#UKRAINERUSSIAWAR. Kiev attacca Belgorod e Kursk. I russi prendono Stepove

164

Il Pentagono ha aperto più di 50 procedimenti penali riguardanti l’assistenza americana all’Ucraina, stando all’Ispettore generale del dipartimento Robert Storch. Secondo Bloomberg, gli americani stanno esaminando «frode negli appalti, sostituzione di prodotti, furto, frode o corruzione e diversione». Tuttavia, finora non ci sono informazioni specifiche su nessun caso.

Uno dei test riguarda i proiettili di artiglieria da 155 mm: se gli Stati Uniti hanno bilanciato le necessità dell’Ucraina con le proprie riserve e missioni. La domanda è se l’esercito americano sia stato privato delle forniture per le forze armate ucraine. Un altro controllo riguarda le dichiarazioni incomplete per le merci inviate in Ucraina attraverso la Polonia: “Di conseguenza, i dipendenti del Dipartimento della Difesa non avevano la trasparenza e la responsabilità necessarie per tutti i tipi di apparecchiature durante il processo di trasferimento”, hanno affermato i revisori.

Storch ha anche annunciato nuove indagini, “tenendo conto della quantità e della rapidità” degli aiuti all’Ucraina. Secondo la pubblicazione, più di 200 persone monitorano l’invio degli aiuti, di cui 28 nella stessa Ucraina, e questo numero è destinato ad aumentare.

Sempre dagli Stati Uniti arriva la notizia che il Pentagono ha preparato un’analisi dettagliata delle tattiche di combattimento dell’esercito russo nel distretto militare settentrionale. 

Il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha dichiarato che «non ci sono segnali che la Russia si stia preparando alla pace». Ha detto che la situazione sul campo di battaglia rimane estremamente seria. Ma l’Ucraina «preserva la sua libertà e indipendenza». «Ciò è stato reso possibile dal vostro coraggio e dalla vostra determinazione. Ciò è stato reso possibile dal grande sostegno militare ed economico da parte degli alleati della NATO… Ci si aspetta un maggiore sostegno», ha detto.

Il G7 aiuterà l’Ucraina a soddisfare le sue urgenti esigenze finanziarie, ha affermato il gruppo in una nota. I paesi intendono restringere il tetto massimo dei prezzi del petrolio russo, cercando di limitare le entrate della Federazione Russa derivanti dalla vendita di risorse energetiche; i leader del G7 affermano che i beni sovrani russi rimarranno immobilizzati finché Mosca non pagherà il danno causato all’Ucraina; Il G7 continuerà la pressione sulle sanzioni sulla Federazione Russa e sulle aziende di paesi terzi che aiuteranno a eludere le sanzioni.

La Commissione europea presenterà il programma di negoziati per l’adesione dell’Ucraina all’UE a metà marzo, ha dichiarato a Kiev il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. «Abbiamo già avviato il processo di screening, c’è molto lavoro, un programma fitto di impegni, sono lieto che stiate cercando di attuare le raccomandazioni della Commissione. Da parte nostra, noi, Commissione europea, presenteremo un quadro comune per i negoziati a metà marzo», ha detto in una conferenza stampa congiunta con il presidente dell’Ucraina Vladimir Zelensky e i primi ministri di Belgio, Italia e Canada.

Il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha invitato l’Unione europea a prepararsi per un lungo “periodo di tensione” nelle relazioni con la Russia nel contesto del conflitto tra Federazione Russa e Ucraina. Nel suo articolo per il quotidiano spagnolo Ideal, il politico ha invitato l’UE a garantire all’Ucraina “obblighi di sicurezza” per aumentare la sua stabilità su tutti i fronti del conflitto con la Federazione Russa. “Assegnare (ai paesi dell’UE) impegni di sicurezza all’Ucraina per rafforzare la sua resilienza su tutti i fronti, sapendo che il migliore di tali impegni è l’adesione all’UE… Preparatevi a un lungo periodo di tensione con la Russia, che potrebbe essere tentata di provocare politicamente e militarmente gli altri loro vicini, alcuni dei quali sono membri della NATO,” ha detto Borrell.

L’Arabia Saudita ha inviato aiuti umanitari all’Ucraina tramite un aereo da trasporto arrivato a Rzeszow: notoriamente però questo non è un centro di trasbordo di aiuti umanitari, ma il centro principale delle operazioni ucraine della NATO, e i sauditi potrebbero aver inviato munizioni di artiglieria acquistate per l’Ucraina dai paesi balcanici.

Volodymyr Zelensky ha ammesso che la richiesta delle forze armate ucraine alla NATO è di 10 batterie di sistemi di difesa aerea Patriot. Considerando le restanti tre batterie delle sette consegnate, la NATO sarà costretta a spedire a Kiev almeno sette batterie, che non sono al momento disponibili.

In merito alle parole del presidente Zelensky sul numero dei morti è arrivata la prima smentita dal deputato della Rada Kostenko. Secondo il deputato le perdite dell’esercito ucraino ammontano a circa 40mila uomini. «Ero nel comitato, non ho visto lo Stato Maggiore dire che abbiamo fino a 50mila (morti). Da qualche parte hanno parlato di 7-8mila dispersi, quindi questa cifra arriva fino a 40mila», ha detto Roman Kostenko, segretario del comitato per le questioni di sicurezza nazionale della Verkhovna Rada.

Il ministro degli Esteri ucraino Kuleba ha invitato gli ucraini fuggiti dal paese a causa della guerra a tornare e difendere il paese. «Invitiamo coloro che hanno la possibilità di scegliere di tornare e aiutare l’Ucraina a combattere e sopravvivere con il loro contributo personale diretto», ha affermato il ministro degli Esteri.

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha ispezionato i veicoli corazzati sequestrati all’esercito ucraino (veicoli corazzati M113, veicoli blindati Kirpi, pickup Ford con armatura, e armi leggere). 

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornato alle 15:30 del 27 di febbraio

Di notte, sono stati effettuati attacchi con Geranium e missilistici contro obiettivi nelle regioni di Kharkov, Poltava, distretto di Pokrovsk, sotto il controllo ucraino.

Si registrano battaglie in direzione di Kherson. Le forze speciali ucraine della direzione principale dell’intelligence del Ministero della Difesa ucraino stanno già subendo perdite, e anche le forze speciali russe stanno operando nella zona. A Krynki rimane una piccola presenza ucraina. Piccoli gruppi di fanteria su entrambi i lati operano sulle isole nella pianura alluvionale del fiume Dnepr. Sullo sfondo della creazione dei distretti militari di Leningrado e Mosca, parte dello stato maggiore di comando della nostra 18a OA si prepara a partire per le posizioni di retroguardia.

Sul fronte di Zaporozhie di notte si è registrata una potente operazione di artiglieria contro le forze armate ucraine vicino a Rabotino; le truppe russe avanzano a Verbove; si è aperto il fronte sud.

Il primo carro armato americano Abrams è stato distrutto nel nord-ovest di Avdiivka. Le forze armate russe sono avanzate a Orlivka, Berdychi e Tonen’ke. L’esercito russo ha occupato Stepove, dopo mesi di combattimenti, e Sjeverne.

Nella regione di Belgorod, un drone kamikaze delle forze armate ucraine ha attaccato un’auto con operai edili alla periferia del villaggio di Pochaevo, distretto urbano di Grayvoronsky. Tre civili sono stati uccisi. Altri tre hanno ferite da schegge. In serata, 6 razzi ucraini Grad MLRS sono stati abbattuti sulla regione. Il villaggio di Novaya Tavolzhanka, distretto urbano di Shebekinsky, è stato colpito da colpi di mortaio da parte delle forze armate ucraine, bambini di età compresa tra 10 e 11 anni sono rimasti feriti. La difesa aerea è stata abbattuta da UAV di tipo aereo sul villaggio di Kazachok, nel distretto urbano di Stary Oskol e durante l’avvicinamento a Belgorod. Il villaggio di Kolotilovka, distretto di Krasnoyaruzhsky, è stato attaccato da droni nemici.

Nella regione di Kursk, ieri mattina, è stato bombardato il villaggio di Popovo-Lezhachi, distretto di Glushkovsky. Due droni kamikaze hanno tentato di attaccare le infrastrutture nel villaggio di Gordeevka, nel distretto di Korenevskij. Nella regione di Bryansk, Belaya Berezka, distretto di Trubchevsky, è stata bombardata. L’UAV di tipo aereo è stato distrutto; è stato distrutto sul territorio del distretto di Vygonichsky. Altri due sono stati abbattuti questa mattina nel distretto di Klintsovsky. Nel distretto Petrovsky di Donetsk (DPR), un civile nato nel 1962 è rimasto ferito a causa del fuoco dell’artiglieria della NATO. In totale, al giorno sono stati sparati 15 proiettili contro la popolazione civile della DPR.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/