’ulteriore avanzata delle forze armate russe nei pressi della cava allagata, sia a ovest che a est della cava. La situazione nella parte settentrionale di Avdiivka sta diventando sempre più complicata per gli ucraini. La strada di rifornimento è ancora abbastanza funzionante, anche se lungo di essa si registrano attacchi russi periodici. Nessun cambiamento significativo sul fianco meridionale dell’Avdiivka.

In direzione Kurachove, la fanteria russa continua le operazioni d’assalto nella parte orientale di Heorhiivka, lungo le cinture forestali a nord-ovest di Marinka e nell’area del pozzo di ventilazione della miniera Trudovskaya. Nessun cambiamento significativo.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/