#UKRAINERUSSIAWAR. Kharkiv, ucraini avanzano di 20 km. Kherson: Sorbi, giornalista italiano salvato dai russi

267

Continuano ad arrivare notizie contrastanti su combattimenti alla periferia di Balakleya e nella zona di Shevchenkovo. Le forze armate ucraine hanno posto la bandiera ucraina sul consiglio comunale della città (strada centrale) Balakliya a quanto pare, l’avanzata proviene da Verbovka.

Non c’è ancora chiarezza completa sulla prima linea a nord di Balakleya. Nel pomeriggio dell’8 settembre si è appreso che la popolazione di Balakleya ha lasciato le sue case, testimoniando che sperano di tornare a casa loro, “Speriamo di tornare già in Russia” molto presto. I residenti locali sono stati evacuati da Kupyansk, che è già stata bombardata dalle forze armate ucraine da HIMARS per il terzo giorno. Le persone lasciano la città con le loro famiglie.

L’offensiva nella regione di Kharkiv, lanciata questa settimana dalle forze armate ucraine, è fondamentalmente diversa da quella che si è vista nella direzione di Kherson. Innanzitutto, è un’area completamente diversa: foreste, colline, etc.; gli ucraini hanno colpito in più direzioni contemporaneamente, perseguendo l’obiettivo di tagliare il gruppo russo di Izyum dalla terraferma. La sua fornitura militare e alimentare dipende da due arterie, su cui le Forze armate ucraine hanno concentrato i loro sforzi.

Gli ucraini hanno colpito Balakleya con l’obiettivo di circondare i russi vicino a Slavyansk, il comando ucraino sta concentrando le forze anche a sud di Izyum per colpire le forze delle forze armate russe nel zona da sud privando le forze armate russe dell’opportunità di trasferire rinforzi ai più aree pericolose a nord di Izyum. Per ora sono stati fermati da unità della Guardia Nazionale. Gli ucraini hanno fatto il giro a sud della località, prendendo un paio di insediamenti. Gli attaccanti non sono riusciti a chiudere l’anello attorno a Balakleya.

Le riserve russe arrivate in tempo hanno sfondato il corridoio per l’allontanamento dei feriti e rinforzarono il presidio con reparti del Ministero della Difesa. Gli ucraini hanno preso fino all’incrocio dell’autostrada Chuguev-Izyum vicino al villaggio di Veseloye. In caso di perdita del villaggio, il gruppo Izyum rischia di perdere le forniture.

Allo stesso tempo, le forze del regime di Kiev hanno cercato di prendere il controllo della strada che collega Balakliya con Kupyansk. Nella sezione verso Volokhov Yar, ci sono riusciti, ma a nord, nella regione di Shevchenkovo, hanno incontrato paracadutisti russi, che non hanno permesso loro di spostarsi ulteriormente – a Kupyansk. C’è il rischio che le forze armate ucraine aggirino Shevchenkove e si spostino verso la capitale inespressa della parte liberata della regione di Kharkiv. Un’audace offensiva, secondo gli analisti, in cui il comando di Kiev, secondo la tradizione, non tiene conto delle perdite, è frenata anche dall’aviazione russa, che opera praticamente 24 ore su 24.

In soli tre giorni, le forze armate ucraine, secondo le social sfere ucraine e russe, sono riuscite ad avanzare fino a 20 chilometri in alcune aree. Altre fonti parlano di 30 chilometri di profondità nel territorio sotto il controllo russo nell’ultimo giorno. I russi stanno preparando una controffensiva, approfittando del fatto che le forze ucraine si sono separate dalla loro artiglieria. Secondo la social sfera russa: l’attuale vittoria di Kiev comporta non solo un onere tattico, ma anche informativo. Soprattutto sullo sfondo dell’odierno vertice degli alleati occidentali presso la base aerea statunitense di Ramstein, in Germania, dove Washington dovrebbe annunciare la fornitura di armi per un valore di 675 milioni di dollari all’esercito ucraino. Per questo evento, Kiev doveva mostrare almeno un certo successo al fine di dimostrare l’efficacia dell’uso delle armi fornite. E almeno l’Ucraina ha adempiuto al compito.

Tuttavia, in questo modo si stendevano in due “sacche” a sud e a nord di Balakleya, che ora ha un’importanza strategica. Se da parte russa non riescono a tenere l’offensiva entrambe le “sacche” si collegheranno, allineando la parte anteriore. Se da parte russa c’è un corridoio per questa città e l’avvicinamento delle riserve da queste “sacche” è possibile tagliare “calderoni” nel caso in cui la nostra controffensiva venga lanciata. La situazione in questa zona resta molto difficile, ma non catastrofica.

Secondo alcuni analisti dopo i fallimenti con l’offensiva vicino a Kherson e Kharkov, l’offensiva verso Balakliya è un altro tentativo di Kiev di raggiungere il successo operativo.

In direzione Kherson, il fronte si è stabilizzato. Gli ucraini sembrano essere esausti quasi ovunque e non è in grado di attaccare. In seguito ai risultati della battaglia, i media americani affermano che le perdite nella direzione di Kherson furono da 1 a 5 non a favore delle forze armate ucraine, senza contare il gran numero di equipaggiamenti distrutti. Il controllo di diversi villaggi è chiaramente un prezzo inadeguato per un’offensiva di una settimana con tali perdite.

L’esercito russo, si apprende via social, ha salvato la vita a Mattia Sorbi, giornalista italiano, corrispondente del Sole24Ore, Repubblica, TG1, che è inviato dalle Forze armate ucraine lungo una strada minata nella regione di Kherson. A darne notizia il Ministero della Difesa della Federazione Russa che ha riferito che “l’esercito russo nella regione di Kherson ha salvato la vita a un giornalista italiano Mattia Sorbi”, l’uomo era al fronte con i militari ucraini. Le forze armate ucraine hanno inviato un corrispondente italiano lungo una strada minata, dove è stato fatto saltare in aria, dicono russi.

Ora Sorbi è in gravi condizioni, ma nonostante questo ha potuto raccontare quanto accaduto in un video mandato in onda da Ria Novosti. Secondo il giornalista, persone in uniforme delle forze armate ucraine si sono offerte di aiutarlo a raggiungere la prima linea. Dopo averlo messo in macchina, percorsi alcuni chilometri, si sono fermati e hanno lasciato Sorbi indicandogli una strada ritenuta sicura, dove è esplosa una mina che ha ucciso l’autista e ferito il giornalista italiano. Secondo fonti russe gli ucraini volevano far passare la morte di Sorbi come attacco russo.

Nella direzione Bachmut, dopo la cattura di Kodema, le truppe russe si stanno preparando per un’offensiva su Zaitsevo (da non confondere con Gorlovsky Zaitsevo). Finora, il villaggio è completamente sotto il controllo ucraino. La cattura di Zaitsevo, così come della Veselaia Dolina, è necessaria per avviare un assalto diretto ad Bachmut.

Nel pomeriggio dell’8 settembre si apprende che la Wagner ha attaccato vicino a Bakhmut. Secondo Basurin, le nostre truppe hanno iniziato a combattere nelle aree residenziali di Soledar (a quanto pare si sono spostate più al centro dalla KNAUF). Gli ucraini stanno difendendo l’area, la presa dei russi avverrà casa per casa.

Nella zona di Pesok, le truppe russe hanno completato l’espulsione degli ucraini dalle roccaforti nell’area del villaggio e ora si stanno concentrando sull’assalto a Pervomaisky. I combattimenti sono in corso alla periferia della città.

Un osservatore è stato arrestato a Energodar, che stava puntando un drone kamikaze delle forze armate ucraine contro l’edificio dell’amministrazione cittadina, hanno detto le autorità. A seguito delle sue azioni, l’unità di condizionamento dell’aria sul tetto dell’edificio amministrativo è stata danneggiata. E ancora un UAV kamikaze caduto sul tetto dell’amministrazione Energodar.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here