#UKRAINERUSSIAWAR. Il settore bancario di Kiev sta tenendo bene

120

Il sistema bancario ucraino sta affrontando abbastanza bene la crisi causata dalla guerra con la Russia. La maggior parte dei servizi bancari rimane disponibile per i clienti, a patto che la sicurezza del personale e dei clienti non sia compromessa. Finora, le sfide di liquidità per le banche sono state minime grazie all’ingente stock di attività liquide di alta qualità e ai limitati deflussi di depositi. Tuttavia, i rischi potrebbero aumentare dato che l’afflusso di nuovi fondi alle banche dovrebbe diminuire.

Stando a BneIntellinews, I rischi di redditività e solvibilità saranno i principali rischi a medio termine per il settore bancario. Si prevede che la grande maggioranza delle banche finirà con un capitale negativo nel 2022, a causa degli effetti della guerra. Il settore bancario è riuscito ad adattare con successo le sue operazioni alle condizioni della guerra e continua a funzionare relativamente bene. Le banche hanno piani di emergenza e di recupero efficienti che le aiutano a mantenere le operazioni nelle aree che non sono direttamente colpite dai combattimenti. Ironicamente, l’esperienza del personale che lavorava a distanza durante il blocco di Covid-19 si è rivelata particolarmente preziosa per le banche.

Due banche locali, su 71, di proprietà del governo russo, filiali di Sberbank e Veb, sono state immediatamente mandate in liquidazione dopo lo scoppio della guerra. Queste entità rappresentavano il 2% delle attività del settore bancario, e la loro chiusura non ha avuto alcun impatto materiale sulla stabilità del settore finanziario.

Nelle regioni in cui l’esercito russo ha invaso o minaccia di invadere, la maggior parte dei punti vendita bancari sono chiusi. Tuttavia, all’inizio della scorsa settimana, in circa la metà di tutte le regioni dell’Ucraina occidentale e centrale più del 90% di tutti i punti vendita delle banche di importanza sistemica erano aperti. A Kiev circa 1 punto vendita su 10 era aperto.

La guerra ha spinto la Banca Nazionale dell’Ucraina a introdurre dei limiti sui prelievi di contanti, nessun limite ai pagamenti interni non in contanti è stato imposto; le aziende e gli individui sono liberi di fare qualsiasi trasferimento all’interno dell’Ucraina senza limitazioni.

Tutti i sistemi di pagamento funzionano correttamente; supermercati, distributori di benzina e farmacie accettano pagamenti con carte. I pagamenti non in contanti sono l’unico mezzo pratico di pagamento nelle regioni in cui la consegna dei contanti è impossibile per motivi di sicurezza. Il contante è ancora l’opzione preferita da molte Pmi.

I bancomat sono riforniti di contanti dove è sicuro e pratico. Tuttavia, le banche di solito stabiliscono limiti molto bassi per il ritiro giornaliero di contanti.

Per migliorare la protezione dei dati bancari, la NBU ha permesso rapidamente alle banche locali di spostare/duplicare tutte le informazioni su strutture cloud situate in Ue / Usa / Regno Unito / Canada. Questa opzione aiuta ad alleviare il rischio di perdite di informazioni in caso di danni fisici alle capacità di archiviazione dei dati in Ucraina.

Il settore bancario è rimasto completamente liquido sia in moneta ucraina che straniera finora. La base di finanziamento è stata robusta.

Lucia Giannini