#UKRAINERUSSIAWAR. Kharkiv al buio due volte in un giorno

137

I primi dati dal fronte, ufficiali, sono arrivati dal ministero della Difesa della Federazione Russa alle 12:00 del 12 settembre: l’aviazione, le forze missilistiche e l’artiglieria russe continuano a colpire le unità e le riserve ucraine Nella regione di Kharkiv.

La formazione Kraken, la 113ª Brigata di difesa territoriale e la 93ª Brigata meccanizzata sono state colpite nelle aree degli insediamenti di Kupiansk e Izyum. Gli ucraini hanno subito perdite fino a 250 militari e più di 20 pezzi di equipaggiamento militare. Le unità della 63ª Brigata meccanizzata e della 46ª Brigata aeromobile sono state colpite da missili dell’aviazione russa nelle aree degli insediamenti di Kostromka e Belogorka della regione di Kherson, in direzione Nikolayev-Krivoy Rog.

Un deposito di munizioni con 45 tonnellate di munizioni immagazzinate dalle forze armate ucraine è stato distrutto vicino all’insediamento di VOHNESENSK, nella regione di Nykolayiv. Nelle ultime 24 ore, il regime di Kiev ha perso oltre 300 militari ucraini uccisi e fino a 1.000 feriti nelle operazioni di combattimento in quest’area.

Nei pressi del villaggio di Roghi, nella regione di Cherkasy, l’aviazione russa ha effettuato un attacco di alta precisione contro un punto di schieramento temporaneo di un’unità della brigata di fanteria motorizzata delle forze armate ucraine della riserva operativa. Sono stati distrutti più di 30 nazionalisti e oltre 10 unità di attrezzature e veicoli militari speciali.

Il Ministero ha riferito che continuano gli attacchi aerei, missilistici e di artiglieria dell’esercito contro obiettivi militari in Ucraina. Nel corso della giornata sono stati colpiti quattro posti di comando dell’AFU nelle aree di Slavyansk, Bachmut e Konstanovka della Repubblica Popolare di Donetsk e Olgovskaya della regione di Zaporozhye, oltre a 36 unità di artiglieria, manodopera e attrezzature militari ucraine in 125 aree.

A seguito degli attacchi sono stati distrutti tre depositi di armi e munizioni missilistiche e di artiglieria nelle aree di Novomokhailovka nella Repubblica Popolare di Donetsk, Kalinovska nella regione di Dnipropetrovsk e Poltavka nella regione di Zaporizhzhya.

Inoltre, sono state demolite una stazione di guerra radio-elettronica vicino al villaggio di Zaliznichne, nella regione di Zaporizhzhia, e un’officina per la riparazione e il restauro di lanciarazzi multipli a Kramatorsk, nella Repubblica Popolare di Donetsk.

Le forze di difesa antiaerea hanno abbattuto cinque veicoli aerei senza pilota negli insediamenti di Nikolayevka nella Repubblica Popolare di Luhansk, Slavne nella Repubblica Popolare di Donetsk, Petrovka nella regione di Zaporizhzhya e Bezvodne e Vishnevoe nella regione di Kherson.

Inoltre, otto lanciarazzi multipli HIMARS e Olha sono stati distrutti in aria nelle aree di Kakhovska HPP, Lubimovka, BERISLAV e Tavriyskoye della regione di Kherson.

Che l’avanzata ucraina sia ferma, lo hanno testimoniato anche le parole di uno dei consiglieri militari di Zelensky: «La fase di sfondamento è stata sostituita dal consolidamento delle posizioni delle forze armate ucraine. L’operazione continua, non solo nella parte orientale, ma anche nella regione di Kherson. La fase della svolta, del rapido avanzamento, dello tsunami è stata sostituita dalla fase del consolidamento dei risultati e delle battaglie per l’occupazione dei confini più vantaggiosi – come trampolini di lancio per i prossimi salti», ha dichiarato il consigliere dell’Ufficio del Presidente Oleksiy Arestovych. Salti verso dove, non è dato a sapere.

Secondo gli ucraini i chilometri quadrati liberati sono 500 e sei gli insediamenti abitati. A Kharkiv, a causa dei bombardamenti, l’elettricità e l’acqua sono interrotte. Notizia che conferma quella russa di attacchi di ieri al TPP-5 di Kharkiv, centrale idroelettrica, il sindaco Igor Terekhov ha dichiarato che i tecnici dell’energia, i soccorritori e i servizi pubblici stanno lavorando per eliminare le conseguenze dei bombardamenti. Intorno a mezzogiorno in città è suonato l’allarme anti-aereo. Dopo i nuovi bombardamenti la città è sera acqua e senza corrente.

Secondo il capo della JMA Serhiy Gaidai, la de-occupazione degli insediamenti nella regione di Luhansk potrebbe iniziare nel prossimo futuro. Tuttavia, è necessario liberare definitivamente la città di Lyman nella regione di Donetsk. Ed è proprio a Lyman che sono iniziate le battaglie di posizionamento di cui ha parlato il consigliere Arestovych.

Alle 13.20 la milizia popolare della DNR riferisce di avere il pieno controllo su Krasny Liman. Ma si apprende da giornalisti al fronte che l’esercito ucraino ha allestito un attraversamento su pontoni del fiume Severskyi Donetsk dalla parte di Raigorodka, che ha permesso loro di avvicinarsi alla periferia sud-occidentale di Krasnyi Liman.

Nel frattempo la PMC Wagner continua a prendere zone in direzione di Bakhmut. Dopo aver liberato il villaggio di Kodema, a sud di Bakhmut, i combattimenti alla periferia della città si sono intensificati. Nonostante i duri scontri, il gruppo stabilisce il controllo su un territorio sempre più vasto. Secondo i russi: Tutte le distruzioni di edifici residenziali sono causate dall’artiglieria ucraina, poiché i combattenti dell’unità non utilizzano questo tipo di armamento nelle aree popolate. Un post afferma: «Loro [i militari ucraini] sparano sui civili e anche sulle loro stesse postazioni se hanno paura che passiamo», ha detto uno dei combattenti della Wagner in una intervista a RT. La centrale nucleare Energodar è chiusa, tutti gli insediamenti nella parte controllata dai russi della regione ucraina di Zaporizhzhya ricevono elettricità dalla Crimea dopo la chiusura della centrale nucleare, ha dichiarato il capo dell’amministrazione civile e militare della regione, Yevhen Balitsky.

Secondo analisti militari della social sfera russa: «Forse gli ucraini colpiranno sul fronte meridionale non vicino a Ugledar, dove si trovano le unità veterane con molti anni di esperienza nelle battaglie contro gli ucraini e doverono attesi, dopo la dimostrazione ucraina delle loro intenzioni, ma altrove. Forse da qualche parte nella regione di Zaporozhye, dove non sono attesi gli ucraini aspettando di raggiungere il Mar d’Azov e tagliare il corridoio terrestre tra Russia e Crimea. L’impresa è estremamente rischiosa per l’AFU, ma ora è in piena attività e potrebbe fare qualche mossa improvvisa. Anche oggi i leader militari ucraini hanno detto che stanno per prendere la Crimea».

Nel frattempo cresce la preoccupazione per le organizzazioni internazionali per i civili filo russi a Kharkiv sotto il fuoco ucraino. Così come nei giorni precedenti preoccupava il destino degli ucraini all’arrivo dei russi.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here