#UKRAINERUSSIAWAR. Interrotti i colloqui nippo-russi sul Trattato di pace

50

Il Giappone ha reagito pesantemente il 22 marzo dopo che la Russia si è ritirata dai colloqui per il trattato di pace con il Giappone e ha congelato i progetti economici comuni relativi alle isole Curili a causa delle sanzioni giapponesi sull’invasione russa dell’Ucraina.

La Russia e il Giappone non hanno formalmente messo fine alle ostilità della Seconda guerra mondiale a causa del loro stallo sulle isole, prese dall’Unione Sovietica alla fine della Seconda guerra mondiale, appena al largo dell’isola più settentrionale del Giappone, Hokkaido. Le isole sono conosciute in Russia come le Curili e in Giappone come i Territori del Nord, riporta Reuters.

Il Giappone ha imposto sanzioni a 76 individui, sette banche e 12 altri enti in Russia, e ha incluso nella lista funzionari della Difesa russi e il suo ente esportatore statale di armi, Rosoboronexport.

La Russia non continuerà i negoziati con il Giappone su un trattato di pace «nelle condizioni attuali», aveva detto il 21 marzo il suo ministero degli Esteri, definendo il Giappone «apertamente ostile nei tentativi di danneggiare gli interessi del nostro paese».

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha detto che si è fortemente opposto alla decisione della Russia, definendola «ingiusta» e «completamente inaccettabile». «L’intera situazione è stata creata dall’invasione russa dell’Ucraina, e la risposta della Russia di portare questo evento nelle relazioni tra Giappone e Russia è estremamente ingiusta e completamente inaccettabile», ha detto Kishida, aggiungendo che l’atteggiamento del Giappone verso la ricerca di un trattato di pace non è cambiata e ha protestato contro la decisione russa. «Il Giappone deve continuare risolutamente a sanzionare la Russia in cooperazione con il resto del mondo», ha detto il premier nipponico.

Kishida, interrogato più tardi sulla cooperazione economica con la Russia, ha detto che il Giappone ha valutato qualsiasi opportunità di assicurarsi un approvvigionamento energetico a basso costo – un riferimento ai progetti energetici a Sakhalin, dopo il ritiro di Shell e Exxon Mobil.

Il segretario di gabinetto Hirokazu Matsuno ha detto che il Giappone ha presentato una protesta all’ambasciatore della Russia in Giappone, e più tardi il vice ministro degli Esteri giapponese ha convocato l’ambasciatore, Mikhail Galuzin, al ministero per presentare una protesta.

Galuzin è stato poi ripreso dal quotidiano Asahi Shimbun per aver detto che, data la situazione relativa alle recenti “azioni ostili”, la Russia non aveva intenzione di continuare i negoziati. La settimana scorsa il Giappone ha anche annunciato l’intenzione di revocare alla Russia lo status di nazione più favorita e di vietare le importazioni di alcuni prodotti.

L’anno scorso, il presidente Vladimir Putin ha detto che sia Tokyo che Mosca volevano buone relazioni e che era assurdo che non avessero raggiunto un accordo di pace.

Nel 2020, la costituzione della Russia è stata emendata per impedire di consegnare il territorio a una potenza straniera.

La Russia si è anche ritirata dai colloqui con il Giappone sui progetti commerciali congiunti sulle isole Curili e ha messo fine ai viaggi senza visto per i cittadini giapponesi, ha detto il suo ministero degli Esteri.

Antonio Albanese